Benny Imura Series di Jonathan Maberry [Dust&Decay #2]

Jonathan Maberry

Jonathan Maberry è romanziere, drammaturgo, sceneggiatore di fumetti alla Marvel Comics (The Black Panther, Wolverine, Spider-Man) e multi-premiato autore al prestigioso Bram Stoker Award (Ghost Road Blues, 2006; The Cryptopedia, 2007). Inoltre, è l’acclamato autore di Patient Zero, opzionato dalla ABC Televsion per una serie tv,  Dead Man’s Song, Bad Moon Rising  e Zombi CSU: The forensics of the Living Dead, quest’ultimo vincitore del Black Quill Award del 2008.

Rot&Ruin si è aggiudicato un Gold Star Award nel 2010, ed è la prima zombie novel dedicata dall’autore a un pubblico Young adult. Primo libro di una serie, al quale seguiranno Dust & Decay (2011), Flash&Bone (2012) e Fire&Ashes (2013). Maberry è membro di diverse associazioni di scrittori, tra le quali la Science Fiction Writer Associations (SFWA) e la Horror Writers Associations (HWA).

Sito Ufficialehttp://www.jonathanmaberry.com/


Benny Imura Series:

1. Rot & Ruin, 2011
2. Dust & Decay, 2012
3. Flash & Bone, 2012
4. Fire & Ashes, 2013

 

Titolo: Rot & Ruin
Autore: Jonathan Maberry (Traduttore:  D. Mazzocchi)
Serie: Serie Benny Imura, vol.1
Edito da: DelosBooks (Collana: Odissea Zombie)
Prezzo: 15.90€
Genere: Young Adult, Zombie, Horror
Pagine: 367 p.
Voto: 
   

Trama: Nell’America post-apocalittica infestata dagli Zombie, dove Benny Imura vive, ogni adolescente deve trovarsi un lavoro al compimento del quindicesimo anno di età, o dimezzare per sempre la propria razione quotidiana di cibo. Benny non è interessato a portare avanti il business di famiglia, ma non ha scelta visti i precedenti fallimenti lavorativi; così accetta di diventare un cacciatore di zombie come quel vigliacco di Tom, il suo fratellastro. Il ragazzo si addentra nella desolata Rot & Ruin, il territorio in cui sono confinati gli zombie, con riluttanza, convinto di svolgere un lavoro noioso e pressoché inutile… prima di imbattersi in un terra senza dio, che gli aprirà gli occhi su un mondo totalmente diverso dalla vita a cui era abituato. Conoscerà il suo passato, i lati nascosti della personalità di Tom e il motivo per cui viene considerato da tutti come un eroe: perché là fuori, lontano dalle recinzioni del fortilizio, le distese aride di Rot & Ruin pullulano di rinnegati assassini a caccia di adolescenti, di segreti mortali, di zombie e di bellezze cresciute nelle oscurità del tempo. Rot & Ruin è molto più che un deserto senza vita.

Recensione
di Reading mind

“Non c’è nessun posto sicuro, Benny.
A meno che la vostra generazione non riesca
a fare in modo che i luoghi siano sicuri.
La mia ha smesso di provarci.”

Zombie. Scenario post-apocalittico. Un ragazzino adolescente. Per quanto mi riguarda, erano pessimi elementi su cui basare una storia. Tuttavia Rot & Ruin ha dato al detto ‘non giudicare il libro dalla copertina’ (o meglio dalla trama) un significato tutto nuovo, perché alla fine del libro ero assolutamente e irrimediabilmente innamorata di Benny, di Tom e della scrittura di Maberry.

Non è un caso che questo libro abbia ricevuto importanti riconoscimenti ma, fino quando non ho avuto l’occasione di leggerlo, è rimasto a marcire sulla mia pila di libri da leggere, più o meno come marciscono gli zombie. Come poteva una storia di zombie essere appassionante? Era fuori dalla mia ‘zona’ di lettura. Quanto mi sbagliavo…

Andiamo per ordine: ci troviamo in un mondo dove gli zombie hanno preso il controllo e gli umani si sono ridotti a vivere in zone barricate. Ci sono cacciatori di zombie, ci sono ragazzini che lavorano, c’è una società stanca, spossata, che cerca solo di sopravvivere. La pietà non esiste, la gentilezza è d’altri tempi e Rot & Ruin, la terra degli zombie, è piena di insidie. I morti infatti si sono risvegliati e sono tornati in vita come zombie e le persone stanno facendo del loro meglio (e, in alcuni casi, del loro peggio) pur di sopravvivere.

Benny è un adolescente arrabbiato, che crede di saper tutto, pieno di risentimento per suo fratello Tom, un cacciatore di zombie, che crede un codardo per essere scappato durante la notte in cui gli zombie invasero la loro nazione. Tuttavia, dovendo cominciare il suo praticantato, Benny finisce per diventare allievo di Tom, dopo una serie di lavori andati male. In questo modo ha l’occasione di visitare la terra degli zombie e vedere suo fratello all’opera, un fratello che non è per nulla il codardo e lo stupido che pensava, ma un duro compassionevole che mette fine alla vita degli zombie in modo dignitoso.

Mentre Benny comincia a capire che il rispetto che Tom ha da parte di molte persone è più meritato di quello che credeva, e mentre capisce di provare qualcosa per la sua amica Nix, le voci sulla Lost Girl, una ragazza-leggenda che si dice sia viva nella terra degli zombie pur essendo umana, si fanno più insistenti. Alcuni cacciatori si vantano di tutti gli zombie che uccidono, diventando gli idoli dei ragazzini. Qualcuno cerca di uccidere Benny e Tom. Nix viene rapita, con l’intento di condurla a Gameland, un posto dove si portano avanti cruenti e crudeli giochi con gli zombie. Il mondo di Benny implode su sé stesso e il ragazzino si ritrova improvvisamente cresciuto, dopo aver assistito ad alcuni episodi che lo segnano nel profondo.

Rot & Ruin è molto più di un romanzo young adult. I personaggi sono ben delineati e Benny, il teenager inizialmente insopportabile, cresce molto durante lo sviluppo della storia e impara. Impara cosa sia il rispetto, la dignità, il perdono; impara ad ammettere i propri sbagli e a guardare le cose da un altro punto di vista. Soprattutto, Benny impara a riflettere prima di giudicare.

Altro personaggio davvero molto interessante è Tom, il fratello maggiore di Benny. Paziente, gentile ma fermo, duro quando necessario, compassionevole quando serve. Il rapporto tra i due fratelli è sicuramente una delle cose che mi è più piaciuta del libro e ho davvero apprezzato il modo di ragionare di Tom e le spiegazioni che dà  riguardo al suo essere cacciatore di zombie.

Inoltre, la storyline sugli zombie è stata sorprendentemente interessante e mi sono ritrovata coinvolta ben presto. Maberry ha fatto un lavoro eccellente pur utilizzando alcuni cliché (i due fratelli che non vanno d’accordo, gli zombie cattivi, la città post-apocalittica) e il risultato è davvero un bel libro. Un libro in cui anche gli umani, a volte, si dimostrano dei mostri.


Titolo: Dust & Decay
Autore: Jonathan Maberry (Traduttore:  D. Mazzocchi)
Serie: Serie Benny Imura, vol.2
Edito da: DelosBooks (Collana: Odissea Zombie)
Prezzo: 14.90€
Genere: Young Adult, Zombie, Horror
Pagine: 320 p.
Voto: 
   

Trama: Sono trascorsi sei mesi dalla terribile battaglia contro Charlie-occhio di vetro e Motor City Hammer, nelle infestate terre di Rot & Ruin; sei mesi da quando Benny Imura e Nix hanno visto qualcosa sorvolare i cieli. Qualcosa che ha cambiato per sempre la loro vita.
Ora, dopo mesi di rigorosi allenamenti impartiti dal grande cacciatore di zombie Tom Imura, Benny e Nix sono pronti per lasciare Mountainside in cerca di un futuro migliore. Lilah, la Lost Girl, e il miglior amico di Benny, Lou Chong, andranno con loro.
Il viaggio si prospetta interessante. Ma pochi istanti dopo aver superato i cancelli del fortilizio, la compagnia si rende conto che qualcosa di inquietante aleggia tra i boschi: non solo zombie, ma anche animali selvaggi mai visti prima, uomini deliranti, falsi profeti e… ciò che resta degli orrori di Gameland, dove gli adolescenti sono spinti a battersi per la propria vita in perversi giochi di sopravvivenza.
E peggio che mai, può quel diavolo di Charlie-occhio di vetro essere ancora vivo?
A Rot & Ruin ogni cosa può ucciderti. E non tutti, nella piccola compagnia, riusciranno a sopravvivere…


Recensione

by Momi87

Dust & Decay è il secondo romanzo della serie de le avventure di Benny Imura”, scritto da Jonathan Maberry ed edito in Italia da Delos Books all’interno della collana zombie.

Nel primo romanzo della serie conosciamo Benny, ingrato quindicenne, che crede di vivere con un debole senza spina dorsale, il fratello Tom, uno dei pochi samurai rimasti in vita. In questa nuova società al compimento dei quindici anni bisogna cercarsi un lavoro altrimenti le razioni alimentari verranno dimezzate. Dopo i vari tentativi di Benny di trovare un lavoro che fosse adatto a lui si ritrova a dover accettare l’offerta del fratello, viaggiando insieme nel regno di “Rot & Ruin” per dare una degna “chiusura” agli zombie. Nel primo romanzo incontriamo vari uomini che hanno fatto del loro mestiere, cacciatori di zombie, un vero è proprio giro di affari, come la creazione di “Gameland”, un luogo dove costringono dei bambini appena adolescenti a combattere con armi di fortuna contro gli zombie in un’arena. Gli Z-Games sono un’atrocità e già una volta Tom ha bruciato quel luogo per porre fine ai combattimenti, ma questi cacciatori hanno ricostruito nuovamente il loro business spostando la loro sede nella vasto territorio di Rot & Ruin.

Dust & Decay riparte mostrandoci la preparazione del viaggio che Benny, Tom, Nix e Lilah hanno intenzione di intraprendere per cercare l’aereo che sei mesi prima hanno visto sorvolare il cielo.

Cosa c’è di tanto strano nel vedere un aereo nel cielo? Tutto per dei ragazzi che hanno vissuto la propria vita dopo la tremenda epidemia della Piaga, i protagonisti non conosco le cose che per noi sono di uso comune come internet, computer, videogiochi e qualsiasi cosa di elettronico, si può dire che questa epidemia ha riportato gli umani a vivere con solo le cose necessarie per la vita.

Un romanzo in cui il sentimento predominante è la speranza: la speranza di un futuro libero dagli Zom, un futuro in cui la gente inizierà a reagire alla piaga che 14 anni prima si è sparsa nel mondo, la speranza di cambiare la situazione che è propria delle nuove generazioni, poiché chi ha vissuto in prima persona questa grande “malattia” non riesce a reagire continuando ad avere avanti ma non vivendo appieno la propria vita, riuscendo a malapena a sopravvivere rinchiudendosi in un “luogo sicuro”.

Il mondo non era più come lo aveva conosciuto. Con la Prima Notte il mondo era morto. I morti tornavano in vita e i vivi morivano.

I veri nemici, nei romanzi di Maberry, non sono gli zombie ma gli umani, sia cacciatori che semplici umani. I cacciatori si accaniscono contro gli zombie che nulla possono essendo bloccati in uno stato di incoscienza totale dove l’unica cosa che posso fare è muoversi quando sentono rumore o l’odore degli esseri umani, l’unica loro arma è il morso che può infettare gli umani ma se non sono disturbati continuano a vivere senza nuocere a nessuno. Molto toccante la scena dello zombie e del cavallo in cui lo zombie cerca di mordere il cavallo nella radura e il cavallo che mangia indisturbato fino a spostarsi un po’ più in là quando lo zombie si avvicina troppo. Ripetendosi in un loop infinito.

  – Scommetto che vanno avanti così da giorni – disse Benny.

La ragazza annuì con occhi tristi. Sembrava una commedia surreale: il cavallo, paziente e furbo, e lo zom, stupido, ma instancabile, che si muovevano avanti e indietro nello stesso perimetro, come uno stravagante passo a due di un ballo danzato per un numero infinito di volte, un numero infinito di giorni.

In questa nuova avventura alla ricerca della vita e di un mondo in cui vivere non fa paura, dove nascondersi non è la cura, incontreremo tantissimi personaggi nuovi e alcuni già accennati nel precedente romanzo.

Benny, il nostro protagonista principale, è cresciuto lasciando dietro di sé le convinzioni che l’hanno accompagnato per quindici anni e diventando, almeno fisicamente, un uomo grazie agli insegnamenti impartiti da Tom Il rapido, in vista del viaggio che devono intraprendere per andare verso est.

L’insegnamento più importante che Tom impartisce al fratello ed ai suoi amici è quello che devono essere dei “Guerrieri Intelliggenti” non lasciandosi guidare dalle emozioni del momento ma ragionando sulla situazione e cercando una soluzione che possa farli sopravvivere, quindi la rabbia e l’emotività nei momenti di battaglia sono cattive consigliere poiché annebbiano la capacità di giudizio provocando più danni che benefici.

Se ci fosse stato qualcuno lì a guardarlo, avrebbe visto un uomo in pace con se stesso e il mondo. E se fosse stato anche saggio, avrebbe riconosciuto in lui il più temibile dei guerrieri. Colui che lotta per preservare l’amore, anziché perpetrare l’odio.

Il viaggio verso est sarà complicato, in molti cercano di convincere Tom Imura di restare in città, poiché è diventato un modello e un’autorità nel mondo di Rot & Ruin. Ma ormai la decisione è stata presa e niente potrà farlo tornare sui suoi passi.

Rot & Ruin però sta mutando dagli ultimi sei mesi, gli zombie che prima erano innocui si stanno trasformando in morti con una forza pari a quella degli umani, strano per la loro specie che perde la forza e la capacità di ragionare quando ritornano alla vita. Ed iniziano anche a viaggiare in branco.

Se credevate che con la morte di Charlie occhio-di-vetro Gameland trovasse la sua fine definitiva vi sbagliate di grosso, sarà ricreata e i nostri protagonisti si ritroveranno davanti a un difficile dilemma, continuare il proprio viaggio o liberare i bambini costretti a combattere?

Dopo il primo giorno di viaggio, Benny, Nix, Lilah, Tom e Chong, che farà solo una parte di viaggio insieme a loro per poter dire addio ai suoi amici, saranno divisi dagli eventi.

Come se non bastasse ci saranno dei nuovi ospiti in Rot & Ruin, animali fuggiti dagli zoo, avremo l’onore di incontrare un rinoceronte e sul momento lascerà tutti sbalorditi perché non è uno dei soliti abitanti delle lande desolate di quel territorio e Chong ne resterà così terrorizzato da mettere in pericolo i suoi compagni.

Quella stessa sera, Chong, perdutamente innamorato di Lilah, decide di abbandonarli e di tornare da solo nel “porto sicuro” che è Mountainside, ma mentre cerca di ritrovare la retta via viene rapito da alcuni cacciatori di zombie e costretto a combattere negli Z-Games.

A questo punto avviene una prima separazione in cui Tom lascerà da soli gli altri ragazzi per cercare Chong.

A differenza del primo romanzo questo è un romanzo corale, molti sono i punti di vista che si alternano facendoci conoscere meglio i personaggi e le proprie emozioni, molto toccanti sono i pensieri di Tom Imura e della Lost Girl, che avendo passato una vita da sola dopo aver perso l’unico adulto che l’abbia mai cresciuta e la sorellina, riscoprirà i sentimenti che credeva non potesse più provare come l’amicizia e l’amore. Ma conosciamo anche tanti cacciatori di zombie e vediamo come la piaga abbia cambiato le loro vite, come Sally due Coltelli. Particolare interesse destano J-Dog e Dr.Skillz, due cacciatori di zombie che nella loro precedente vita erano due surfisti e che nonostante siano cresciuti si nascondo dietro il loro “personaggio” per affrontare le atrocità che ci sono in questo nuovo mondo.

Ci sarà una vera è propria guerra all’interno delle pagine di Dust & Decay ma questo non andrà a discapito delle emozioni descritte da Maberry. La sua scrittura, migliorata in questo secondo romanzo della serie, ci trascinerà in un mondo in cui è difficile vivere ma a cui appena avrai letto l’ultima pagina sarà difficile da lasciare.

Gli eventi porteranno ad un finale tragico, ma ehi voi cosa potevate aspettarvi da un libro sugli zombie, dove per vivere devi lottare… se cercate un happy ending dove tutto va come deve andare allora non vi conviene leggere questo libro. Ma se amate l’azione e perché no, il divertimento, allora dovete leggere questa saga perché anche nell’ora più buia non sai mai cosa potrà sorprenderti.

Un romanzo che sa emozionare, dove dei ragazzini si trasformeranno in dei veri “guerrieri intelligenti” pronti ad affrontare ogni avversità che la vita gli metterà davanti. Assolutamente consigliato.

Lascia un commento

0 risposte a “Benny Imura Series di Jonathan Maberry [Dust&Decay #2]”

  1. […] & Ruin, 20112. Dust & Decay, 20123. Flash & Bone, 20134. Fire & Ashes, […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi