Segnalazione: Il sangue nero dei Romanov di Dora Levy Mossanen

Un viaggio mistico nella corte degli Zar
pieno di suspence e colpi di scena

Titolo: Il sangue nero dei Romanov
Autore: Dora Levy Mossanen
Edito da: Newton Compton Edizioni
Prezzo: 9.90 €
Uscita: 17 Gennaio 2013
Genere: Thriller storico, paranormal
Pagine: 352 p.

Trama:

Darja ha 104 anni ed è ancora una donna bellissima e dal fascino misterioso.  Vive in un antico e fatiscente palazzo e intorno a lei svolazza sempre un nugolo di farfalle. Nessuno sa con certezza chi sia in realtà: l’unico indizio relativo al suo passato è un preziosissimo ciondolo, un uovo Fabergé tempestato di diamanti e pietre preziose da cui non si separa mai. Ha dei poteri soprannaturali e racconta di essere stata la tutrice del piccolo Aleksej, l’erede al trono dei Romanov. È passato quasi un secolo da quando la Rivoluzione ha annegato nel sangue il fasto e la ricchezza degli zar: i membri della famiglia reale sono stati uccisi, il loro nome dannato, i simboli del potere distrutti, eppure pare che Aleksej sia scampato all’eccidio… Darja non lo ha mai dimenticato e quando riceve una convocazione urgente da parte dell’Associazione della nobiltà russa le sue speranze riprendono corpo… Il sangue nero dei Romanov è una storia densa di magia e di avventura, amore e speranza, in cui rivive l’atmosfera lussureggiante di una corte opulenta e ricca di meraviglie, ma destinata a un inevitabile tramonto.

 

Dora Levy Mossanen

Dora Levy Mossanen nata in Israele e cresciuta in Iran, è fuggita negli Stati Uniti all’inizio della Rivoluzione islamica. È autrice di tre romanzi tradotti in diverse lingue. Il sangue nero dei Romanov è il suo primo libro tradotto in Italia. Scrive regolarmente per l’Huffington Post  e vive a Beverly Hills, in California.

Sito dell’autrice: DoraLevyMossanen

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi