Segnalazione: ‘Mercoledì’ di Viviana Albanese

Sognando Leggendo segnala, per tutti gli appassionati del genere narrativo contemporaneo:

Viviana Albanese
Mercoledì

datilibro
Titolo: Mercoledì
Autore: Viviana Albanese
Edito da: Puntoacapo Editrice
Prezzo: Cartaceo 15.00 €
Uscita: 30 Settembre 2016
Genere: Narrativa contemporanea
ISBN: 978-88-6679-084-6
Pagine: 170

TRAMA: “Mercoledì” è un romanzo ambientato nel basso Piemonte. Al centro della storia un gruppo di trentenni. In particolare Margherita, chiamata dalle colleghe Mercoledì, per quel suo umore non brillante e l’abitudine di legare i capelli a treccia nelle giornate peggiori. Ragazza di città, si trasferisce nel paese di origine dove cerca il guscio che la possa proteggere, quasi per non voler crescere, non fare il passo che potrebbe cambiarle la vita. È una laureata come tante che si trova a lavorare in un outlet, con orari spaventosi, il week-end mai completamente libero, una quotidianità che non la soddisfa. Sarà l’incontro fortuito di un ragazzo di fuori a metterla davanti alla scelta della vita: rimanere in provincia, o buttarsi nel vuoto per tentare di recidere quel cordone ombelicale che le dà sicurezza ma la limita nelle scelte personali. I temi principali sono la precarietà del lavoro, delle relazioni interpersonali e la difficoltà di allacciare veri rapporti in un mondo in cui siamo iperconnessi, ma dove la vera comunicazione, quasi paradossalmente, viene a mancare.

Dal libro: 

“Margherita lo osservava affascinata. Era una di quelle notti in cui nessuno dei due aveva voglia di dormire, lei aveva bisogno di staccare la mente per smaltire il nervoso accumulato, se si fosse addormentata avrebbe sicuramente avuto incubi, e lui aveva bisogno di rilassarsi e sentirsi un posto più confortevole degli alberghi e cui era abituato e, così, di stendeva ogni muscolo, si lasciava andare e traspariva nella sua parlata quell’accento tedesco che invece era solito nascondere bene e questo faceva sorridere lei. Soprattutto quando Martin pronunciava una P al posto di una B e a lei tornava in mente quella vecchia pubblicità della Barilla con la donna tedesca esasperata che gridava ‘Pasta! Pampini!’. E così cercava di soffocare un sorriso, distraendosi irrimediabilmente, e lui ormai lo sapeva e riprendeva il discorso dal principio, ripetendole quello che aveva appena detto.” … Estratto QUI

Viviana Albanese, è sposata, ha due bambini e un lavoro a tempo pieno (commerciale in un’azienda siderurgica da 12 anni) e nonostante tutto scrive, perché quando una passione è così forte, trova sempre il modo di prendere il sopravvento e nonostante il poco tempo a disposizione riesce in un modo o nell’altro a fare emergere le storie e i personaggi con cui “convive”.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi