Serie “I Birmingham” .::. Kathleen E. Woodiwiss

Kathleen E. Woodiwiss;

Kathleen E. Woodiwiss è la regina indiscussa del romance storico, il genere che mescola amore, avventura e passione. 
Nonostante l’enorme successo, negli Stati Uniti i suoi libri non avevano mai avuto l’onore di uscire in edizione rilegata. Onore che finalmente ha meritato Il fiore sbocciato, proprio per l’eccezionale qualità della trama e della scrittura.
E’ nata ad Alexandria, in Louisiana, ed è vissuta nel Minnesota con il marito e tre figli.  L’autrice si è spenta il 6 luglio 2007, ma con oltre 36 milioni di copie vendute resta l’autrice romance più venduta e più amata.

Sito: http://www.kathleenewoodiwiss.com/

Lista dei romanzi: http://www.yadirs.net/romanzirosahomage/rr-biblio-kew.htm

 

Trilogia “I Birmingham”;

1. Il Fiore e la Fiamma (isbn: 9788845415845)

2. Cuori in Tempesta (isbn: 9788845421549)

3. Una Stagione Ardente (isbn: 9788845423017)

 

 

Titolo: Il Fiore e la Fiamma
Autore: Kathleen E. Woodiwiss
Serie: Serie “I Birmingham”, 1 
Edito da: Sonzogno
Prezzo: 7,00 €
Genere: Romance Storico, Adult Romance
Pagine: 416 p.
Voto:

 

Trama:

Londra, 1799. La grande città è pericolosa per la giovane Heather, sola e sperduta, che deve fuggire dopo aver accoltellato lo zio che attentava alla sua innocenza. Si ritrova sulla nave del capitano Brandon Birmingham, che sta per salpare per le colonie americane e le offre di condurla con sé. Il Nuovo Mondo è per Heather la possibilità di ricominciare una vita, ma prima di raggiungerlo dovrà difendersi dalla passione del bel Brandon e dal travolgente sentimento che le ispira.

Citazione: Aprì gli occhi e lo vide proteso su di lei, in attesa, come se tentasse di leggerlenella mente. Poi Brendon si chinò sulla sua bocca, costringendola a riadagiarsi sui guanciali…

 

Recensione:

I protagonisti di questa turbolenta e passionale storia d’amore sono Brandon, yankee scapolo duro e affascinante, e Heather, giovane dolce ma forte fanciulla dal passato difficile.

L’avventura inizia nella Londra settecentesca con la fuga di Heather dalle tentate moleste dello zio paterno. La fuga, però, non far altro che aggravare la sua situazione dato che viene rapita in un sordido vicolo del porto e imbarcata di forza come prostituta nel mercantile di Brandon. L’incontro, o per meglio dire lo “scontro”,  fra i due è travolgente, complesso e anche piuttosto amaro fin dall’inizio. Brandon, infatti, ignorando le origini della ragazza finirà per farle violenza preso dagli istinti trattenuti per tutto il lungo viaggio dalle Americhe. Heather, orgogliosa ma tenace, non mancherà di fuggire dall’uomo non appena le se presenterà l’occasione, deludendo così le aspettative  del Capitano che intendeva farne la sua amante.

Da quel punto in poi il romanzo ha un improvviso colpo di scena che riporterà Brandon nella vita di Heather anche se, fra i due, le cose non faranno altro che peggiorare in modo pressoché esponenziale.

Brandon, scapolo di quasi trentanni e capitano della sua nave dal carattere orgoglioso e inflessibile, finirà per terrorizzare letteralmente Heather che, nonostante il timore, non mancherà mai di tenere testa all’uomo fino a che, ovviamente, il punto di vista di Brandon non subirà un’inatteso mutamento verso la giovane donna.

C’è da dire che la violenza iniziale fatta subire a Heather tenderà a sconvolgere e stizzire le lettrici più sensibili, nonché il carattere pressoché impossibile di Brandon che finirà per punire Heather per essere fuggita e tornata alla casa dei suoi zii scatenando così una serie di reazioni che, visto l’epoca, hanno portato a un inevitabile matrimonio fra i due.

Questo tentativo di “punizione” alle spese di Heather da parte di Brandon non fa altro che renderlo più affascinante ma assolutamente insopportabile; come se la ragazza avesse dovuto subite l’onta, oltre la tragedia, di essere una semplice concubina dopo la violenza!

L’inizio così traumatico, nella figura di entrambi finisce per mutare irrimediabilmente durante il tragitto in nave che li porterà entrambi in America, a casa di Brandon Birmingham, dove l’attende anche l’ormai ex fidanzata del suddetto.

Una volta arrivati a terra le cose fra i due continueranno a oscillare pericolosamente fra l’affetto e la rottura per almeno un anno, oscillazioni “devotamente” aiutate dalla ex fidanzata che non ha perdonato in alcun modo Heather per averle sottratto il partito, o meglio gallina dalle uova d’oro.

Per fortuna entra in scena anche un’altro piacevole personaggio che farà immediatamente aumentare l’attenzione delle lettrici: Jeff.  Fratello minore di Brandon, Jeff Birmingham, sarà la cosiddetta “boccata d’aria fresca” che aiuterà il romanzo a non cadere leggermente nel cliché introdotto dalla presenza della bionda bisbetica che è Luisa, l’ex fidanzata.

Ovviamente Jeff non mancherà di sostenere con tutte le sue forze la cognata, Heather, per la quale prova immediatamente un affetto smisurato e prenderà in giro il fratello ogni minuto per la comica situazione resa ancora più comica dall’astinenza forzata del fratello/stallone che si riscopre impossibilitato a interessarsi ad altre donne che non siano sua moglie di cui è assolutamente geloso.

Ovviamente, come ogni buon romance che si rispetti, avremo un lieto fine; non prima che ai due siano capitati –  ovviamente – una buona dose di sfortunati eventi [cit.]

Heather è un bel personaggio in tutto il suo “percorso” narrativo. Una “vera” cenerentola che si trova in una situazione più brutta dell’altra ma che, nonostante ciò, non rinuncerà mai al tuo passionale e tenace carattere.

Jeff è un altro personaggio assolutamente fantastico. Spensierato e divertente, sembra quasi l’antitesi del rigido e formale Brandon; almeno fino a quando qualcuno non osi toccare la sua famiglia. In quel caso si trasforma nella copia esatta del fratello maggiore dando sfoggio di un elegante forza che, seppur meno impetuosa di quella del capofamiglia, è comunque temibile.

Luisa è il personaggio più stereotipato e, ovviamente, antipatico del romanzo. Non dobbiamo dimenticare che in quanto “primo fra i primi” questo romanzo ha costituito uno dei capostipiti del genere romance per cui, oggi, possiamo definirlo perfino banale ma che allora non era assolutamente tale.

Brandon, invece, è il personaggio che ha subito la trasformazione più repentina, se non addirittura troppo repentina, del romanzo. Da maschio Alpha finisce per essere “troppo” sdolcinato e perfetto da metà romanzo in poi.

Dell’intera trilogia questo è senza dubbio il migliore in assoluto e che merita di essere letto, anche se non si può certo la miglior opera della  Woodiwiss è senza dubbio uno dei romanzi romance più famosi.

 

Titolo: Cuori in Tempesta
Autore: Kathleen E. Woodiwiss 
Serie: Serie “I Birmingham”, 2 
Edito da: Sonzogno
Prezzo: 7,00 €
Genere: Romance Storico, Adult Romance
Pagine: 412 p.
Voto:

 

Trama:

Porto di Londra, ottobre 1825. Il coraggioso capitano Beauregard accoglie sulla sua nave in rotta per l’America la bellissima Cerynise, in fuga da un uomo senza scrupoli che vuole farle del male. Tra loro nasce un sentimento irresistibile, ma ben presto pericolosi segreti, nemici ostinati e violente tempeste infurieranno sull’oceano e dentro i loro cuori, mentre l’amore rischia d’infrangersi contro i marosi di un destino avverso.

 

Recensione:

Romanzo dolce e appassionante anche questo nuovo capitolo che parla della famiglia Birmingham. Qua ci troviamo in compagnia di Beau, figlio maggiore di Heather e Brandon, i protagonisti di Il Fiore e la Fiamma.

Cerynise è rimasta orfana e, grazie a qualche buona stella, viene lasciata andare a Londra dallo zio, dalla sua tutrice, per completare la sua istruzione femminile. Sono cinque anni di gioia e la ragazza cresce diventando una splendida diciassettenne alle prese con il suo ingresso in società.

La morte improvvisa della sua tutrice, però, interrompe l’idillio e la ragazza si trova messa alla porta dalla sera alla mattina dal nipote legittimo della gentile signora che si era presa cura di lei negli ultimi cinque anni. Senza nemmeno un abito di ricambio non può far altro che andare a elemosinare aiuto e comprensione al porto, dove le navi per l’America stanno per salpare.

Sarò proprio lì che, stanca e provata, incontrerà un vecchio amico d’infanzia, nonché suo primo e unico amore: Beauregard Birmingham.

Beau si mostra subito sollecito ad aiutare la vecchia amica, benché la vista della suddetta nelle vesti di “donna” lo lasci sempre in preda alla confusione e all’agitazione. S’impone, nonostante ciò, di aiutarla a trovare un passaggio mentre la ospita sulla sua nave temporaneamente… Però, purtroppo, il nipote della sua defunta tutrice torna a farsi vivo: rivuole Cerynise.

Il comportamento illogico mette sull’allarme i due giovani che, per ingannare e sfuggire ai piani dell’uomo, finiranno per accordarsi per un matrimonio temporaneo. Al termine della traversata avrebbero chiesto l’annullamento, un gesto estremo ma sicuramente necessario per tenere al sicuro la giovane.

Peccato, però, che per Beau la traversata diventerà un inferno visto che la giovane diventa per lui una tentazione troppo forte e, purtroppo o per fortuna, il sangue non è acqua. Come suo padre prima di lui anche Beau, avvalendosi del suo status di marito, non darà tregua alla giovane Cerynise da sempre innamorata di lui. Il bisogno però di far sopravvivere la sua anima e di tenersi lontana dai giochi di Beau spingono Cerynise a lottare contro i suoi approcci fin dal primo momento e questo li porterà al continuo scontro fino a che….

Un bel romanzo senza dubbio non all’altezza del precedente, di cui sembra a grandi linee ricalcare tutte le tappe principali, togliendo così la suspance e la curiosità al lettore che, benchè coinvolto, finirà per sapere sempre cosa “accadrà” da lì a poche pagine.

I personaggi però, in questo caso, sono entrambi magnifici. Tutti e due si evolvono perfettamente assieme alla trama senza stravolgersi minimamente: Cerynise con il suo caratterino e la sua lingua sferzante e Beau tenace ma assolutamente dolce e deciso nel sapere cosa vuole.

Come già detto l’unica pecca è unicamente la troppa similitudine con il primo romanzo della trilogia ma, a parte questo, è un vero piacere trovare i vecchi personaggi come Heather, Brandon e Jeff (e consorte, di cui avremo il piacere di conoscere la storia nel prossimo romanzo) e i nuovi abitanti della cittadina.

Come sempre lo stile dell’autrice è coinvolgente, dolce e magnificamente passionale.

 

Titolo: Una Stagione Ardente
Autore: Kathleen E. Woodiwiss
Serie: Serie “I Birmingham”, 3 
Edito da: Sonzogno
Prezzo: 7,50 €
Genere: Romance Storico, Adult Romance
Pagine: 413 p.

Voto:

 

Trama:

Inghilterra, primi dell’Ottocento. Di famiglia nobile caduta in disgrazia, Raelynn Barrett decide d’imbarcarsi per l’America, la terra delle opportunità. Sogna un futuro migliore, ma andrebbe incontro a un triste destino se non intervenisse Jeff Birmingham, aitante e ricco uomo d’affari di Charleston. Innamorata del suo salvatore e ricambiata con passione, Raelynn è felice, ma un nemico trama nell’ombra per separarli…

 

Recensione:

Terzo e ultimo romanzo che narra le avventure della famiglia Birmingham anche se, dal punto di vista temporale, questo andrebbe a collocarsi al secondo posto in ordine di lettura visto che narra l’amore fra Jeff Birmingham e Raelyn Barrett, figlia di un conte  inglese caduto in disgrazia a seguito di un’accusa di tradimento.

In questo caso l’autrice si distacca decisamente dal profilo generale portato avanti nei primi due libri e la trama assume una connotazione nuova e interessante.

A quanto pare a qualcuno non va giù il matrimonio veloce fra Jeff e Raelyn e faranno di tutto per sconvolgere il nuovo mondo dei due amanti, perfino uccidere… Peccato che, unito a tutto questo, c’è il bisogno della giovane coppia di conoscersi e di acquisire fiducia l’uno dell’altra visto che non hanno avuto alle spalle un periodo di fidanzamento o una conoscenza di lunga data come nel caso di Beau e Cerynise.

La trama è intrigata e intrigante molto più che in “Cuori in tempesta”, tornando alle vette de “Il fiore e la fiamma”; il problema sono i personaggi.

Jeff non ha nulla del Jeff conosciuto nel primo e nel secondo romanzo, benché questi si collochino rispettivamente prima e dopo gli eventi narrati in questo libro. E’ orgoglioso –  in senso negativo –  e anche un vendicativo; non ha nulla di quel fratello minore spigliato e sbarazzino che tanto avevamo amato.

Raelyn, invece,  non riesce a imporsi e a farsi amare come era accaduto con Heather e Cerynise. E’ insicura, piagnucolosa e decisamente infantile. Da tutto, o molto, per scontato e si aspetta che Jeff assecondi le sue turbe mentali, i suoi capricci e le sue insicurezze. L’autrice cerca di scusarla dietro il fatto che, in effetti, non conosce Jeff visto il matrimonio veloce ma la scusa non regge visto che, ad esempio, la cognata si era ritrovata stuprata dal marito ma non per questo aveva perso la dignità e la forza di carattere.

In definitiva una storia carina, senza dubbio, ma non all’altezza degli altri libri letti di questa autrice.

 

Lascia un commento

2 risposte a “Serie “I Birmingham” .::. Kathleen E. Woodiwiss”

  1. Chrysalis ha detto:

    Vi ho premiato con il Sunshine Award! ^^
    http://anotherblog01.blogspot.com/2011/01/sunshin

  2. […] “I Birmingham” – [Adulti] – [Recensioni Libri] – […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi