Ogni giorno ha il suo male di Antonio Fusco [Serie del Commissario Casabona #1]

Ogni giorno ha il suo male

Serie del Commissario Casabona #1

di Antonio Fusco

Titolo: Ogni giorno ha il suo male 
Autore: Antonio Fusco
Serie: Trilogia del Commissario Casabona #1
Edito da: Giunti
Genere: Giallo, Thriller
Pagine: 240 p. || Prezzo: 5,87€ cartaceo || Formato: ebook, cartaceo

Trama dell’editore: La sonnacchiosa provincia toscana di Valdenza è improvvisamente scossa dall’omicidio di una donna che viene ritrovata in casa, in una posizione innaturale e con una fascetta stringicavo attorno al collo. Si pensa subito al movente passionale, ma all’occhio esperto di Casabona, il commissario incaricato del caso, qualcosa fin da subito non quadra: troppi elementi diversi sulla scena del crimine, troppi particolari contrastanti. Schivo, ma con una forte carica umana, reso cinico da troppi anni di mestiere alle spalle, Casabona capisce ben presto che l’omicidio è solo l’inizio di un vortice di morte: un gioco molto pericoloso in cui le regole sono quelle stringenti e folli di un serial killer. E Casabona non può che accettare la sfida. “Chiediti perché e troverai il movente e se troverai il movente sarai vicino all’assassino”: seguendo questa frase come un mantra e con l’aiuto dell’affascinante collega Cristina Belisario, Casabona cercherà di venirne a capo e per farlo sarà obbligato anche a una profonda riflessione sull’impotenza dell’essere umano rispetto alle conseguenze delle proprie azioni.

Serie del Commissario Casabona:

1. Ogni giorno ha il suo male
2. La pietà dell’acqua
3. Il metodo della fenice

Clicca sui titoli per leggere le altre recensioni dei libri della serie.

Recensioneù

                   di MartiMoka

Ogni giorno ha il suo male racconta le indagini del commissario Casabona e del suo team di investigatori. È un giallo leggero che scorre piacevolmente grazie allo stile dell’autore, Antonio Fusco. A catturare il lettore è soprattutto il ritmo della narrazione che non lascia tregua, una corsa contro il tempo per fermare l’assassino, un serial killer.

Il protagonista è un uomo tutto d’un pezzo, come ci si aspetta da un commissario della polizia, ma che sa anche essere tenero quando la situazione lo richiede. Nelle vesti di padre lo vediamo amorevole e comprensivo, tutto il contrario di come si presenta sul lavoro, indurito dai tanti anni di servizio. La coprotagonista è una donna ironica e professionale ma che non rinuncia alla propria carica sensuale. Non si tira indietro davanti al lavoro duro, consapevole di lavorare in un ambiente “da uomini” non si fa spaventare da chi alza la voce per cercare di affermare la propria posizione.
È difficile, però, creare un legame empatico con i personaggi che rimangono statici. Fusco, infatti, non riesce a trasformarli in persone, nonostante lo sforzo di raccontarli nella loro debolezza e nei punti di forza.

Si addormentò con il pensiero che da qualche parte, non molto distante da lui, una persona nel buio di quella notte si era trasformata nell’angelo della morte e aveva compiuto l’azione assoluta, l’abbraccio di un istante con il mistero dell’eternità e con la più inevitabile delle conseguenze: aveva ucciso

Il lettore, catapultato tra le mura del commissariato, viene reso protagonista con i piccoli indizi che piano piano costruiscono un quadro perfettamente logico e funzionante. L’autore, infatti, sceglie di raccontare le indagini nella loro difficoltà, quasi senza romanzare il loro svolgimento. Questo perché Fusco conosce ciò di cui sta scrivendo, e questa consapevolezza trapela in ogni pagina, riuscendo a creare una trama coinvolgente ma anche credibile.

Lo stile leggero, tipico dei thriller all’italiana, rende la lettura molto scorrevole che risulta, purtroppo, un po’ rallentata dalla costruzione dei dialoghi che, soprattutto in alcuni passaggi, risultano finti. Questo crea uno stacco nell’immedesimazione del lettore, fondamentale per i libri di questo genere letterario.

Consiglio la lettura a chi sta cercando un buon libro e a chi ama le serie poliziesche con commissari burberi che però in fondo hanno anche un cuore (che in questo momento stanno letteralmente spopolando).

Abbiamo votato questo romanzo:1Astelle

ANTONIO FUSCO Antonio Fusco è nato nel 1964 a Napoli. Laureato in Giurisprudenza e Scienze delle pubbliche amministrazioni, è funzionario nella Polizia di Stato e criminologo forense. Ha lavorato a Roma e a Napoli. Dal 2000 vive in Toscana, dove si occupa di indagini di polizia giudiziaria. Per Giunti sono usciti con grande successo: “Ogni giorno ha il suo male” (2014, Premio Scrittore Toscano, Premio Garfagnana in Giallo, Premio Apoxiomeno); “La pietà dell’acqua” (2015, Premio Mariano Romiti, Best 2015 nella classifica di iTunes, Premio Furio Innocenti, Trofeo Rinaldo Scheda); “Il metodo della fenice” (2016, Best 2016 nella classifica di iTunes). Nell’autunno del 2017 uscirà, sempre per Giunti, la quarta attesissima indagine di Casabona.
 

∼ Posted by MartiMoka
Edited by CriCra

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi