Serie Wicked Lovely di Melissa Marr [Darkest Mercy]

Christine FeehanMelissa Marr

Melissa è nata nel 1972, ha insegnato letteratura al college. Le piace viaggiare e conoscere luoghi nuovi, così cerca di trasferirsi il più spesso possibile. La scrittice vive con il marito e i due figli vicino la città di Washignton DC. Il suo romanzo d’esordio, Wicked Lovely, è stato nella lista dei bestseller del «Los Angeles Times», del «New York Times» . È di prossima uscita negli USA il suo primo romanzo per adulti.

Sito: http://www.melissa-marr.com/index.html

 

Wicked Lovely Series:

1. Wicked Lovely. Incantevole e pericoloso, 2008
2.  Ink Exchange. Sortilegi sulla pelle,  2008
3. Fragile Eternity. Immortale Tentazione, 2009
4. Radiant Shadows. Sublime Oscurità, 2011
5. Darkest Mercy. Discordi Armonie, 2012

 

Titolo: Wicked Lovely. Incantevole e pericoloso
Autore: Melissa Marr (Traduttore:  L. Olivieri)
Serie: Wicked Lovely, vol.1
Edito da: Fazi (Collana: Lain)
Prezzo: 19.00€
Genere: Fantasy, Young Adult, Fate
Pagine: 360 p.
Voto: 
   

Trama: «Esseri fatati. Mi seguono degli esseri fatati». Non l’aveva mai detto a nessuno. Era una delle regole su cui la nonna si era sempre dimostrata inflessibile. Non puoi mai sapere se ti stanno ascoltando. Non puoi mai sapere se sono nascosti da qualche parte. Aislinn vive in una cittadina della provincia americana con la nonna. La sua vita assomiglia a quella di milioni di ragazze, se non fosse per un aspetto: ha il potere di vedere le fate. Fate malvagie che infestano la città, creature pagane, maliziose e lascive che si presentano in bande a fare dispetti, divertendosi alle spalle degli umani. Aislinn ha imparato a proteggersi da loro facendo finta di non vedere, seguendo i saggi consigli della nonna: non guardare le fate invisibili, non rivolgere loro la parola e, soprattutto, non attirare mai la loro attenzione. Ma quando alcuni esseri fatati cominciano a seguirla da vicino, le regole diventano impossibili da rispettare e lei confessa il suo segreto alla persona più cara che ha: Seth, diciotto anni, capelli blu, piercing e un vecchio vagone di un treno abbandonato come casa, un ragazzo verso cui prova sentimenti profondi che vanno al di là dell’amicizia. Il loro legame sarà messo a dura prova da Keenan, Re dell’estate e guida del Regno Fatato, che vede in Aislinn la prescelta, destinata a diventare la compagna della sua vita. Per lei diventa sempre più difficile allontanarlo, resistere alla sua bellezza abbagliante, ignorare quella strana e calda alchimia che la scuote in ogni parte. Il cuore di Aislinn è diviso, dovrà fare la sua scelta, in un emozionante conflitto tra amore eterno e amore terre.

Recensione

Romanzo innovativo ai suoi tempi, ricordo ancora la prima volta che lo lessi, rimasi stregata dal mondo della Marr.

Wicked Love è stato uno tra i nuovi romanzi fantasy a fare il suo debutto in Italia dopo la fama riacquistata dal genere quattro anni fa; e infatti il suo romanzo era davvero diverso e ammaliante. Soprattutto perché i protagonisti non erano più Vampiri, bensì Fate.

Melissa Marr fa parte delle scrittrici della nuova generazione, di cui ricordiamo anche la Clare e la Livingston, che hanno creato un nuovo mondo sconosciuto a noi poveri mortali.

Aislinn aveva un grande segreto. Un segreto che lavrebbe resa pazza agli occhi della gente.

La protagonista vede qualcosa che ai normali umani non è permesso, con i loro occhi così ciechi; lei, invece, sin da bambina ha dovuto far finta di non vedere quegli stupidi animaletti che importunavano le persone.

Perché, seppur le fate per la loro incantevole bellezza possono essere sottovalutate lo stesso, non si può dire per le fate della Marr: esseri infidi che hanno ben poco a che fare con gli esseri eterei che fanno solo del bene, come la Fatina azzurra di Pinocchio. Questi esseri fatati si prendono gioco degli umani e delle loro debolezze.

La Vista è un dono di famiglia: Aislinn è cresciuta con la nonna e questultima, dopo aver perso la figlia, nonché madre di Aislinn, ha imposto alla nipote delle regole alle quali lei deve sottostare per vivere in pace.

«Regola n°1. Non attirare mai l’attenzione degli esseri fatati.

Regola n°2. Non rispondere mai a un essere invisibile.

Regola n°3. Non fissare mai un essere invisibile.»

Aislinn si ritroverà a dover fare i conti con un futuro inaspettato e con un passato che sembra voler far capolino tra il suo presente. Ma spieghiamo meglio la situazione: Aislinn, ragazza che da sempre può vedere strane creature, allimprovviso si ritrova le attenzioni di due uomini. Uno è il suo migliore amico, Seth, di cui è segretamente innamorata e laltro è Keenan. Quest’ultimo la porterà nel mondo da cui lei cerca di sfuggire.

Entriamo nel vivo della storia, il prologo racconta il momento clou a cui si deve sottoporre ogni volta Keenan. Ma chi è Keenan?

Lui è il Re dell’Estate, costretto a sopravvivere solo con metà dei suoi effettivi poteri a causa di una maledizione che potrà essere spezzata solo dalla Regina dellEstate. Dove sta il problema? Perché per un Re è così difficile innamorarsi? Ma no! La Regina dellEstate non può essere una ragazza qualunque ma solo chi riesce a superare una prova; non è necessario lAmore Vero, la ragazza sarà scelta dallo scettro della Regina dInverno.

E, insieme a Keenan, farà apparizione Donia con il suo lupo bianco che avrà il compito di dissuadere la fortunata/sfortunata ragazza (dipende dai punti di vista) prescelta dal ragazzo per diventare la sua Regina.

Dopo che la ragazza è stata scelta, il Re non può semplicemente arrendersi: ormai la sorte della ragazza sarà segnata inevitabilmente. La mortalità di Aislinn dovrà cessare. Lunica ancora di salvezza per la protagonista sarà Seth, che si comporterà come un amico e un fratello maggiore, e laiuterà a non impazzire.

Attraverso le parole di Melissa, entreremo a far parte di un modo magico, fatato che permetteranno anche a noi (seppur per un momento) di far parte del loro mondo. Un mondo dove ciò che luccica non sempre è un bene, dove lacciaio è il tuo migliore amico e non sai mai se la persona con cui stai parlando sia un semplice umano o un essere fatato pronto a renderti la vita un inferno.

Il libro merita quasi le quattro stelline ma, per una parte troppo prolissa sul mondo delle creature fatate, credo che le tre stelline siano più appropriate o forse anche un mezzo voto in più. I personaggi sono ben caratterizzati e, per la gran parte, il romanzo è fluido, tranne (come detto prima) la pesantezza della spiegazione delle creature fatate che ho trovato troppo lunga e contorta rispetto allo stile usato nel resto del libro. Un buon primo romanzo per una serie che promette grandi colpi di scena.

La copertina è ben fatta e attrae lignaro lettore a dare uno sguardo in più al libro, davvero interessante, e ho apprezzato molto la scelta di mantenere le copertine originali. Nel primo episodio rappresenta le mani della Ragazza dInverno che tiene tra le sue mani un fiore che si gela al contatto con il suo corpo.

«Le piacerò». Keenan uscì dal negozio e si scrollò di dosso l’incantesimo. Poi pronunciò le parole che avevano deciso il destino di così tante ragazze. «L’ho sognata. È lei».

E con quelle parole la mortalità di Aislinn cominciò a svanire. A meno che non diventasse la Ragazza dellInverno, sarebbe stata sua, nel bene e nel male.

Cosa ne sarà di Aislinn? Riuscirà a trovare una scappatoia e restare una semplice e noiosa mortale ragazza umana o dovrà arrendersi a Keenan?

Titolo: Ink Exchange. Sortilegi sulla pelle
Autore: Melissa Marr (Traduttore:  L. Olivieri)
Serie: Wicked Lovely, vol.2
Edito da: Fazi (Collana: Lain)
Prezzo: 19.00€
Genere: Fantasy, Young Adult, Fate
Pagine: 328 p.
Voto: 
   

Trama: «Sapeva che un tatuaggio non avrebbe fatto magie, ma sperava che avere sulla pelle un simbolo in cui identificarsi le avrebbe permesso di sentirsi a proprio agio nel suo corpo. A volte, un gesto trasmette energia e le parole danno forza. Leslie aveva bisogno di un disegno che rappresentasse tutto ciò, in modo da inciderlo sul proprio corpo come prova tangibile della sua volontà di dare una svolta alla sua vita».

Misconosciuta ai mortali, una lotta per il potere si sta scatenando in un mondo di ombre e pericoli. Dopo secoli di stabilità, l’equilibrio all’interno delle corti fatate si è spezzato e Irial, il re della Corte Oscura, si batte per salvaguardare i suoi sudditi, ribelli e vulnerabili. Se dovesse fallire, ne seguirebbero spargimenti di sangue e crudeltà spietate. Leslie, a diciassette anni, non sa niente né delle fate né dei loro intrighi. D’improvviso si sente attratta da un tatuaggio incantato: capisce di doverlo avere a ogni costo, convinta che sia il simbolo tangibile di quel cambiamento che sta disperatamente cercando. Il tatuaggio in effetti porterà con sé molte trasformazioni, ma non del genere che lei immaginava: sono eventi sinistri e avvincenti, tutt’altro che simbolici. Avvenimenti che uniranno Leslie a Irial, attirandola sempre più in un universo fatato cui sembrerà incapace di resistere, scoprendosi impotente di fronte ai suoi pericoli.
Dopo Wicked Lovely, Melissa Marr prosegue nel racconto delle avventure del Piccolo Popolo in una seducente storia di tentazioni e inganni: fino a un ultimo, imprevedibile gesto eroico.

Recensione

Abbracci che creano assuefazione e tatuaggi capaci di collegarti ad un altro mondo. Queste sono solo alcune novità di questo libro.

Personaggi nuovi si affacciano nel secondo capitolo della saga di Melissa Marr. Se il primo libro era principalmente ambientato nella Corte dEstate dove il sole e lestate la fanno padrona, in questo nuovo romanzo conosceremo laltro lato del mondo fatato, la Corte Oscura.

La protagonista questa volta non è una ragazza che magicamente scopre di avere poteri straordinari, lei è solo una ragazza con dei grossi problemi familiari e che ha subito gravi ferite che difficilmente si ripareranno.
Non poteva più aspettare. Era diventato un impulso troppo forte, un’idea che le si era presentata alla mente fin troppo spesso: voleva reimpossessarsi del proprio corpo e quel tatuaggio era il modo di dimostrare che le apparteneva, di tornare a sentirsi integra.Adesso devo solo trovare il tatuaggio giusto.

A volte, è vero, gli adolescenti si legano a dei pensieri credendo che quellunica cosa possa fare la differenza. Nel caso di Leslie la cosa che crede la cambierà è un tatuaggio. Ma state attenti a cosa vi disegnate sulla pelle ragazzi, bisogna sempre capire il significato di una cosa che ti resterà sulla pelle per sempre. La nostra protagonista, già non aveva una vita semplice, ma dopo il tatuaggio la sua vita cambia radicalmente, in peggio.

Ma se cè una cosa che insegna questo libro è che tenere per sé i segreti senza confidarsi con nessuno non è mai un bene. Perché quello che succede a Leslie si poteva evitare se solo Aislinn avesse osservato davvero la sua amica senza essere troppo presa dai suoi problemi. Agli occhi di Leslie la vita di Aislinn sembra splendere, ha due uomini tutti per sé, Seth e Keenan, che sembrano riuscire a convivere per amore della loro bella e poi cè Niall, lo pseudo-zio di Keenan, nonché consigliere fidato, di cui Leslie si prenderà una cotta colossale che non farà altro che avvicinarla al baratro che la vuole inghiottire.

Ma che storia sarebbe senza un triangolo? Ad avanzare pretese sul cuore della protagonista (e sul corpo) cè nientedimeno che Irial, re della Corte Oscura. La ragazza non saprà scegliere tra i due, ma il finale lascerà tutti a bocca aperta. Cambi strutturali si prospettano nelle Corti del mondo fatato, infatti, dopo questo libro, sembrano acquistare un equilibrio più saldo ma come sempre ci sono gli oppositori, Bananach, introdotta in questo libro ma che sarà molto importante per i libri successivi. Lei è la sorella della guerra, dello scompiglio, del caos.

Ancora tre stelline per questo capitolo della saga ma che ben presto vedremo migliorare, portate pazienza!
La copertina come sempre fantastica rappresenta il famoso tatuaggio che impreziosirà la schiena della nostra protagonista, Leslie.

La fantasia della Marr non ha confini, idee fantastiche caratterizzano i suoi romanzi, però come nel precedente capitolo ci sono parti troppo prolisse, per spiegare le Corti, che possono risultare pesanti.

Da leggere se vi piacciono le fate e le idee innovative su questo mondo fantastico.

Titolo: Fragile Eternity. Immortale Tentazione
Autore: Melissa Marr (Traduttore:  L. Olivieri)
Serie: Wicked Lovely, vol.3
Edito da: Fazi (Collana: Lain)
Prezzo: 19.00€
Genere: Fantasy, Young Adult, Fate
Pagine: 384 p.
Voto: 
   

Trama: Seth non avrebbe mai immaginato di desiderare una relazione stabile, prima che nella sua vita arrivasse Aislinn: lei è tutto quanto ha sempre sognato e ora la vuole accanto a sè, per sempre. Ma per sempre assume un nuovo significato quando la tua ragazza è diventata l’immortale regina dell’estate. Aislinn, d’altro canto, non avrebbe mai immaginato di trasformarsi in una delle creature fatate che la terrorizzano: ma anche questo accadeva prima dell’arrivo di Keenan, il ragazzo che per averla al fianco l’ha privata della sua mortalità. Ora questa giovane fata, ancora legata alla vita terrena, si trova di fronte a sfide e seduzioni che vanno oltre ogni più incredibile supposizione e che porranno duramente alla prova la sua integrità e il suo amore. Nell’ipotetico terzo capitolo della saga di Melissa marr, Seth e Aislinn lottano per restare fedeli l’uno all’altra in un universo in cui i ruoi si confondono, i patti si fanno instabili, gli amici diventano nemici e un solo passo falso può far sprofondare l’universo nel caos.

Recensione

I mortali non sono fatti per amare le creature fatate.

Questo è uno dei temi ricorrenti dei libri di Melissa Marr, ma…
Seth, protagonista principale di Fragile Eternity, avrà pur sempre un corpo umano che possiede la vista che gli permette di vedere il mondo fatato per gentile concessione di Donia, Regina dellinverno, è un amico (quasi un fratello) per Niall, appena diventato Re della Corte Oscura, ed ha una relazione fortissima con Aislinn, Regina dellEstate. Si potrebbe dire che Seth ormai viva tra le corti fatate.

Questo libro, da come avete potuto capire, parla di nuovo della Corte dEstate in uno schema che alterna un libro nella luce e un libro nellombra.

I fatti che si svolgono in questo romanzo riprendono gli avvenimenti successi alla fine del secondo episodio della saga.

Stare con Aislinn, però, sottopone il protagonista a dei rischi: rischi a volte provocati dalle corti avversarie, altre volte pericoli provenienti dalla sua amata. Aislinn porta nella sua vita il sole, nel vero senso della parola, e una forza soprannaturale che mette a dura prova il corpo di Seth: lei, incapace di controllare la sua forza e il suo calore, provoca al suo amato scottature che lui cerca di coprire per evitare i sensi di colpa di lei e la possibilità che lei lo lasci. Il rapporto tra i due va oltre il mondo fatato, loro si amano già da quando Aislinn era solo unumana in cerca di protezione e di coccole e Seth era il suo porto sicuro. Nonostante lei si sia trasformata, il loro rapporto è rimasto lo stesso: Seth è sempre la sua ancora di salvataggio in un mondo in cui perdere il contatto con la realtà è sin troppo semplice. Questi due protagonisti si amano nel vero senso della parola, a volte sembrano più maturi della loro età, vivendo un rapporto strano ma forte, in tutti i sensi.

Ma Seth, nonostante sappia che il rapporto che lega la sua Aislinn a Keenan è puramente formale, non può fare a meno di esserne geloso.

In Fragile Eternity scopriremo meglio una corte che, forse, è stata accennata solo nel secondo libro, l’Alta Corte.

L’Alta Corte, a differenza delle altre corti conosciute finora, non si trova nel mondo umano, ma nel regno fatato e lì vigono regole diverse.

Le leggi del mondo degli uomini, la loro percezione del tempo e dello spazio, dei principi della natura non avevano alcun valore nel regno fatato.

Lasair, regina dell’Alta Corte, è la Regina Suprema e Immutabile a cui tutte le corti devono sottostare. Bananach è la sua antitesi, sua sorella gemella, lei era lessenza della guerra e della violenza, della putrefazione e del caos, del sangue e della ferocia. Mentre Lasair è la Ragione.

 I mortali non devono interferire con lesistenza delle creature fatate il motivo della disputa, ovviamente Seth Morgan, ormai sa troppo delle corti pur non facendone parte…

I poteri di Aislinn crescono di minuto in minuto e solo Keenan sembra in grado di starle vicino quando perde la pazienza, cosa che a sua volta fa innervosire Seth. Aislinn è restia a mostrare il suo affetto in pubblico per Seth, ma lui ormai la conosce e, seppur può far male, è deciso a darle il suo tempo (unica cosa che serve ad Ash, ma di cui lui è carente). Arriverà il giorno in cui lui morirà, ma lei non si decide a trasformarlo in una creatura fatata.

Ma la situazione sta per cambiare…

Questo libro contiene amori impossibili. Ci saranno anche sviluppi tra la coppia Keenan/Donia Re dellEstate/Regina dellInverno risvolti importanti per i due che si sono sempre amati ma che sono stati separati da un destino crudele, ma per quanto cerchino una soluzione alla fine si devono arrendere allevidenza. Keenan sarà sempre attratto dalla sua Regina Aislinn e appena la vita di Seth finirà lui sarà ben felice di prendere il suo posto, ma non si aspettava che la fine potesse arrivare così presto.

Colpi di scena per un libro entusiasmante, seppur soffre sempre del problema accennato nelle precedenti recensioni: il mondo della Marr è fantastico, ma richiede spiegazioni lunghe che possono risultare noiose ma stanno per finire, infatti nel quarto libro della serie si vedrà la crescita della scrittrice ed avremo un romanzo al massimo della sua scorrevolezza, cosa che manca nei primi tre libri della serie.

Una cosa che non posso assolutamente negare è la bellezza delle copertine, non mi stancherò mai di ringraziare la casa editrice che ci permette di godere delle copertine originali che hanno delle immagini in grado di rappresentare al meglio il mondo fatato.

Titolo: Radiant Shadows. Sublime Oscurità
Autore: Melissa Marr (Traduttore:  L. Olivieri, F. Fabbri)
Serie: Wicked Lovely, vol.4
Edito da: Fazi (Collana: Lain)
Prezzo: 18.50€
Genere: Fantasy, Young Adult, Fate
Pagine: 318 p.
Voto: 
   

Trama: Per metà umana e per metà essere fatato, Ani è guidata dai propri appetiti. Ma sono gli stessi che guidano anche nemici potenti e deboli alleati, come Devlin che è stato modellato per essere un assassino ed è il fratello della Regina dell’Alta Corte, fredda e calcolatrice, nonché della gemella di lei, confusionaria e personificazione della guerra. Devlin però vuole salvare Ani dalle sue sorelle, sapendo che, se fallisce, sarà lui lo strumento con cui la ragazza verrà uccisa. Ani, da parte sua, non è tipo da lasciarsi controllare mentre altri lottano a causa sua: ha abbastanza coraggio da proteggere se stessa e alterare i piani di Devlin. I due sono indissolubilmente legati da un destino che li rende allo stesso tempo minaccia e protezione l’uno per l’altra. Ma nel momento in cui la loro vicinanza diventa più stretta, un inganno ancora maggiore si prepara a mettere in pericolo il mondo fatato. Il prezzo da pagare perché si salvi sarà dunque la loro separazione?

Recensione

Finalmente arriviamo al libro che ho apprezzato di più in tutta la serie. Radiant Shadows si libera di tutte le pesantezze presenti nei tre libri precedenti, che servivano per spiegare e capire le varie Corti. Un nuovo libro tra le ombre in cui i protagonisti saranno Devlin e Ani, mentre i primi due libri della serie avevano come protagonista principale una ragazza, il terzo e il quarto libro hanno come protagonista un uomo.

Devlin, fratello e consigliere della Regina Suprema, Sicario dell’Alta Corte e custode dell’ordine del regno fatato, si trova costretto a prendere una decisione quando un’umana arriva nel regno fatato che, come sappiamo, è proibito per noi comuni mortali. Le scelte sono due: ucciderla o portarla al cospetto di Lasair.

Ricordiamo che Devlin è stato creato dall’unione dei poteri di Lasair, Regina Suprema, e Bananach, regina del caos. Creato per la violenza, Devlin, ma serve la Corte dell’ordine.

La situazione tra i due si fa subito paradossale quando Katherine, l’umana giunta nella Corte della Regina Suprema, crede che il gentiluomo che ha davanti a sé in realtà sia una creatura eterea e quindi inizia a pensare ai tre desideri che vorrebbe esprimere.

Alla fine del ventesimo secolo, Lasair incarica Devlin di uccidere una bambina; non è una novità per il nostro protagonista ma non è tra i compiti che preferisce svolgere, ma cos’avrà mai la bambina per provocare questa reazione da parte della Regina Immutabile? La bambina è nata dalla Corte Oscura, è discendente della Caccia Selvaggia, è figlia di Gabriel e sarà per loro fonte di complicazioni inaccettabili se continuerà a vivere.

Come detto prima, questo è sicuramente il romanzo migliore di Melissa Marr dove si può apprezzare completamente la fantasia dell’autrice che si perde solo e semplicemente nella descrizione dei due personaggi principali e delle loro vicissitudini.

Ani, per metà umana, brama la Caccia Selvaggia più di ogni altra cosa, ma il padre Gabriel, dopo averla presa con sé solo pochi mesi prima, sembra non voler far avvicinare nessuno alla sua piccola, ma mentre i segugi si nutrono solo del contatto fisico scatenato dalla Caccia, Ani per nutrirsi ha bisogno sia del contatto fisico che delle emozioni negative. Il rapporto tra i due non sembra funzionare per il meglio, entrambi devono ancora abituarsi a convivere e i disaccordi sono tantissimi, se poi pensate anche che questo pseudo−padre non permette a nessun ragazzo di avvicinarsi a lei a meno che non sia disposto a sfidarlo allora capirete una parte del malumore di Ani.

Devlin, però, dovrà fare i conti con Lasair che, dopo aver trasformato Seth in una creatura fatata, sembra aver perso la ragione che la contraddistingueva lasciando spazio ad un’emotività sconosciuta per lei, tanto da ordinare al fratello/figlio di andare nel regno dei mortali per controllare il suo nuovo acquisto. Devlin, da sempre fedele alla Regina, si troverà costretto a servire Seth, un tempo umano, in un mondo che non riconosce come casa e dove i suoi tumulti interiori si fanno sempre più spazio.

Devlin e Ani sono davvero due ottimi personaggi e la storia creata su di loro rende più appassionante la serie che, fino a questo momento, aveva punti di luce ed ombra proprio come la storia che racconta… Stranamente questo, pur essendo un libro d’ombra, porta una nuova luce nella serie che non mi aspettavo.

Davvero un libro che porta con sé una fluidità e una voglia di farsi leggere propria dei buoni libri. E poi, come non lodare la copertina, anche questa volta originale, che rappresenta la protagonista del romanzo.

Quattro stelline completamente meritate.

Consigliato!

Titolo: Darkest Mercy. Discordi Armonie
Autore: Melissa Marr (Traduttore:  L. Olivieri)
Serie: Wicked Lovely, vol.5
Edito da: Fazi (Collana: Lain)
Prezzo: 14.90€
Genere: Fantasy, Young Adult, Fate
Pagine: 360 p.
Voto: 
   

Trama: Le corti sono nel caos, Keenan, il re dell’Estate, è sparito e le fate della corte della Notte stanno lentamente perdendo la loro forza. Così inizia il capitolo conclusivo dell’acclamata serie di “Wicked Lovely” dove i fan della saga trovano, finalmente riuniti, tutti i personaggi che si sono avvicendati nei quattro romanzi precedenti, uniti in una comune battaglia finale condotta contro Bananach, una creatura malvagia il cui solo esistere sta mettendo a rischio la vita dell’intero popolo fatato.

Recensione

Se vogliamo sopravvivere, abbiamo bisogno di equilibrio.

Darkest Mercy, quinto ed ultimo libro della serie Wicked Lovely scritta da Melissa Marr, edita in Italia dalla Fazi editore, ci riporta nel mondo conosciuto grazie alla stupenda fantasia creata dall’autrice; mondo pieno di creature fatate in un miscuglio di luci ed ombre.

Se nei capitoli precedenti si alternava sempre un libro dedicato alla luce e uno dedicato alle ombre, in questo capitolo vedremo una giusta dose di entrambi gli elementi.

I fatti si svolgono ad un anno di distanza da quando tutto ciò ha avuto inizio e cioè Keenan ha trovato la sua nuova aspirante regina e la sottoporrà al test che la proclamerà come sua compagna di regno.

Ma siccome il mondo per Keenan, re della corte dell’Estate, non è mai semplice, dovrà lottare non solo contro la maledizione che vuole che i suoi poteri siano ridotti fino a che non scoprirà chi è la sua regina, ma troverà la sua compagna restia a donarsi a lui come dovrebbe fare una regina che si rispetti.

Ashlin è legata da sempre a Seth, il suo amico umano, figlio di Lasair la regina Suprema dell’Alta Corte che mantiene l’Ordine, che è diventato una creatura fatata.

Keenan, d’altro canto, prova un affetto enorme per Donia, altra ragazza che ha provato a superare la prova per diventare sua regina trasformandosi però in una ragazza d’Inverno e che, in seguito alla lotta con Beira, è diventata la nuova regina della corte d’Inverno.

Terza ed ultima corte presente nel nostro regno è quella appartenente a Niall, la Corte del Buio.

Se ricordate bene, alle corti serve l’equilibrio, cosa che evidentemente manca dopo la chiusura dei cancelli avvenuta nel precedente libro. E mentre la corte dell’Estate e la corte dell’Inverno non subiranno problemi, lo stesso non si potrà dire per quella del Buio che si trova orfana della sua controparte, l’Alta Corte.

Seth, d’altra parte, sarà il collante che terrà insieme tutte le corti.

Questo ultimo romanzo inizia con una vista su tutte le corti, Ashlinn si ritrova da sola a guidare la sua dopo che Keenan è andato via sei mesi prima senza una spiegazione, Seth è sparito da ormai una settimana e Bananach porta distruzione tra le varie corti.

Dopo il ritorno di Keenan, lui e la sua regina dovranno compiere una scelta molto importante rispetto alla loro relazione, per salvare gli abitanti della loro corte che ancora non è abbastanza forte da contrastare la grande antagonista di questa storia, ossia Bananach.

«È il momento di fare una scelta, Keenan». Tavish gli strinse una spalla. «Non vi biasimerò, qualunque essa sia. Da parte vostra non dovete rimpiangere nulla. Sapete cosa fare per rendere la vostra corte forte abbastanza per affrontare Bananach. Non esitate. Non adducete scuse. Lasair è in esilio, Niall non è più lucido, Donia è regina da troppo poco tempo, e la nostra corte non è forte come dovrebbe».

Keenan si volse alla Regina dell’Estate e avvertì una strana eccitazione vibrare sotto la pelle. L’aveva cercata per tutta la vita. Aveva creduto che sarebbe stato semplice. Le sue labbra mostrarono un sorriso. Semplice? Non c’era mai stato nulla di semplice in quella maledizione.

Dopo nove secoli in un solo giorno cambierà ogni cosa.

La guerra, Bananach, si fa sempre più vicina ai nostri adorati protagonisti mietendo vittime tra i personaggi conosciuti in tutta la serie.

Una lotta si scatenerà nella nostra realtà, nuove alleanze nasceranno e alla fine una nuova corte prenderà vita. La guerra tanto annunciata arriverà e molte saranno le vittime che dovremo abbandonare al loro destino, ma non tutto è perduto. C’è ancora la Speranza che tutto possa cambiare e che la morte di Bananach non comporti in realtà la morte per tutti gli esseri fatati.

Ci sarà anche un nuovo personaggio, Far Dorcha, che purtroppo non avremo modo di conoscerlo meglio poiché la serie è ormai giunta al termine, ma non vi nascondo che apprezzerei davvero leggere qualcosa in più su questo nuovo uomo uscito fuori dalla fantasia di Melissa Marr.

La sua voce aveva il suono del fruscio delle foglie di granturco in un campo spoglio quando le disse: «Il mio nome è Far Dorcha. Lo Spirito Nero».

Aislinn sapeva che erano passati solo pochi istanti, ma quando l’essere ritrasse le mani, barcollò. Il mondo era troppo luminoso e il luccichio dei ghiaccioli sui rami in lontananza la costrinse a coprirsi gli occhi. Riusciva a guardare solo lui, lo Spirito Nero, senza provare dolore.

La cover come sempre è molto apprezzata anche se per Darkest Mercy la copertina non è uguale alla versione originale.

Questa serie ci ha fatto conoscere un’autrice che merita di entrare tra le migliori prodotte finora in Italia, e sicuramente il suo mondo fatato è uno tra i più belli creati finora. La sua scrittura, in questi cinque capitoli, è migliorata notevolmente portandoci ad avere una conclusione della serie degna e un finale per i nostri amati protagonisti che con le sue parole abbiamo imparato a conoscere nonostante siano solo dei personaggi di carta.

Serie assolutamente consigliata per chi vuole leggere una buona storia sulle fate.

Lascia un commento

Una replica a “Serie Wicked Lovely di Melissa Marr [Darkest Mercy]”

  1. Ladycooman ha detto:

    Per ora ho letto il primo che mi è piaciuto molto e il terzo che è carino ma non mi ha entusiasmato troppo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi