Serie Struck di Jennifer Bosworth (Colpo di fulmine, # 1)

Jennifer Bosworth

Jennifer Bosworth è nata a Price, nello Utah, una piccola città mineraria nel deserto. Fin da bambina le piaceva vagare da sola per le brulle colline e raccontarsi delle storie. Ora, da adulta, le piace fare le stesse cose, solo che le strade in cui girovaga sono quelle della città di Los Angeles, la sua città preferita.
È produttrice e autrice di sceneggiature cinematografiche insieme al marito Ryan.
Colpo di fulmine è il suo primo libro.

La serie Struck:

1. Colpo di fulmine, 2013 (Struck, 2012)
2. …

 

Titolo: Colpo di fulmine
Autore: Jennifer Bosworth (Traduttrice: E. De Medio)
Serie: Struck, 01
Edito da: Corbaccio (Collana: Narratori Corbaccio)
Prezzo: 17,60 €
Genere: Fantascienza, Distopico, YA
Pagine: 339 p.
Votohttp://sognandoleggendo.net/wp-content/uploads/3Bstelle63.png

   

Trama: Mia Price è drogata di fulmini. È sopravvissuta a infinite scariche elettriche, ma la sua dipendenza dall’energia scaricata dai temporali mette in pericolo la sua vita e la vita di chi le sta intorno. Per questo si sente tranquilla a vivere a Los Angeles, perché è rarissimo che si scatenino temporali. Ma quando un terremoto devasta la città, il posto che lei credeva il più sicuro al mondo si trasforma letteralmente in un inferno. Le spiagge diventano gigantesche tendopoli e il centro è una terra perduta dove spadroneggiano bande di saccheggiatori e assassini. Due gruppi di fanatici si contendono il governo della città ed entrambi vedono in Mia una conferma alle loro concezioni apocalittiche, perché credono che Mia sia connessa alla tempesta elettrica che ha preceduto il terremoto e che si ripresenterà ancora più letale. Mia vorrebbe potersi fidare di Jeremy, affascinante ed enigmatico, che ha promesso di proteggerla e verso il quale si sente attratta da una forza e una passione irresistibili, ma dentro di sé teme di essere ingannata. E solo quando tutto sembra perduto e la catastrofe finale sta per abbattersi sulla città, Mia capirà come usare il suo potere per salvare le persone che ama. E capirà se Jeremy la ama davvero…

Recensione
di Simog55

Non piove mai in California,
ma quando si mette a piovere, ragazzi, diluvia.

(Albert Hammond)

Confesso che i libri che trattano di un futuro post apocalittico mi hanno sempre attirata, mi accosto perciò alla lettura di “Colpo di fulmine” con grandi aspettative ed altrettanta curiosità; d’altra parte la trama mi aveva veramente intrigata…

Ci troviamo in una “possibile” realtà alternativa dove si è verificato un terremoto di dimensioni e di impatto devastanti a Los Angeles. Il mondo come lo conosciamo? Non esiste più. Tantissimi sono morti ed altrettanti stanno per morire di inedia e di malattie.

In questo panorama desolante conosciamo Mia e quello che resta della sua famiglia: la madre ed il fratello minore Patrick.

Mia ha quasi diciotto anni, è una giovanissima donna sulle cui spalle “pesa” ogni decisione da prendere. La mamma, dal giorno del terremoto, vive in un mondo a parte, rifiuta ogni contatto sia emotivo che fisico, e sopravvive solo in funzione della speranza che viene alimentata dal cosiddetto “Profeta”, un sedicente Messia che miete proseliti fra tutti i disperati che circolano in questa Los Angeles che ormai è solo un cumulo di macerie. Tanti i discepoli che aderiscono alla sua dottrina e che aspettano una nuova catastrofe come una giusta punizione divina.

Mia è drogata di fulmini. È sopravvissuta a infiniti contatti con loro ed ormai è una “pila” vivente… L’energia scorre nelle sue vene e fatica a contenerla dentro il suo corpo: lei vuole uscire.

struckA volte il fulmine colpisce te, ma è chi ti sta accanto che finisce in ospedale. O all’obitorio. Sono tutte cose che possono succedere ma anche no; può anche succedere qualcosa di mai sentito prima. Coi fulmini è così, non sai mai che effetto avranno. Magari ti trasformano in una specie di mostruoso serbatoio di energia, lasciandoti con la costante sensazione che da un giorno all’altro prenderai fuoco per combustione spontanea. Come se ti esplodesse dentro una bomba e facesse… Be’, quello che fanno le bombe. O forse sono solo io.
Mi chiamo Mia Price e sono un parafulmine umano.

Mia ha vero e proprio terrore di quello che può fare quando non riesce a “governare” il fuoco che sente dentro di lei. È per questo motivo che è venuta a Los Angeles, cioè perché qui i temporali sono rarissimi.

Ma ormai i sogni di una vita normale sono finiti. Mia e Patrick debbono sopravvivere e per farlo debbono anche andare a scuola; sembra assurdo assistere alle lezioni di storia e italiano ma è l’unico modo per ottenere del cibo che viene distribuito solo a chi frequenta.

A scuola viene avvicinata dal gruppo che si oppone a quello del Profeta: i Cercatori. Anche loro cercano adepti ed anche loro sono interessati al potere che percepiscono dentro Mia, alla sua Scintilla.

In questa situazione di grande confusione generale ecco che un nuovo studente, Jeremy, l’avvicina e cerca di metterla in guardia dai pericoli insiti nel legarsi a questi due gruppi; è affascinante e misterioso, anche lui con una grande energia interiore che attrae Mia in modo irresistibile.

fulminiCosa deciderà Mia di fronte alla scelta più importante della sua vita? Si può fidare di Jeremy e delle sue raccomandazioni? Cosa vogliono tutti da lei e perché la vogliono costringere ad una scelta che lei non vuole fare?

In un countdown inesorabile, anche noi rimarremo con il fiato sospeso, insieme con i protagonisti del libro, ad aspettare l’arrivo della tempesta che potrebbe cancellare dalla faccia della terra gli ultimi sopravvissuti e tutta la città… Ci sarà un domani ed una nuova alba?

Il racconto è scorrevole, destinato ad un pubblico giovane, ed anche se la storia avrebbe potuto essere più coinvolgente, l’ho letto con piacere anche io che non lo sono più da un pezzo. L’idea della ragazza che “attira” i fulmini e che per questo acquisisce dei poteri mi è piaciuta e mi ha ricordato un telefilm che ha riscosso un grandissimo successo: Misfits. Anche in questa storia ci sono dei ragazzi che vengono colpiti dai fulmini durante un temporale anomalo, ed anche per loro la vita dopo non sarà più uguale.

Il libro si conclude lasciandoci però con la sensazione che Mia ha sicuramente in serbo altre sorprese per noi.  Sono convinta che l’autrice, nel prossimo libro, approfondirà meglio la figura di Mia e quanto la sua natura sia stata modificata dal contatto prolungato con i fulmini: insomma, tante altre avventure  in una Los Angeles ed in una realtà futura post-apocalittica.

Booktrailer

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi