Segnalazione: “I cacciatori di libri” di Raphaël Jerusalmy

Anteprima

Dalla Parigi di Luigi XI alla Gerusalemme medievale passando per la Firenze dei Medici, l’epica battaglia per salvare i libri in un’avventura esotica e trascinante.

Raphaël Jerusalmy

I cacciatori di libri

i cacciatori di libri

«Un thriller letterario medievale tra i più originali, 
un inno alla potenza della parola scritta e alla magnificenza del libro» 
L’Express

«Stile, verve, classe, Jerusalmy illumina con malizia l’alba del Rinascimento » 
Paris Match

datilibro

Titolo: I cacciatori di libri
Autore: Raphaël Jerusalmy
Titolo Originale: La confrérie des chasseurs de livres
Edito da: Edizioni e/o
Prezzo: 18.00 €
Uscita: 22 Ottobre 2014
Genere: Romanzo thriller storico
Pagine: 272 pag.

La Confrérie des chasseurs de livresTrama: Ambientato alla fine del Medioevo, all’epoca dell’invenzione della stampa, il romanzo racconta di una misteriosa cospirazione nata per contrastare l’oscurantismo della Chiesa e difendere la cultura e la libertà di pensiero dalla censura dell’Inquisizione. La singolare alleanza coinvolge nientemeno che il trono  di Francia, i Medici di Firenze e un gruppo di monaci e di rabbini che operano a Gerusalemme in totale clandestinità, per conservare, ricopiare e diffondere le preziose opere del passato. Il personaggio principale del libro è il poeta François Villon, autore di celebri ballate e in un certo senso fondatore della lingua francese moderna. Figura straordinaria  e contraddittoria, letterato e insieme malfattore, all’età di trentun anni venne imprigionato per i suoi crimini e condannato all’impiccagione. Sappiamo che alla fine Luigi XI gli concesse la grazia, ma a quel punto di lui si perdono completamente le tracce. Jerusalmy si diverte a immaginare questa seconda parte della sua vita e gli affida il ruolo d’intermediario tra il sovrano e i membri della confraternita. Villon è uno spirito libero e non si lascia manipolare né si piega agli interessi dei potenti. Affiancato dal burbero Colin e dalla bella e silenziosa Aisha, François persegue uno scopo tutto personale (a salvaguardia di ciò che lui definisce la “Parola”) e conclude la missione in Terra santa in maniera imprevedibile, dimostrando che a volte i libri possono anche cambiare il corso degli eventi.

Raphaël JerusalmyRaphaël Jerusalmy, ex agente dei servizi segreti israeliani, in seguito impegnato in azioni umanitarie, ora commercia in libri antichi a Tel Aviv. Il suo primo romanzo, Salvare Mozart( Prix Roblès 2013), è uscito per le edizioni e/o nel 2013.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi