Run From Fear by Jami Alden

Jami Alden scrittrice americana, che attualmente vive in un borgo rurale vicino a San Francisco con il marito, i figli e il cane.

Sin da ragazzina è stata una divoratrice di letture romance e historical romance, in cui amava leggere di personaggi stile “maschio Alpha” che capitolavano di fronte alle donne di cui si innamoravano.

Dopo aver conseguito una Laurea in Letteratura Inglese alla Stanford University, ha svolto diversi lavori nel ramo amministrativo e nel marketing. Nel 2001, grazie anche al supporto del marito, ha deciso di provare ad abbandonare queste realtà, per lei frustranti, e provare a seguire il suo sogno. Quattro anni dopo ha venduto il suo primo libro.

Quando non scrive ama fare jogging, yoga, leggere e seguire alla TV trasmissioni di culinaria.

Ha al suo attivo diverse pubblicazioni inedite in Italia. Run From Fear è un libro che fa parte della sua serie di romanzi autoconclusivi di genere sexy romantic suspance, a cui può essere ricollegata anche la serie “The Gemini Men

 Sito dell’autricehttp://www.jamialden.com/

Il desiderio più grande di Talia è seppellire il suo terribile passato. Pensava di esserci riuscita, scappando lontano più di ottocento miglia e ricominciando la sua vita da zero; fino a quando, nel ristorante dove lavora, si presenta l’unico uomo che conosce i suoi segreti più oscuri. Col ritorno di Jack Brooks, l’ex berretto verde che l’ha salvata due anni prima da un sadico mostro, tornano ricordi terrificanti di quel periodo, che si scontrano con i sentimenti che prova per l’uomo.

Jack Brooks sa che comparire all’improvviso nella vita di Talia è un atto puramente egoistico. La donna non ha bisogno della sua protezione, ma lui non è in grado di cancellare l’immagine di Talia dalla sua mente, di cui è sempre stato segretamente innamorato. E quando l’inferno sembra riemergere, con la stessa minaccia del passato, Jack giura di fare di tutto per salvarle la vita, anche a rischio della propria.

 

” You can run from your past, but you can’t run from your fear.”

Mai parole più vere… chi di voi non coltiva ancora, segretamente, qualche sana paura dall’infanzia? Io, ad esempio, non dormo mai con braccia e gambe a penzoloni dal letto, per paura di sentirmi afferrare da qualche strana creatura nascosta là sotto. Si, lo so, è una follia, ma paura e panico sono irrazionali.

Negli ultimi anni, inoltre, alcuni film come “Candyman” o “The Others” si sono occupati di arricchire la nostra già fervida fantasia, con pensieri inquietanti tipo: “…non aprire la porta successiva, se non hai chiuso quella precedente…”; quindi direi che ci circondiamo di piccole manie e abitudini che ci aiutano a ridimensionare l’irrazionale.

In questo libro, la paura da cui tenta di fuggire Talia è molto più tangibile; essere sopravvissuta al rapimento da parte di un serial killer e alle sue torture è un miracolo, e il personaggio creato dalla Alden, nonostante cicatrici fisiche e morali, non si limita a sopravvivere ma si impegna con tutte le sue forze per ricostruire per lei e la sorella una nuova vita, combattendo contro i terribili ricordi, impedendo loro di distruggere il suo equilibrio mentale.

È molto bello ciò che dice in un dialogo con Jack, da queste parole si intuiscono la sua forza e determinazione:

I think I’d prefer the term wounded bird instead of broken.

…”Why That?”

“Wounded implies you can heal. Broken sounds more permanently damaged.”…

Nel suo vocabolario la parola arrendersi non esiste, così come manca totalmente in quello di  Jack.

Questo personaggio rispecchia totalmente le caratteristiche di “Maschio Alpha” che la scrittrice ama descrivere nei suoi libri, tanto sensibile nei confronti della donna che ama, dimostrandosi capace di rinunciare a lei pur di non forzarla in situazioni che non sarebbe in grado di reggere a livello emozionale, quanto altrettanto pericoloso e con comportamenti al di sopra delle regole per proteggerla dai pericoli, dimostrandosi di essere una presenza fondamentale nella vita di Talia e della sorella, per la loro sicurezza, la roccia a cui possono appoggiarsi.

Il libro è avvincente, ben scritto, le interazioni tra i personaggi riescono ad appassionare il lettore grazie all’atmosfera carica di sensualità e tensione tra Talia e Jack, che si alterna con i momenti di suspance creati dalla trama thriller della storia.

L’unica cosa che non ho gradito molto è stata conoscere sin dall’inizio l’identità del molestatore; personalmente, in questo genere di libri, amo scoprire da sola chi potrebbe essere, durante l’evoluzione della storia.

I personaggi secondari sono ben curati nella loro caratterizzazione; e se qualcuno/a rimarrà incuriosito/a dai componenti della “Agenzia Gemini” (colleghi di Jack, che in questo libro incontriamo in un party come accennato in precedenza), ci sono ben altri tre libri per conoscere le loro storie.

Il tuffo in questo genere di libri, di cui una volta ero una vera e propria divoratrice, è stato molto piacevole, e credo che un’occhiata ai Gemini’s guys gliela darò (beh, l’occhiata alle covers l’ho già lanciata… diciamo che approfondirò anche la lettura). A proposito di cover, quella di Run From Fear è veramente stupenda!!!

Si ringraziano Net Galley e la Forever per la gentile preview.

Voto:

Titolo: Run From Fear
Autore: Jami Alden
Serie: ####
Edito da: Forever
Prezzo: 5,96 euro
Genere: contemporary romance suspance (adult)
Pagine: 416 pag.
Data uscita
: 1 Marzo 2012

 

 

Lascia un commento

2 risposte a “Run From Fear by Jami Alden”

  1. Amyra Hastur ha detto:

    A me la copertina sembra inquietante O_O molto adatta, però

    • ayliss72 ha detto:

      Si direi molto azzeccata e secondo me oramai la realtà di cio' che accade nella vita quotidiana rende molto " normale" questo libro… Oramai se ne sentono di tutti i colori!

Rispondi a Amyra Hastur Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi