Saga Harper Connelly di Charlaine Harris [saga completa]

Charlaine Harris;

Charlaine Harris (Tunica, 25 novembre 1951) è una scrittrice statunitense, nota per aver scritto serie di romanzi di genere mystery/fantasy tra cui quella vampiresca su Sookie Stackhouse.

Nata e cresciuta nell’area del delta del fiume Mississippi, inizia la propria carriera scrivendo la serie di romanzi Aurora Teagarden, per il suo debutto Real Murders riceve una candidatura all’Agatha Award. Nel 1996 pubblica il primo romanzo della serie Lily Bard (Shakespeare) che si conclude nel 2001.

Nel 2001 con Finché non cala il buio inizia un nuovo ciclo di romanzi denominati The Southern Vampire Mysteries, incentrati sulle vicende di Sookie Stackhouse, una cameriera telepatica della Louisiana innamorata di un vampiro. La serie di romanzi si dimostra un successo commerciale per la scrittrice, venendo tradotta in molti paesi del mondo. In Italia i romanzi vengono pubblicati dalla Delos Books in edizione normale e da Fazi Editore in edizione tascabile.

I romanzi con protagonista Sookie Stackhouse hanno ispirato Alan Ball, già creatore della serie televisiva Six Feet Under, nel creare la serie televisiva True Blood, prodotta dalla HBO, con protagonista il premio Oscar Anna Paquin nel ruolo di Sookie.

Nel 2005 pubblica la serie di romanzi con protagonista Harper Connelly, una donna che ha la capacità di determinare la causa della morte di qualsiasi organismo.

Charlaine Harris è membro del Mystery Writers of America e dell’American Crime Writers League. È sposata, ha tre figli, e risiede a Magnolia in Arkansas.

Sito: http://www.charlaineharris.com/

 

Serie Harper Connelly;

  1. L’ultimo istante (isbn:9788895724904)
  2. Tomba a sorpresa (isbn:9788865300442)
  3. Una tomba fredda ghiacciata (isbn:9788865300466)
  4. Il Segreto della tomba (isbn:9788865300848)

 

Cosa potrebbe accadere quando un fulmine squarcia il cielo e ti colpisce?

 

Titolo: L’Ultimo Istante
Autore: Charlaine Harris
Serie: Serie di Harper Connelly; vol. 1
Edito da: Delos Books
Prezzo: 14,90 €
Genere: Adult Fantasy, Urban Fantasy, Sensitivi, Thriller
Pagine: 282 p.
Voto:

Trama: Harper e il suo fratellastro Tolliver sono esperti nell’arte di arrivare in una città, farsi pagare e poi andarsene in fretta, perché la gente che assume Harper ha la brutta abitudine di non voler realmente sapere quello che lei ha da dire loro.
All’inizio, la piccola città di Sarne, sugli Ozarks, non sembra fare eccezione. Un’adolescente è scomparsa, e Harper capisce quasi immediatamente che la ragazza è morta.
Ma i segreti della sua morte e i segreti della città sono così profondi che nemmeno la speciale abilità di Harper può disseppellirli. Vista l’ostilità che si sta accumulando nei loro confronti, lei e Tolliver non desidererebbero altro che proseguire per la loro strada.
Ma un’altra donna viene assassinata.
E il killer non ha ancora finito…

Cada la sventura su entrambe le vostre famiglie

Recensione:

Una nuova eroina di Charlaine Harris che, dopo la bionda finta-svampita Sookie, ci sorprende con l’intrigante – e un po’ freak – Harper Connelly.

Harper non ha praticamente nulla a che spartire con la sorellastra di penna Sookie Stackhouse che, benchè più famosa grazie alla serie televisiva True Blood, ha sicuramente meno spessore della strana, fragile ma testarda Harper. Una testa dura a prova di fulmine, oseremmo dire.

Harper, infatti, a seguito di uno spiacevolissimo incidente subìto in età adolescenziale, ha scoperto di avere un dono molto particolare, se non addirittura inquietante. Da brava ragazza caparbia e imprenditrice qual è, infischiandosene di ciò che avrebbe potuto pensare la gente, ha deciso di farlo fruttare, questo dono inaspettato. Assieme al fratellastro Tolliver gira di città in città lavorando su commissione e, nonostante le malelingue, il lavoro sembra non mancarle mai. Fra un’occhiataccia e l’altra c’è sempre qualcuno disposto a pagare per i suoi servigi e, nonostante ignori la data di scadenza di questo suo dono, Harper ha deciso di sfruttarlo al massimo.

Trova i morti. Letteralmente.

I morti vogliono essere trovati, soprattutto coloro che sono morti in maniera violenta; loro attirano la sua attenzione e la chiamano. Dimenticatevi, però, i fantasmini bianchi o chissà che altro! I morti che comunicano con Harper non dicono mai una parola e non svolazzano qua e là; loro attirano la sua coscienza verso di loro e le mostrano gli ultimi istanti della loro esistenza, spesso sconvolgendola. Charlaine Harris è stata bravissima a rendere questo aspetto “fantastico” del romanzo il più realistico e plausibile possibile, toccando le corde del “possibile e impossibile” con incredibile maestria.

Ci troviamo, infatti, di fronte a un paranormal thriller dello stampo di Tanya Huff con la sua serie “Blood Books”, anche se le due scrittrici puntano su aspetti completamente diversi. In questi romanzi le autrici cercano di giocare con il fantastico in contrasto con l’assoluta realtà e concretezza del caso thriller. Questa contrapposizione porta il lettore ad immergersi nella storia, finendo per considerarla “verosimile”, come se fosse una “possibilità concreta” poter telefonare a Harper e suo fratello se si dovesse rinvenire – sfortunatamente! – un cadavere.

Harper e Tolliver si devono ritrovare il corpo di una giovane donna scomparsa sei mesi prima per poter riabilitare la memoria del fidanzato. Il ragazzo, trovato morto ed, è stato accusato dell’omicidio della giovane e del proprio suicidio. Ovviamente Harper troverà il corpo della ragazza, scoprirà che il ragazzo non si è ucciso e, anzi, sembrava conoscere il proprio assassino! Queste ultime immagini della vita dei ragazzi si imprimeranno a fuoco nella sua mente e finirà per farsi prendere un po’ troppo dal caso, al punto che vi resterà invischiata pericolosamente.

Un’incredibile catena di eventi si metterà in moto dal rinvenimento del corpo della giovane donna, e per Harper e Tolliver le cose inizieranno a complicarsi sempre di più….

Due personaggi assolutamente diversi e di grande spessore, come già detto, questi due fratellastri sembrano proprio incapaci di separarsi l’uno dall’altra. Harper è un incredibile contrasto, ritroviamo in lei la forza istintiva e la fragilità di una “sopravvissuta”. Questo la rende inquieta, sferzante, razionale ma anche incredibilmente dolce nei suoi momenti di fragilità.

Momenti in cui viene in suo soccorso il serio ma sagace Tolliver, che si prende cura di lei con quell’affetto che sconfina leggermente dal suo ruolo di “fratello”; per fortuna che sono fratellastri. Un rapporto certamente ambiguo ma molto affascinante.

Probabilmente potrebbe apparire scarna la caratterizzazione dei personaggi rispetto ai soliti protagonisti della Harris, ma a cambiare è proprio tutto il suo stile. L’autrice gioca con un thriller e da un’impronta più fredda, calcolata e poco incline al sentimentalismo, così i suoi personaggi si adeguano. Anche quando si parla di sentimenti, presenti ma non predominanti in “L’ultimo Istante”, lo stile è deciso e incisivo, come a voler dare una pennellata di scuro sulla tela, liberamente interpretabile dal lettore.

L’intreccio thriller su cui si muovono è piuttosto solido e interessante, sicuramente molto più concreto di quello – spesso assurdo – della serie di Sookie Stackhouse. Anche se il movente che spinge l’assassino a uccidere i due ragazzi è intuibile da quasi metà romanzo, la conferma non viene mai data fino alla fine e il volto stesso dell’assassino rimane “celato” al lettore. Certo, la componente introspettiva dei personaggi sembra avere la precedenza sull’intreccio narrativo thriller ma, nonostante ciò, l’autrice riesce comunque a intrigare il lettore dalla prima all’ultima pagina.

Qualcosa di diverso e innovativo, per Charlaine Harris, che merita di essere letto e assaporato in attesa del secondo che, a detta di molti, migliora nettamente rispetto a questo libro. Una lettura adatta a tutti gli amanti del paranormal thriller dalle tinte dark e un po’ gothic.

 

Titolo: Tomba a Sorpresa
Autore: Charlaine Harris
Serie: Serie di Harper Connelly; vol. 2
Edito da: Delos Books
Prezzo: 14,90 €
Genere: Adult Fantasy, Urban Fantasy, Sensitivi, Thriller
Pagine: 330 p.
Voto:

Trama: Harper e il suo fratellastro Tolliver sono esperti nell’arte di arrivare in una città, farsi pagare e poi andarsene in fretta, perché la gente che assume Harper ha la brutta abitudine di non voler realmente sapere quello che lei ha da dire loro. All’inizio, la piccola città di Sarne, sugli Ozarks, non sembra fare eccezione. Un’adolescente è scomparsa, e Harper capisce quasi immediatamente che la ragazza è morta. Ma i segreti della sua morte, ed i segreti della città, sono così profondi che nemmeno la speciale abilità di Harper può disseppellirli. Vista l’ostilità che si sta accumulando nei loro confronti, lei e Tolliver non desidererebbero altro che proseguire per la loro strada. Ma un’altra donna viene assassinata. E il killer non ha ancora finito…

Non potrei avere qui con me nessun altro che non fossi tu, perchè nessun altro potrebbe capire

Recensione:

Bellissima nuova avventura/disavventura dei due fratellastri Harper e Tolliver alle prese con tombe, ragazzine scomparse, sorellastre problematiche, ex amori e una tomba troppo, ma davvero troppo, affollata.

Harper, sempre con la sua aria da fragile dura freak, è stata invitata a una prova dimostrativa del suo potere presso un’università piuttosto prestigiosa. Il suo compito sarà quello di determinare le cause di decesso dei morti di un vecchio cimitero, il cui archivio era stato da poco rinvenuto e messo sottochiave. Il problema è che quella che doveva essere una semplice dimostrazione si tramuterà in un’esperienza molto inquietante e inaspettatamente sconvolgente: la bambina che con tanto affanno Harper aveva cercato per giorni, mesi prima, viene rinvenuta in una delle tombe che è chiamata a esaminare. Coincidenza o piano organizzato per coinvolgerla nell’omicidio della piccola?

Anche se ben presto vengono accertate l’innocenza e l’attendibilità della giovane donna, il caso prende una piega piuttosto inaspettata e Harper si ritrova emotivamente invischiata ben oltre il previsto, o quantomeno il voluto. Tolliver, da parte sua, finisce per essere tampinato da una ex compagna di letto. Questo a Harper crea più di un problema, molti dei quali non vuole assolutamente ammettere e riconoscere. Quando si rende conto che la famosa casa con staccionata bianca che vorrebbero comprare – i due fratellastri di fatto privi di qualsiasi legame di sangue – lei non vorrebbe comprarla con altri se non con Tolliver, ne resta completamente sconvolta.

Dal punto di vista dell’intrigo thriller possiamo ammettere che questo è leggermente inferiore, come intreccio e suspance, al precedente romanzo. Ciò che questa volta ha assoluta  importanza è l’evoluzione del rapporto fra Harper e Tolliver; se nel primo romanzo abbiamo visto un Tolliver presente, geloso e protettivo, questa volta tocca a Herper correre a prendersi cura di lui e a fare i conti con i suoi sentimenti. Inutile dire che, ovviamente, nessuno dei sue si rende minimamente conto di “cosa” prova (anche se scommetterei qualcosa in più su Tolliver) e, soprattutto, di “cosa” prova l’altro.

Mentre vediamo avvicendarsi più di un corpo nella fatidica tomba (concordo con chi ha ironicamente rinominato il libro “Questa Tomba non è un albergo!“) e i due fratellastri si danno da fare per risolvere il caso che sembra, ormai, ossessionare Harper, abbiamo modo di immergerci anche nelle dinamiche familiari della piccola ragazzina finalmente ritrovata. Una madre un po’ ottusa ma sinceramente devastata dalla perdita della figlia; un padre incredibilmente bello e attraente e, altrettanto incredibilmente, realmente affezionato alla moglie; una zia oppressiva e apprensiva; un fratello maggiore sconvolto dalla sparizione della sorellina minore e non solo…

Un romanzo scorrevole, intrigante e molto ben scritto, assolutamente consigliato e…

“Voi sarete felici nel tempo del ghiaccio”

… che lascia decisamente ben sperare!

 

Titolo: Una tomba fredda e ghiacciata
Autore: Charlaine Harris
Serie: Serie di Harper Connelly; vol. 3
Edito da: Delos Books
Prezzo: 14,90 €
Genere: Adult Fantasy, Urban Fantasy, Sensitivi, Thriller
Pagine: 303 p.
Voto:

Trama: In questa storia di omicidi (se non peggio) le voci dei morti diventano indizi impossibili da ignorare per Harper Connelly, la sensitiva colpita dal fulmine… Harper Connelly è diretta a Doraville, nel North Carolina, per trovare un ragazzino che è scomparso. Uno tra i numerosi adolescenti spariti nel corso degli ultimi cinque anni. Perché loro la stanno chiamando: e Harper li trova, sepolti nel terreno ghiacciato. Vorrebbe andarsene dalla città, prima che la tempesta mediatica la travolga, ma non fa in tempo. Così Harper, suo malgrado, si ritroverà a sapere più di quanto desiderava sugli oscuri misteri e sui segreti a lungo sepolti di Doraville. Una conoscenza dei morti che fa di lei la prossima persona della lista di coloro che sono destinati a finire in una tomba fredda come il ghiaccio…

“Io non sono tuo fratello” continuò con un tono di voce del tutto diverso.
Per un istante smisi di sentire il ruggito del vento intorno alla baita e il minaccioso scricchiolio dei rami appesantiti dal ghiaccio.
“Lo so” dissi “Lo so”

Recensione:

Capitolo culminante della serie di Harper Connelly, la sensitiva ritrova-cadaveri più freak delle nostre adorate librerie.

Onestamente è alquanto probabile che i fan di questa saga riescano a rievocare perfettamente, quasi parola per parola, unicamente da pagina 178 a pagina 190. Dopo due libri di attesa avremo lo straordinario piacere di veder avverarsi la famosa profezia di Xylda Bernardo, la bizzarra sensitiva che aveva predetto in Tomba a sorpresa: “Nel tempo del ghiaccio sarete felici”.

Per evitare di rovinare la lettura non scenderemo troppo nei dettagli, ogni parola in più sarebbe anche fin troppo indicativa.

Possiamo però confermare l’impressione, avuta già nei primi due romanzi, riguardante lo stile di Charlaine Harris. È infatti ormai certo che l’autrice abbia volutamente creato delle trame thriller molto tranquille e poco intricate, affinché l’intreccio investigativo e quello sentimentale coesistessero senza prevalere mai l’uno sull’altro.  Molto probabilmente l’autrice si è resa conto dell’incredibile  potenziale che poteva avere un eventuale rapporto fra Harper e Tolliver, il vero protagonista di questa serie rosa paranormal thriller. Equivoco e controverso in apparenza, ma assolutamente puro e dolcissimo.

Tornando al caso di Harper e Tolliver, questa volta l’autrice ha scelto di approcciarsi con un serial killer seriale di giovani ragazzi, sicuramente un caso più torbido e crudo dei precedenti ma non per questo meno coinvolgente. Forse sempre in virtù di quel legame fra intreccio sentimentale e investigativo, visto l’impennata subìta sul fronte romantico, l’autrice ha ritenuto necessario giocarsi una “caccia al cadavere” sicuramente più complessa e cupa.

La città è da anni zona di caccia di un pericoloso serial killer che sembra prediligere giovani teenager. Il problema principale, però, sembra essere che nessuno ha mai ricollegato queste sparizioni, attribuendole a bravate o fughe amorose. Almeno fino a quando Harper Connelly non viene chiamata dalla famiglia per rintracciare un ragazzo scomparso: sono sicuri che al loro ragazzo sia successo qualcosa e sono intenzionati a fare di tutto pur di ritrovarlo.

Effettivamente qualcosa Harper trova, loro vogliono essere sempre trovati (cit), solo che trova molto più di quello che le era stato richiesto. Questo porterà pian piano alla luce la fitta trama degli orrori, che vedrà come protagonista una vecchia cascina semi abbandonata e un giovane povero ragazzo disperatamente coraggioso.

Almeno fino a quando Harper non scoprirà troppo, ritrovandosi così da cacciatrice a preda, costretta a fuggire dall’assassino seriamente intenzionato ad ucciderla per farla tacere per sempre.

Avremo modo di incontrare nuovamente anche Xylda Bernardo e suo nipote Manfred, ormai deciso a conquistare il cuore di Harper, suscitando di conseguenza l’assoluta gelosia fraterna(!?) di Tolliver.

Accompagnati da una nuova profezia di Xylda, la perdita di un personaggio caro, una nuova passione e una dose massiccia di morte, in una delle sue forme più brutali e sconcertanti, ci avviciniamo, circondati dal ghiaccio, alla fine di questa serie e forse verso il ritrovamento di Cameron, la sorella di Harper.

Riusciranno a ritrovarla o, meglio, vorrà Cameron farsi ritrovare?

 

Titolo: Il Segreto della Tomba
Autore: Charlaine Harris
Serie: Serie di Harper Connelly; vol. 4
Edito da: Delos Books
Prezzo: 14,90 €
Genere: Adult Fantasy, Urban Fantasy, Sensitivi, Thriller
Pagine: 320 p.
Voto:

Trama: Harper Connelly, l’investigatrice colpita dal fulmine, ed il suo fratellastro Tolliver si prendono una pausa dalla loro ricerca dei morti per far visita alle due ragazzine che entrambi considerano come sorelle. Ma, come sempre succede quando si recano in Texas, i ricordi della loro orribile infanzia riaffiorano. Presto, i segreti di famiglia intrappolano entrambi, mentre Harper finalmente scopre cos’è successo alla loro sorella Cameron, sparita nel nulla tanti anni prima. E quello che scoprirà cambierà il suo mondo per sempre…

Recensione:

Eccoci finalmente – o purtroppo? – all’ultimo capitolo di questa mini serie dedicata a Harper e, dal precedente romanzo, a Tolliver. Se sotto il profilo sentimentale le cose sembrano andare decisamente meglio alla nostra giovane “cercatrice” di morti, da un punto di vista prettamente personale la ferita lasciata dalla scomparsa di Cameron, sua sorella maggiore, è ancora aperta.

Harper, che trova i morti a causa di un fulmine che attraversò il suo corpo anni prima lasciandole questo dono, non riesce comunque a ritrovare l’unico corpo che cerca disperatamente da anni. Ormai la certezza che la sua adorata sorella non sia più fra loro si è radicato in lei, certezza confermata anche dalla profezia di Xylda, lasciatale prima di morire. Harper sa perfettamente che un giorno riuscirà a carpire l’eco del corpo di sua sorella, il problema è che comincia ad essere stanca di girare per il paese alla ricerca di tracce. Senza contare che adesso ha Tolliver come suo compagno, ed è ora che si facciano rivedere dalle sorelline minori, affidate alla zia. Ma come prenderanno in famiglia la loro unione? E, in realtà, è veramente così importante per loro che gli altri diano la loro approvazione?

Harper e Tolliver tornano a casa, ma sembra che i morti non abbiano mai pace e il loro ritorno non sarà affatto come se lo erano aspettato. Soprattutto quando si troveranno coinvolti nella ricerca della “causa di decesso” di un ricco proprietario terriero delle loro zona e finiranno per scoprire un piccolo particolare in più che per anni, alcuni membri della prestigiosa famiglia, avevano cercato di nascondere e celare. Questo attiverà una serie di reazioni a catena che risveglierà gli incubi del passato di Harper e Tolliver; il passato busserà alla loro porta coinvolgendo la loro famiglia, la ricca famiglia che li aveva ingaggiati, il padre di Tolliver che cercherà ad ogni costo rientrare nella vita del figlio, il fratello di Tolliver che vorrebbe quasi escludere la sorellastra (Harper) dalle loro vite… e due bambine innocenti che si sono trovate al centro di tutto, pagandone le conseguenze.

La mano invisibile di Cameron spingerà sua sorella verso atroci scoperte e, piano piano, fino a lei. Finalmente Harper riuscirà a scoprire cosa accadde alla sua famiglia anni prima e cosa, o meglio “chi”, si portò via sua sorella.

Una fine assolutamente perfetta, frutto della penna di Charlaine Harris che riesce a sviluppare questa trama delicata, ma anche complessa e amara. Un romanzo distante dalla pressante ricerca del colpevole e dalla tensione investigativa presente nei primi tre romanzi ma carico di quella tentennante insicurezza che avvolge ogni azione di Harper e Tolliver, costretti a scoprire elementi del passato che avrebbero preferito non dissotterrare ma, allo stesso tempo, inevitabilmente spinti verso una verità che hanno cercato per anni.

Un crescendo di emozioni che avvolgono il lettore, pagina dopo pagina, con l’aumentare della tensione investigativa e l’amarezza di un finale che si intravede, lentamente, dopo ogni piccolo indizio e che si ha quasi paura di svelare. Non vogliamo finire il libro: anche se sappiamo che la fine porterà pace ai nostri protagonisti, non siamo pronti a lasciarli andare.

La saga si conclude con la chiusura del filo conduttore che aveva collegato tutti e quattro i romanzi: il ritrovamento di Cameron. Un colpo di scena ben orchestrato e altrettanto ben introdotto dall’autrice, di soppiatto, con un crescendo di sospetto che porterà il lettore alla conclusione, che forse ha sempre intuito, anche se con un’incredulità di fondo.

Probabilmente molti avranno percepito una certa “freddezza” di fronte al ritrovamento, tanto atteso, del corpo della giovane Cameron e in un primo momento è stato un pensiero condiviso. Successivamente, a mente fredda, è stato facile considerare che per Harper, più che per Tolliver, il ritrovamento del “corpo” era solamente l’ultimo filo sciolto da tessere per chiudere il portone di un passato tragico e doloroso che voleva abbandonare. Un dolore mai sopito, quello della perdita di una sorella, ma già parzialmente accettato in molte delle sue sfaccettature; rimaneva una corpo da trovare e una giustizia da regalare. Di conseguenza, possiamo quasi inquadrare una cerca logicità nella reazione di Harper, certamente meno “scenica” ma sicuramente più “reale” e concretamente dignitosa.

Harper e Tolliver sono finalmente liberi di vivere la loro vita e noi, seppur con una punta di tristezza, ci ritroviamo a sorridere lasciandoli andare avanti.

Per quanto riguarda noi lettori, forse, verremo allietati dalla presenza di una serie TV ma, per una volta, siamo largamente d’accordo nel ritenere conclusa – e perfettamente – questa serie. Non c’è bisogno di scrivere altro, l’autrice ha già detto tutto.

 

Lascia un commento

2 risposte a “Saga Harper Connelly di Charlaine Harris [saga completa]”

  1. missmarilux ha detto:

    Stupenda recensione Nas!!!adoro questo libro,e non ho problemi nel dire che preferisco di gran lunga Harper a Sookie!!!

    il Primo libro è decisamente buono,ma il secondo aggiusta il tiro in più punti,ed esplora magnificamente il rapporto (sempre più ambiguo) fra Harper e Tolliver!!!

    Peccato che questa saga consti solamente ,di 4 volumi.Peccato!

    Avrei preferito qualche volume in meno dedicato a Sookie e qualcosina in più per questa ottima saga 😀

    • Nasreen ha detto:

      Grazie Miss *____* Io adoro Harper! Mi ricorda lo stile narrativo, in questa saga, di Tabya Huff con il ciclo Blood Books *_* Onestamente sono felice che siano solo 4 libri… ho paura che perderebbe di intensità se fosse più lunga ^^

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi