Segnalazione: “Il castello nero” di Gaston Leroux

Segnalazione

GASTON LEROUX
IL CASTELLO NERO

castello nero_leroux
No, non era un sogno o un incubo, né un’allucinazione. Era reale. Il Castello Nero era ben piantato sulla roccia, sospeso come una minaccia sull’abisso. Il Castello Nero esisteva. Aveva un posto sulla terra e sulle mappe e nonostante questo era più terribile di qualsiasi altro castello concepito dalla follia o dal genio dell’uomo, o dall’immaginazione stravagante e morbosa dei poeti. Quale architetto occidentale, al tempo delle crociate, si era fermato in quel luogo per innalzare nel posto più sperduto d’Oriente quella costruzione di forma orrenda e spiovente?”

datilibro

Titolo: Il castello nero
Autore: Gaston Leroux (trad. Pietro Ruggeri)
Edito da: Galaad Edizioni
Prezzo: 16,00 €
Genere: Romanzo
Pagine: 472 p.

Trama: Sullo sfondo del primo conflitto balcanico, in uno scenario da Mille e una notte, Rouletabille attraversa la Bulgaria e la Turchia per sottrarre la bellissima Ivana alle mire di Gaulow, spietato signore del Castello Nero. Il giovane reporter-detective – forse la creatura più fortunata scaturita dal genio fantasioso di Leroux – veste in questa nuova avventura i panni di un romantico paladino d’amore, che non ha perso nulla della sua proverbiale sagacia. Quarto capitolo del ciclo inaugurato dal Mistero della camera gialla, Il castello nero è insieme racconto dell’orrore, storia di investigazione, romanzo picaresco, delizioso feuilleton. A tenere insieme i fili di questo eccentrico e brioso congegno narrativo, mescolando gusto per il patetico e ispirazione poliziesca, sentimentalismo ed effetti da grand-guignol, è lo sguardo irresistibilmente ironico di Gaston Leroux, scrittore tra i più prolifici e inventivi del primo Novecento.

Estratto Libri icon

 

220px-G._LEROUXGaston Leroux nacque a Parigi nel 1868 da una ricca famiglia borghese. Dopo aver dilapidato giovanissimo un’eredità di un milione di franchi ai tavoli da gioco, si laureò in Giurisprudenza e per qualche tempo esercitò la professione di avvocato. Divenne ben presto una firma assai nota del giornalismo francese e nel 1907 conquistò la ribalta letteraria con la pubblicazione a puntate del Mistero della camera gialla, imprescindibile capolavoro del mistery, primo titolo del ciclo dedicato al reporter-investigatore Rouletabille. Amato dai surrealisti francesi e influenzato da Sue, Conan Doyle, Poe e Stevenson, Leroux scrisse trentaquattro romanzi. Negli anni Venti diede vita a un nuovo ciclo, questa volta incentrato sulla figura di un criminale, Chéri-Bibi, recluso ingiustamente e poi evaso di prigione. Tra i titoli isolati, impossibile non menzionare Il fantasma dell’opera (1910), oggi considerato un vero e proprio classico della letteratura fantastica. Dopo una vita avventurosa, Gaston Leroux morì a Nizza, popolarissimo e di nuovo ricco, nel 1927.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi