Segnalazione: ‘La folgore di Zeus: la stanza dei mille segreti’ di Angelo Santoro

Sognando Leggendo vi segnala l’uscita del 5 Ottobre per la casa editrice Libro/Mania, per tutti gli appassionati del genere suspense crime, thriller:

Angelo Santoro

LA FOLGORE DI ZEUS

LA STANZA DEI MILLE SEGRETI Titolo: La folgore di Zeus. La stanza dei mille segreti
Autore: Angelo Santoro
Edito da: Libro/Mania
Prezzo: Ebook 3.99 €
Uscita: 5 Ottobre 2017
Genere: Romanzo thriller

TRAMA: L’ex consulente politico Adam Vela riceve la visita di due funzionari del Ministero dell’Interno che gli rivelano un grave sospetto: è in atto una cospirazione per sovvertire l’ordinamento dello Stato e la mente ispiratrice dei complottisti è Vittorio Mangreat, chirurgo di fama internazionale. Vela intrattiene da quasi un anno una relazione clandestina con Demetra Mangreat, figlia di Vittorio nonché Pubblico Ministero presso la Procura di Milano e moglie di un facoltoso antiquario milanese. In virtù dello stretto rapporto che unisce i due amanti e di alcuni problemi di natura finanziaria e giudiziaria che riguardano la Fondazione che porta il suo nome, viene imposto a Vela di indagare su Mangreat e sui suoi piani eversivi. Adam e Demetra dovranno sfuggire ad agguati sanguinosi e inseguimenti spericolati per salvare la propria vita, risolvere enigmi legati alla mitologia classica e indirizzare verso i colpevoli la “folgore di Zeus”.

Angelo Santoro, vive tra Torino e Nichelino. È laureato in Economia e in Scienze politiche, ha lavorato come ispettore di produzione assicurativo, insegnante di materie economiche e gestore-contitolare di un’edicola. Da alcuni anni si dedica alla scrittura ed è autore di opere teatrali che vengono utilizzate come sceneggiature per le “Cene con delitto”. Per libromania ha già pubblicato “Il palazzo degli intrighi”.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi