Saga “Il Mondo senza Nome” di Manuela Raffa

Manuela Raffa;

Manuela Raffa nasce nel 1979 a Milano, dove attualmente vive e lavora. Laureata in Scienze dell’educazione, coltiva da sempre la passione per la letteratura e per i giochi di ruolo. Nel 2009 ha pubblicato La maschera, primo romanzo della trilogia fantasy dedicata al Mondo senza Nome, cui ha fatto seguito nel 2010 il secondo volume, I gemelli.

 


Saga “Il Mondo senza Nome”

1. La maschera (Runde Taarn edizioni, 2009)

2. I gemelli (Runde Taarn edizioni, 2010)

3. di prossima uscita il terzo volume della saga


Titolo: La maschera
Autore: Manuela Raffa
Serie: Il Mondo senza Nome, 1
Edito da: Runde Taarn edizioni
Prezzo: 18,00 €
Genere: Fantasy
Pagine: 300 p.
Voto:

Trama: Nel Mondo senza Nome qualcuno ha risvegliato un’antica magia, sconvolgendo l’equilibrio naturale. Il mago Dosemberg, rubata una magia proibita, trasforma gli animali in mostri e si prepara a conquistare il Mondo senza Nome.

Delfagar, mago viaggiante, si reca presso i Signori Regnanti per avvisarli del pericolo incombente e cercare alleanze da schierare contro Dosemberg. Radunati i Signori Regnanti delle magie elementari (Terra, Fuoco, Vento e Acqua), Delfagar parte col gruppo alla ricerca della magia che può fermare Dosemberg.

Durante il viaggio si uniscono alla compagnia Siros, un misterioso ragazzo mascherato, e Amir, famoso spadaccino, accompagnato dal fedele Bongy. Il cammino del gruppo porterà con sé pericoli, alleanze, battaglie e misteriose profezie, trascinando il lettore in un’avvincente avventura.

 

Il Signore Rosso cavalcò lungo la via, mostrando la bellezza dell’abbigliamento indossato e della cavalcatura. Poi accese i Fuochi in modo che i mastri iniziassero a lavorare il ferro. Un grande trambusto si propagò nell’aria e non appena l’ultimo Fuoco fu acceso il Signore Rosso riprese a cavalcare. Il primo artigiano, che aveva avviato il lavoro, porse la spada, ancora calda, al Signore Rosso, che la sollevò in aria. A quel punto si levò l’applauso della folla.

 

Recensione:

Gli appassionati del genere fantasy e dei giochi di ruolo saranno certamente catturati da questo romanzo, primo della trilogia dedicata al Mondo senza Nome, e potranno così scoprire le ottime doti narrative della giovane autrice.

Nell’universo alternativo di Manuela Raffa i canoni classici del genere (quest, magia, battaglie) sono tutti presenti, ma mai in modo scontato. L’avventura del mago Delfagar e della compagnia da lui riunita per combattere la follia distruttrice di un altro potente mago, Dosemberg, avvince il lettore e lo trascina, pagina dopo pagina, attraverso luoghi e segreti del Mondo senza Nome, fino alla tremenda battaglia finale del primo romanzo, La maschera, e poi all’epilogo drammatico del secondo volume, I gemelli.

L’Autrice tesse la trama del romanzo con uno stile pulito e scorrevole, dando vita a un cast di personaggi ben caratterizzati, alcuni dei quali non potranno non restare nel cuore dei lettori (penso all’ingestibile Amir, ma anche al piccolo Bongy e all’ambiguo Delfagar). Il viaggio della compagnia si dipana attraverso un’ambientazione ben congegnata e con alcuni efficaci colpi di scena Manuela imprime alla storia una direzione diversa da quella che ci si aspetterebbe.

Un bell’esordio, non c’è che dire, e dopo le ultime, imprevedibili pagine de I gemelli attendo con curiosità l’epilogo della saga (non voglio fare spoiler, quindi non aggiungo altro).

Meritano una citazione le belle copertine, tratte da oli su tela di Simone Galimberti, amico di Manuela e promettente artista.

 

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi