Scrittore vs Narratore

dietrolapenna

Scrittore vs Narratore

Scrittore e narratore, le cose coincidono?
Domanda legittima, la cui risposta più giusta sarebbe: non necessariamente.

Lo scrittore è colui che materialmente dà la vita ad un’opera, che essa sia un romanzo, un racconto, una poesia o altro, sue sono le dita che corrono sulla tastiera di un pc oppure sulla carta, è il creatore, il fautore di tutto.
Trattasi invece di narratore colui che narra la storia dall’interno delle pagine, che racconta gli avvenimenti, si dilunga nelle descrizioni, un occhio tramite cui il lettore vive la vicenda fino ad immedesimarsi nella stessa (se lo scrittore è bravo).

Fondere questi due individui non è affatto una cosa scontata per un fatto di dimensioni parallele: lo scrittore è la persona reale che vive nel nostro mondo in carne ossa e forse qualche capello bianco, il narratore è una trasposizione intellettuale, cartacea o digitale, è il canale attraverso cui si vive la storia raccontata, quindi spesso si cade nell’errore di credere che il pensiero espresso dal narratore sia anche quello dello scrittore. Sbagliato.

Il narratore è un’entità a sé stante, scissa dallo scrittore, è un ulteriore personaggio – a volte dichiarato, a volte no – che il lettore viene a conoscere, fa parte della storia tanto quanto i protagonisti stessi, attraverso di lui abbiamo una visione più o meno obiettiva di tutte le vicende, in pratica: è il portale attraverso cui viviamo la storia.

 

Lo stesso narratore, inoltre, si può presentare in maniera differente:
Onnisciente: conosce la vicenda nei minimi dettagli, passato, presente e futuro, conosce il punto di vista di ogni personaggio, ogni ambientazione e ogni particolarità. E’ la terza persona.
Esterno: non è coinvolto nella vicenda e quindi non è un personaggio della storia, è onnisciente – quindi la narrazione è in terza persona.
Interno: generalmente si tratta di un personaggio della trama, non è onnisciente. Il racconto è in prima oppure terza persona.

Esistono poi le focalizzazioni, ovvero i diversi punti di vista che il narratore può assumere:

Focalizzazione zero: accade unicamente quando il narratore è onnisciente ed esterno: il lettore viene posto così di fronte alla completa visione della trama grazie alla possibilità di avere sotto controllo pensieri e azioni di diversi personaggi a distanza, sia di tempo che di spazio.

Focalizzazione interna: ovvero quando il narratore assume un punto di vista di un personaggio e che quindi non è al corrente di ogni cosa all’interno della storia, ma solo del suo determinato ruolo.
Focalizzazione esterna: quando il narratore è esterno ed è meno informato sui fatti dei personaggi stessi. Questa tecnica viene usata soprattutto nei polizieschi, thriller o gialli per mantenere la suspense.

Esistono,  invece, casi in cui il narratore rielabora quanto gli è stato riferito da altri personaggi, tecnica questa molto usata soprattutto in tardo ‘800 da scrittori come Le Fanu, o successivamente, Manzoni. In quanto detto potremmo avere:

Narratore di primo grado: è colui che ha rielaborato la storia raccontatagli e la espone al lettore.
Narratore di secondo grado: è colui che ha vissuto la storia e l’ha riferita al narratore di primo grado, che sostanzialmente si trasforma nel protagonista della storia raccontata da un altro.

Un’altra differenziazione sta nel fatto che, nel caso di un narratore interno, si possono riscontrare altri due casi:
Narratore autodiegetico: è colui che racconta vicende che riguardano se stesso.
Narratore eterodiegetico: colui che racconta fatti relativi ad altri personaggi.

Da ricordare che se il narratore è, indipendentemente dal punto di vista, un personaggio della storia – il protagonista, ne è stato partecipe o comunque testimone – allora si tratta di narratore intradiegetico. Se il narratore invece non è presente in nessuna maniera nella vicenda si tratta di un narratore extradiegetico.

Indi per cui possiamo affermare con sicurezza che narratore e scrittore non sono affatto la stessa cosa ma, anzi, sono due elementi presenti in un romanzo, racconto o novella, completamente distanti, e non necessariamente il pensiero o la filosofia dello scrittore coincidono con quelli del narratore.

Indi per cui sbizzarritevi pure, scegliete la vostra linea narrativa e delineate come più vi piace, scegliendo se informare o meno i lettori, modificando i vostri punti di vista, siate creativi (possibilmente senza confondere le idee di chi vi segue) e vedrete che pian piano tutto diverrà naturale.

Lascia un commento

4 risposte a “Scrittore vs Narratore”

  1. Grey ha detto:

    Ecco, se penso che io ho studiato fior di manuali facendomi pagine e pagine di schemi…

    Ti prego, vieni tu ad insegnare lettere al posto mio?

    Beh, sai che nel mio caso il discorso scrittore/narratore è decisamente la cosa più caotica possibile, ma qui si tratta di schizofrenia latente (mica tanto), per cui spesso e volentieri non so nemmeno io CHI stia scrivendo COSA. Ok, ora non ti spaventare, per determinate scene so benissimo a quale personalità lasciare la penna o la tastiera!

    Però… spero che mi permetterai di citare questo articolo se un giorno dovrò spiegare il concetto a qualche alunno! 😉

  2. Livin Derevel ha detto:

    Tesoro mio, sei liberissima di citare questo articolo, stamparlo e spammarlo a tutti gli studenti che incontrerai… Purchè metta il mio nome in bellamostra!XD

    Te sei un caso particolare, e voi tutti lì dentro *qualcuno le batte da dentro il cranio* è meglio che fate i bravi. O vi faccio fare cose di cui vi pentirete!(E io ne riderò)

  3. Grey ha detto:

    Ma sentila! Ti pare? Mi sa che il tuo nome sarà direttamente l'intestazione, in grassetto-corsivo-sottolineato-sbarluccicoso…

    Come fai a farmi sempre sganasciare dal ridere con i tuoi discorsi di personaggi?!

    Tranquilla, per "quel" caso particolare in particolare ho idea che non ci sia da preoccuparsi… ho paura che stavolta la legnata sia stata troppo dura perfino per lui, e non so se sia un male!

  4. Livin Derevel ha detto:

    FATTI SUOI!XD Susu, gli ho pure dato una vecchia nuova storia su cui sciogliersi… Che se la goda!X3

Rispondi a Grey Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi