Serie “Streghe di East End” di Melissa De La Cruz

melissa-de-la-cruz.jpgMelissa De La Cruz;

Melissa De La Cruz è una scrittrice filippina cresciuta tra Manila e San Francisco. È autrice di numerosi bestseller acclamati dalla critica, romanzi per ragazzi tra cui la serie Au Pairs, la serie Ashleys, la serie Angels on Sunset Boulevard e la serie Sangue Blu, pubblicata in Italia con grande successo da Fanucci Editore. In questa prima prova per adulti, Melissa de la Cruz si riconferma come una delle maestre dell’urban fantasy, con la sua inconfondibile capacità di creare un mondo fantastico, ricco di atmosfere suggestive, e una voce che incanta a ogni pagina.

Sitohttp://melissa-delacruz.com/index.php/site/

Le streghe di East End:

1. Le streghe di East End – isbn: 9788865080894
+ altri a seguire

Titolo: Le streghe di East End 
Autore: Melissa De La Cruz
Serie: Streghe di East end, 1
Edito da: Leggereditore
Prezzo: 10,00 €
Genere: Adult Fantasy, Streghe
Pagine: 304 p.
Voto:2Astelle.png

Trama: È settembre e le Beauchamp si sono da poco trasferite a Hampton. Sulla cittadina sembra regnare la calma, ma presto una guerra fra forze antagoniste sconvolgerà per sempre equilibri millenari. Freya, Ingrid e la madre Joanna, hanno trovato un impiego normale e fanno di tutto per non usare i loro antichissimi poteri: se rompessero il patto potrebbero scatenare l’ira del consiglio degli stregoni. Freya lavora in biblioteca, mentre Ingrid fa la cameriera in un pub, ma limitarsi è difficile e a poco a poco le donne sentono rinascere in loro l’impulso della magia. Al principio la usano per risollevare la sorte di amici o clienti, ma presto la situazione sfugge al loro controllo. Una ragazza scompare nel nulla e una serie di eventi insoliti sconvolge la cittadina. Tutti gli indizi portano alle Beauchamp e i superiori che le tengono d’occhio non tarderanno a manifestarsi per ristabilire l’ordine. Ma qualcosa di molto più oscuro si nasconde nelle strade di Hampton, fino ad avvicinarsi inesorabilmente alle tre donne. Fra misteri, forze oscure da placare, sensualità e vero amore, dovranno cercare di ristabilire gli equilibri fra il bene e il male, turbate da un demone che è riuscito a insinuarsi nella loro famiglia. Riusciranno a ritrovare la loro natura e a coronare il sogno di normalità che mai sono riuscite a veder realizzato?

 

Recensione:

Melissa De La Cruz ha deciso di raccontarci la storia della famiglia Beauchamp.
Ci farà conoscere Joanna, la madre, Ingrid, la figlia maggiore, libraia nella biblioteca della città, e Freya, la figlia minore, barista e fidanzata con Bran, uomo bellissimo, buono, intelligente. Sembrerebbe una famiglia normale, e così è agli occhi di tutti i cittadini di North Hampton che conoscono le tre donne e le apprezzano per il loro contributo alla città.
Non è lo stesso per noi lettori, che fin da subito sappiamo di trovarci di fronte a delle streghe (tra tutti gli esseri sovrannaturali o dotati di poteri, le streghe sono da sempre le mie preferite in assoluto!), probabilmente un tempo potenti, che ora invece sono innocue e tranquille, e che vivono la loro vita senza nessun ricorso alla magia.

Non si tratta di una scelta personale, ma obbligata: dopo essere state condannate durante la caccia alle streghe a Salem nel 1692, è stato proibito loro qualunque ricorso alla magia, per qualunque motivo.
Le tre donne sono costrette pertanto a mantenere un basso profilo, temendo chissà quali ripercussioni in caso di violazione del divieto.

L’autrice sembra voglia sottolineare quanto sia difficile andare contro la propria natura, perché basta qualche piccolo intoppo per indurre le tre protagoniste, una dopo l’altra, a richiamare i propri poteri e a farne uso. Un uso che non sarà mai strettamente personale, ma sempre messo a disposizione della comunità. (Sono pur sempre streghe buone!)

Il ritorno della magia scatenerà una serie di conseguenze che metteranno in moto la storia e quel che accadrà nei seguiti.
Un romanzo che si legge facilmente e velocemente, che non colpisce per originalità o fantasia, ma che purtroppo sembra essere un po’ troppo prevedibile.

La storia presenta la sua dose di mistero, di dubbi da risolvere, di cattivi da far uscire allo scoperto, pur non mostrando nulla di particolarmente innovativo. Se da un lato pertanto il romanzo pecca di prevedibilità, dall’altro è apprezzabile per aver riportato alla luce la figura delle streghe nella loro vera natura. Non sono streghette in salsa young adult che scoprono i poteri e li mettono alla prova con cerchi notturni o trovate del genere: sono streghe genuine, di quelle che volano sulle scope, fanno pozioni, pronunciano incantesimi in grado di cambiare il corso delle cose. Fa piacere ritrovarle nella loro essenza, come se fossero vecchie amiche che avevamo ormai perso di vista. Non fa altrettanto piacere, però, scoprire che questo ritorno dura per sole 300 pagine, che fuggono troppo veloci… Saremo sicuramente lettrici del seguito, perché nonostante questo primo tentativo non ci abbia entusiasmate al cento per cento, ha iniziato a stimolarci e a incuriosirci… Speriamo solo che l’attesa della pubblicazione non debba durare troppo, perché non siamo in grado di sapere quanto questa storia resterà impressa nella nostra mente!!

 

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi