Segnalazione

Sognando Leggendo vi segnala l’uscita del 9 Febbraio per la casa editrice HarperCollins Italia

Paula Treick DeBoard

I giorni del silenzio

Puoi dire di conoscere davvero
chi ti sta accanto?

datilibro

Titolo: I giorni del silenzio
Titolo originale: The morning hours
Autore: Paula Treick DeBoard
Edito da: HarperCollins Italia
Prezzo: Ebook 8.99 € // Cartaceo 13.60 €
Uscita: 9 Febbraio 2017
Genere: Thriller, giallo

Trama: Dopo la misteriosa scomparsa di un’adolescente che ha scosso la cittadina in cui viveva, Kristen Hammarstrom non è più tornata in quello sperduto angolo del Wisconsin. Aveva solo nove anni all’epoca, ma i dettagli di quei drammatici giorni si sono impressi in modo indelebile nella sua memoria. Perché l’ultimo a vedere Stacy Lemke viva è stato il fidanzato, Johnny, astro nascente della squadra di wrestling della scuola e fratello maggiore di Kristen. Nessuno aveva saputo spiegarsi l’accaduto, nemmeno le persone più vicine a Johnny, ma la disgrazia aveva scardinato la comunità e la famiglia di Kirsten aveva finito per soccombere sotto lo schiacciante peso del sospetto. Ora, molti anni dopo, un’altra tragedia costringe Kristen e i suoi fratelli a tornare a casa e ad affrontare gli eventi devastanti che hanno cambiato il corso delle loro vite…È

Paola Treick DeBoard è laureata in scrittura creativa all’Università del Maine, attualmente insegna composizione alla University of California, Merced e vive nella vicina Modesto con il marito. I giorni del silenzio, vincitore del Niles Library’s Tournament of Books, è il suo primo romanzo pubblicato da HarperCollins Italia.

Facebook-iconBlogger-icontwitter.pnggoodreads.png

Ciao a tutti! Sono CriCra alias Cristina B. Sono la viceadmin/articolista/recensore (una tutto fare, insomma) appartenente allo splendido gruppo di persone su SognandoLeggendo. Sono ovviamente un’amante della lettura, adoro i romanzi e i fantasy. Nel mio piccolo, ogni volta che devo recensire un libro, cerco di essere semplice e obiettiva al tempo stesso. Se c’è da elogiare o da bastonare è sempre meglio farlo più onestamente possibile. Altrimenti non sarebbe giusto, vi pare? Buone Letture a tutti :)