Trilogia delle Gemme di Kerstin Gier [GREEN]

Kerstin Gier;

Kerstin Gier è nata nel 1966 e vive con marito e figlio vicino a Bergisch Gladbach, in Westfalia. Alla sua attività di insegnante ha affiancato, dal 1995, quella di scrittrice. I suoi romanzi, come Männer und andere Katastrophen, da cui è stato tratto un film, Für jede Lösung ein Problem e Die Mütter-Mafia sono rimasti per mesi in vetta alle classifiche tedesche dei libri più venduti, ma è con Red che Kerstin Gier ha raggiunto il successo mondiale. Un successo da 600.000 copie e diritti venduti in 15 Paesi.

Sito: http://www.kerstingier.de/

 

Trilogia delle Gemme (Ita)/Edelstein Trilogie (U.S.A)/Liebe geht durch alle Zeiten (L’amore attraverso i secoli)(Ger)

1. Red (isbn:9788863801927)Rubinrot (rubino)
2. Blue (isbn: 9788863802771)  – Saphirblau (zaffiro)
3. Green (isbn: 9788863802849) Smaragdgrün (smeraldo)

 

Titolo: RED
Autore: Kerstin Gier
Serie: Trilogia delle Gemme, 1
Edito da: Corbaccio
Prezzo: 16,60€
Genere: Young Adulti, Urban Fantasy, Storico, Fantascienza,
Pagine: 340 p.
Voto: 

Trama: Gwendolyn Sheperd è un’adolescente dei nostri giorni. Ha sedici anni e abita in una grande casa nel cuore di Londra con madre, zia, prozia, nonna, sorella, fratello e cugina. La sua è una famiglia un po’ speciale, perché si tramanda un gene che permette di viaggiare nel tempo. Come se non bastasse, Gwendolyn ha pure la dote personalissima di vedere – e parlare – con gli spiriti dei morti Il primo a rendersi conto della straordinaria caratteristica ereditaria della famiglia era stato il conte di Saint Germain, un antenato vissuto nel XVIII secolo che, dopo approfonditi studi sull’argomento, aveva creato la società dei “Guardiani” votati alla custodia del segreto e del “cronografo”, strumento fondamentale che permette ai viaggiatori di muoversi senza troppi rischi in altre epoche. 12 sono i viaggiatori nel tempo, aveva scoperto il conte, nati in diversi periodi storici e legati ciascuno a una pietra preziosa e a una nota musicale. L’obiettivo era di raccogliere una goccia di sangue di ciascuno di essi nel cronografo, per chiudere il cerchio e svelare così il segreto dei segreti, un mistero di cui solo lui è a conoscenza. Forse la pietra filosofale? Forse l’immortalità? Ma in che modo Gwendolyn è coinvolta, qual è il suo ruolo all’interno dei guardiani? E che cosa ha a che fare con lei l’affascinante ma freddo Gideon? E la cugina Charlotte sembra improvvisamente avercela con lei? In un susseguirsi di colpi di scena e di sorprese, di avventure e di smarrimenti, la nostra eroina scoprirà .molte cose di sé, della sua famiglia e del mistero che avvolge i guardiani del tempo. Ma molte cose restano ancora da scoprire.

Mi sentii strattonare in aria all’improvviso. Avevo lo stomaco sottosopra. La strada si trasformò in un fiume grigio davanti ai miei occhi. Quando tornai a vedere chiaramente, scorsi un’auto d’epoca che girava l’angolo mentre io ero inginocchiata sul marciapiede e tremavo di paura. C’era qualcosa che non andava nella via. Era diversa dal solito.
Il presentimento che mi aveva assalito si andava trasformando lentamente ma irrevocabilmente in un’agghiacciante certezza. Sapevo perfettamente che cosa era successo. Lo sapevo e basta. E sapevo anche che doveva esserci stato un errore. Ero finita in un’altra epoca. Non era successo a Charlotte. Era successo a me. Qualcuno doveva aver commesso un errore madornale.

 

Recensione
di Nasreen

“Red” è il primo libro della fortunatissima ed acclamatissima trilogia dell’autrice tedesca Kerstin Gier, trilogia che le ha permesso di valicare i confini tedeschi e di trovare successo e fans in ogni paese in cui è stata pubblicata. Ad un solo anno di distanza dall’uscita tedesca, per fortuna, i suoi libri arrivano in Italia grazie alla Corbaccio che ci propone le avventure temporali di Gwendolyn Sheper in una veste assolutamente elegante e intrigante; sembra proprio che le case editrici italiane inizino a comprendere cosa significa fare delle “belle copertine“. Siamo molto soddisfatti!

Il titolo scelto in Italia, “Red“, affiancato al titolo della serie “Trilogia delle Gemme” lascia un po’ perplessi, dato avrebbe colto molto più nel segno la semplice traduzione del titolo orginale “Rubino“, ma nulla di grave visto che anche quello scelto è comunque attienente al romanzo.

A parte questo particolare praticamente irrilevante, possiamo dire di capire perfettamente per quale motivo questa saga ha avuto un tale successo, basta pensare che i diritti sono già stati acquistati in almeno 15 paesi a distanza di un solo anno! Questo lavoro è indubbiamente rivolto ad un pubblico giovane ma nulla impedisce a un adulto di leggerlo e trovarlo molto coinvolgente e appassionante. Ci troviamo, infatti, di fronte ad un urban fantasy sapientemente amalgamato con un tocco di romance, storico e di fantascienza, un romanzo carico di suspance con una trama ben strutturata, dopotutto l’autrice si diverte a giocare con i salti nel tempo e il cosiddetto continuum temporale!

Il testo si apre con la vita perfettamente normale e serena di Gwendolyn Sheperd, una delle discendenti di un’antica famiglia possessori del gene temporale, gene che permette loro di viaggiare nel tempo. La sua vita è tranquilla e tutto quello di cui si deve preoccupare è la scuola, una casa troppo grande ma troppo affollata e una cugina con la puzza sotto il naso che tende a trattarla come se fosse un sempliciotta. Certo, sempre se non viene considerata la sua capacità di vedere i fantasmi, in tal caso la sua vita sarebbe davvero perfetta!

Ma tutti in famiglia sono in fibrillazione, ben presto sua cugina avrà il suo primo “salto” e questo in un certo senso spinge Gwendolyn a dispiacersi per quella ragazza che, benchè un po’ acida e snob, probabilmente non avrà mai una vita propria e si troverà costantemente in pericolo durante i salti temporali… Gwendolyn non si sente certamente in vena di provare rancore verso Charlotte e si ritiene molto fortunata di esser scampata a quell’assurda vita.

Peccato che, ironia della sorte, mentre si accinge ad accompagnare a casa Charlotte, sentitasi male a scuola, la strada davanti agli occhi di Gwendolyn comincia a sfocarsi: una vertigine, un lieve svenimento. Il tempo di un attimo ed è tutto passato, peccato solamente che quella sia la seconda volta nel giro di 24 ore; e quando qualcuno cresce in una famiglia come quella di Gwendolyn, impara in fretta a non credere nelle coincidenze, anche se vorrebbe.

La vita della ragazza da quel momento non sarà più la stessa, verrà catapultata in un mondo di cui non ha mai fatto parte e dovrà perfino vedersela con l’animosità della famiglia, che vedono in lei una futura traditrice nonchè una “palla al piede” vista la sua ignoranza. Fra un salto e l’altro indietro nel tempo, l’ostilità di Gideon, gli attacchi alla sua vita e il continuo boicottaggio della precedente “Viaggiatrice”, nonchè sua parente e traditrice della “Missione”, Gwendolyn dovrà imparare in fretta e sulla sua pelle che giocare con il tempo non è mai indolore e, soprattutto, che la sua vita non sarà più come prima.

Un bel libro, scritto con quel tocco di ironia che rende la lettura ancora più accattivante e intrigante. Assolutamente consigliato per chi cerca una lettura interessante, stimolante e carica di avventura.

Titolo: Blue
Autore: Kerstin Gier
Serie: Trilogia delle Gemme, 2
Edito da: Corbaccio
Prezzo: 16,60€
Genere: Young Adulti, Urban Fantasy, Storico, Fantascienza,
Pagine: 352 p.
Voto: 

Trama: «Molto probabilmente il mio organismo aveva prodotto più adrenalina negli ultimi giorni che nei sedici anni precedenti. Erano successe così tante cose e avevo avuto così poco tempo per riflettere…» 
Gwendolyn ha tutte le ragioni di questo mondo per pensarla così. Ha appena scoperto di non essere una normale ragazza londinese, bensì una viaggiatrice nel tempo che i Guardiani – una setta segreta che ha sede nel dedalo di vie intorno a Temple Church – invia nelle epoche passate per prelevare una goccia di sangue dai dodici prescelti e completare il Cronografo, una missione misteriosa che i Guardiani perseguono da secoli.

Peccato che la sua famiglia non l’avesse informata perché tutti erano convinti che la predestinata fosse l’odiosa cugina Charlotte e peccato che, di conseguenza, Gwen avesse trascorso gli ultimi sedici anni della propria vita a studiare (poco), giocare (molto), chiacchierare e divertirsi con le amiche. Mentre avrebbe dovuto imparare a tirare di scherma, ballare il minuetto, apprendere nozioni di storia universale e conversare in modo appropriato con l’aristocrazia del Settecento.

Quasi tutto, nella sua nuova situazione, la infastidisce: essere sballottata avanti e indietro nei secoli, la supponenza mista a invidia della cugina Charlotte, la noia delle lezioni di ballo e portamento…
Poche cose le piacciono: il piccolo doccione fantasma Xemerius, che solo lei può vedere e, naturalmente, il suo compagno di viaggi nel tempo: Gideon, bello da morire, anche se è talmente imprevedibile con lei da farla impazzire dal desiderio e dalla rabbia insieme.

Invece, senza alcun dubbio, Gwen sa di cosa avere paura: del conte di Saint Germain, il grande burattinaio che tiene le fila di tutto e che vuole completare al più presto il Cronografo, prima che i nemici glielo impediscano. Ma chi sono veramente i nemici? Perché Gwen non riesce a fidarsi di lui?

Recensione
di CriCra

Eccoci arrivati al 2° appuntamento di questa nuova e, a mio parere, molto originale Trilogia. La cosa  originale di sicuro è che in questo libro, una volta tanto, non si parla di Vampiri, Demoni o Angeli e così discorrendo, ma di un argomento che al pari di essi, riscontra grande successo come appunto “il viaggio nel tempo”.

Posso solo dire che adoro i fantasy che trattano l’argomento travel, perché hanno la capacità di farti viaggiare con la mente e portarti con la fantasia in epoche e in luoghi, che non ti sogneresti mai di poter raggiungere.

In questo nuovo appuntamento ritroviamo tutti i protagonisti del libro precedente, RED, sia quelli simpatici – vedi Madame Rossini – sia quelli antipatici – vedi ad esempio la cugina Charlotte e il saccente Giordano, che si pensa di essere un dio sceso sulla terra, altamente snob ed irritante.

Man mano che la lettura prende vita, la storia dei due protagonisti principali, Gwen e Gideon, sembra fare dei passi avanti sotto il lato sentimentale, ma allo stesso tempo sembra irta di ostacoli continui, tra i quali spicca quello più importante di tutti, che a parer mio è quello della fiducia reciproca  e di cui Gwen ne cade vittima inconsapevolmente.

New entry, davvero e sottolineo davvero ESILARANTE e straordinario è il personaggio Xemerius,un Demone Doccione fantasma, che solo Gwen può vedere e sentire, grazie alla sua capacità appunto di vedere i fantasmi di umani e non (come in questo caso).

Un susseguirsi di segreti, di profezie da svelare, di codici da decifrare, intervallati da momenti intercalari davvero affascinanti, divertenti, ironici nelle battute sia della protagonista, Gwen, sia del suddetto demone.

Un libro divertente e pieno di suspense, che ti tiene col fiato sospeso portandoti fino alla fine, facendoti rendere conto di non vedere l’ora di leggere come andrà a finire questa storia, armandosi di buona pazienza fino al prossimo libro che chiuderà la trilogia: Green.

Titolo: Green
Autore: Kerstin Gier
Serie: Trilogia delle Gemme, 3
Edito da: Corbaccio
Prezzo: 18,00€
Genere: Young Adulti, Urban Fantasy, Storico, Fantascienza,
Pagine: 352 p.
Voto:

Trama: Che si fa quando si ha il cuore spezzato? Si telefona alla migliore amica, si mangia cioccolato e ci si macera nel proprio dolore. Solo che Gwendolyn, viaggiatrice nel tempo suo malgrado, dovrebbe conservare tutte le sue energie per altre cose: sopravvivere, per esempio. Perché la trappola che il temibile conte di Saint Germain ha costruito nel passato è pronta a scattare nel presente. E per riuscire a trovare la soluzione dell’oscuro segreto, Gwen e Gideon, fra un litigio e l’altro, dovranno buttarsi a capofitto nei secoli passati cercando di schivare pericoli mortali.

Recensione
di CriCra
ATTENZIONE SPOLIER!

Ed eccoci giunti all’epilogo finale di un’altra splendida trilogia che, con i suoi protagonisti e le loro avventure, ci hanno accompagnato fino a qui.

Green si apre proprio laddove si era interrotto il suo antecedente “fratello” Blue.

Avevamo lasciato la nostra eroina Gwendolyn, sconvolta dalla rivelazione da parte del misterioso Conte Saint Germain, che l’aveva messa al corrente di come l’amore del suo caro Gideon non fosse stato altro che una crudele menzogna, con l’unico fine di accattivarsi la propria collaborazione e, ancora più grave, la sua fiducia.

Gwen, sconvolta da tutto questo, trova conforto nella sua migliore amica Leslie, sempre presente per lei in ogni circostanza:

“Credo di avere una reazione allergica.”
“Sono solo chiazze di rabbia” diagnosticò Leslie dopo che le ebbi descritto quello che vedevo.
“Come sono i tuoi occhi? Lampeggiano minacciosi?”
Guardai la mia immagine riflessa. “Direi di si. Somiglio un po a Helena Bonham-Carter nella parte di Bellatrix Lestrange in Harry Potter. Decisamente minacciosi.”
“Mi sembra giusto. Senti, adesso esci da lì e inceneriscili tutti uno a uno, ok?”
Assentì obbediente e glielo promisi.

e nell’oramai onnipresente fantasma/amico Xemerius il quale, in maniera davvero allegra e simpatica, fa compagnia a Gwen e a tutti noi durante tutta la storia del libro facendoci sorridere, anche inconsapevolmente, grazie alle sue divertenti battute ed interventi improvvisi:

“Dimmi un po, che cosa hai in bocca?”
Xemerius sputò e schioccò la lingua.
“Ora niente. Mi sono divorato quel piccione che dormiva sul tetto. Mannaggia alle penne.”

Cercando di dominare il suo cuore “di marzapane” spezzato, Gwen continua insieme a loro le sue ricerche, per cercare di svelare il segreto del cerchio di sangue, il quale a detta di molti, profetizza che una volta completato con il sangue dei 12 prescelti – ognuno differenziato a sua volta, da una gemma preziosa – si potrà ottenere la scoperta di una miracolosa medicina, in grado di curare ogni malattia presente al mondo o se non addirittura la vita eterna, che si scoprirà appunto il Conte cerca di ottenere con ogni mezzo. Ma quale sarà il prezzo di tutto questo?

Gwen, grazie alla sua astuzia, continua i suoi viaggi indietro nel tempo andando a trovare il suo oramai defunto nonno, Lord Lucas Montrose, il quale, ad insaputa di tutti, le ha lasciato nascosto nel suo presente all’interno di un baule murato dentro una stanza il giorno prima della sua morte il famoso cronografo, che era stato rubato nel passato da coloro che (Lucy e Paul)  sono considerati dei traditori dall’intera Cerchia dei Guardiani a cui fa capo appunto il Conte Saint Germain.

Intanto fervono i preparativi che dovranno portare Gwen e Gideon nuovamente nel passato al cospetto del Conte, come sempre accompagnati dagli splendidi abiti d’epoca creati appositamente per loro dall’esperta di moda temporale, Madame Rossini, lasciando ogni volta una Gwen estasiata per la loro bellezza e il povero Gideon esasperato per la loro poco praticità.

Ed è proprio durante questo incontro che Gwen verrà colpita a morte dal crudele rappresentante  dell’Alleanza Fiorentina, Lord Alastair, il quale, imperterrito, conduce la sua lotta contro coloro che chiama demoni malefici (Gwen e tutti i viaggiatori nel tempo). A sua volta viene colpito da Gideon che, disperato per l’accaduto, credendola oramai in punto di morte le confessa il suo amore.

Tornati nel loro presente Gideon e la stessa Gwen rimarranno sconvolti dalla verità svelata: Gwen è una immortale. Secondo le carte studiate da Gideon, consegnategli in un precedente incontro temporale da Paul e gli indizi raccolti da Leslie, Gwen, fin dalla nascita, è immortale, nessuno può toglierle vita, a meno che non sia lei stessa a farlo, in un gesto disperato per amore verso Gideon.

“ Sappi dunque, una stella si consuma per amore,
se sceglie liberamente di distruggersi il cuore”

Dopo questo episodio i due ovviamente si riavvicinano e, proprio mentre stanno preparandosi per  un’altra seduta di trasmigrazione nel tempo, Gwen sente una conversazione tra sua madre e i membri della cerchia. Lei è figlia di Lucy e di Paul e questa sconvolgente verità la porta a rifugiarsi nelle braccia di Gideon, il quale dopo averla fatta calmare e ragionare, le dice che devono fare di tutto per mettere al corrente i suoi veri genitori e fare in modo di sventare i piani del Conte e della sua folle corsa all’immortalità. Ci riusciranno?? Leggete e saprete ovviamente!

“…il profumo del tempo l’aria riempirà,
soltanto uno in eterno resterà.”

La lettura viene gratificata grazie al linguaggio usato che è davvero molto semplice, per niente complesso o insipido, al contrario è sempre scorrevole, ironico, moderno, romantico, malinconico, commovente e divertente.

Ho potuto notare come l’autrice abbia dato grande rilevanza a quella che è appunto la nota primaria, ossia il compimento della missione dei due protagonisti e di chi gli sta accanto ad aiutarli, mettendo da parte anche l’amore stesso tra i due, senza però ridurne l’importanza, anzi, dandone in questo modo una maggiore esaltazione in pochi ma specifici passaggi, specie nel finale che strategicamente è lasciato romanzato e con una piccola divertente chicca, per la fantasia di ogni lettore.

Un piccolo appunto vorrei farlo verso dei passi che, secondo me, avrebbero meritato di essere approfonditi, per esempio dell’improvviso aiuto di Mr. White – il dottore – tanto da sostenere Gwen nella sua falsa malattia. Cosa può averlo fatto sospettare sulla vera identità del Conte stesso?

Perché lei non confessa a Gideon della sua capacità di vedere i fantasmi? Perché Gwen torna indietro nel tempo per salvare James e non fa lo stesso per Robert, il figlio/fantasma del dottore o per evitare al suo stesso nonno di morire?

Lo so, forse sto esagerando con tutti questi interrogativi sulla trama, del resto non sarebbe poi una semplice storia di fantasia ma, chissà! Forse lo sto facendo solo per lasciarmi aperta un’ipotetica speranza che l’autrice, in futuro, ci ripensi e torni ad incantarci con le avventure di Gwen, Gideon, Xemerius e Company.

Dopo tutto è già successo, anche da poco: Elizabeth Chandler docet!

Vi lascio con questa piccola splendida citazione che si trova nel libro:

“ Chi è amato non può morire, perchè l’amore significa immortalità.”

(Emily Dickinson) 


Lascia un commento

6 risposte a “Trilogia delle Gemme di Kerstin Gier [GREEN]”

  1. […] delle Gemme- [Ragazzi] – [Recensioni Libri] – […]

  2. Chrysallis ha detto:

    Adesso ho ancora più voglia di leggerlo! Bella recensione ^^.

  3. Azzurra ha detto:

    Quindi ne vale la pena?! Bene, anche se stò già male al pensiero.

    La lista si allunga ogni giorno e non so più come fare a tenerle dietro…prego in turco/cinese/ostrogoto che la fiera di libri usati che ha scoperto weirde qui da noi si riveli decente…altrimenti un mutuo non mi basterà più. 😀

  4. […] Trovate i dati e la presentazione del libro ->> *QUA* […]

  5. […] Trovate i dati e la presentazione del libro ->> *QUA* […]

  6. alexandra ha detto:

    Ciao a tutte…ho appena finito BLUE… BELLISSIMO! Chi è più illuminata di me sa per caso dirmi quando esce SMERALDO?

    • Nasreen ha detto:

      In realtà è quello che ho chiesto alla Corbaccio. da quel che ho capito fra le righe se ne parla a primavera 2012…

  7. ele999 ha detto:

    ho appena letto Red e l'ho subito adorato!! ho 12 anni e mi devo comprare Blue in questi giorni non vedo l'ora !!!!! Red è , sottolineando è 3 volte IL LIBRO PIù BELLO DEL MONDO !!!! almeno secondo me !!!! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi