Sherlock Holmes in Italia di Luigi Pachì

Luigi Pachì

Luigi Pachì

Iscritto all’Ordine Nazionale dei Giornalisti e si occupa di generare contenuti, strategie di marketing e comunicazione per le aziende, specialmente quelle in ambito ICT. Da anni lavora a supporto di multinazionali proponendo iniziative e idee sempre all’avanguardia.

Professionalmente è Amministratore delegato sia della Marcomm SRL che della Delos Books s.r.l. – Da anni collabora con svariate testate editoriali provando sempre piacere nel poter entrare in contatto con nuove realtà aziendali per poterle aiutare a ottenere il meglio dalla propria comunicazione istituzionale, utilizzando tecniche di marketing tradizionale e quelle offerte dalla rete (tra queste, per esempio, i webcasting). Luigi Pachì afferma che: “Una comunicazione ben fatta, del resto, equivale a un notevole vantaggio competitivo sui propri competitor”.

 

Sherlock Holmes in ItaliaTitolo: Sherlock Holmes in Italia
Autore: Luigi Pachì
Serie: //
Edito da: Delos Book (Collana Odissea Mystery Omnibus)
Prezzo: 16,50 € 
Genere:  Giallo
Pagine: 444 p.
Votohttp://sognandoleggendo.net/wp-content/uploads/4Bstelle79.png
 
Trama
: Sherlock Holmes, la creazione letteraria di Sir Arthur Conan Doyle, fin dal suo primo racconto nel 1891 — intitolato Uno scandalo in Boemia, pubblicato su The Strand Magazine — ha saputo ipnotizzare centinaia di migliaia di appassionati in ogni paese del mondo e oggi, a distanza di oltre centoventi anni dalla sua nascita, il detective inglese della Londra vittoriana è sempre vivo nell’immaginario collettivo (aiutato anche dal cinema e dalle recenti serie tv inglesi e americane). Questa antologia è l’ultima iniziativa in ordine cronologico di Luigi Pachì a favore degli appassionati del grande detective e presenta una selezionata lista di autori nazionali che si muovono all’interno delle rigide regole del Canone sherlockiano, attraverso trame e situazioni in grado di coinvolgere anche il lettore più attento e curioso. Alcuni dei racconti qui presenti hanno vinto, nelle varie edizioni, lo Sherlock Magazine Award.

“L’obiettivo — ha circostanziato il curatore dell’antologia — è anche quello di far conoscere al grande pubblico delle librerie gli autori italiani che si cimentano in queste opere e che spesso non trovano spazio al di fuori di attività circoscritte e specializzate”.

Recensione
di Reading Mind

Appassionati di Sherlock Holmes? Avete visto tutti i film, telefilm e rifacimenti possibili e immaginabili? Avete letto tutti i suoi racconti e anche tutti quelli creati dopo dove il geniale investigatore compare? Allora io vi consiglio di non perdervi questo libro.

Devo dire che, da buona fan di Sherlock, ero molto titubante a iniziare un libro di racconti scritti da autori italiani. Insomma, Doyle è Doyle e nessuno lo può imitare, ma devo dire che la mia iniziale titubanza è stata ben presto spazzata via.

Non fatevi spaventare dalla lunghezza: il volume è bello consistente; oltre 400 pagine per un totale di 16 racconti brevi scritti da diversi autori, eppure la lettura non è pesante. E, devo dire, nella maggior parte dei casi lo Sherlock che ne risulta è credibile e assolutamente fedele al personaggio che abbiamo imparato a conoscere e amare. L’atmosfera e il linguaggio sono molto appropriati e non ho potuto fare a meno di apprezzare la maggior parte dei racconti, molti dei quali hanno ricevuto riconoscimenti importanti.

Le situazioni, le indagini e i crimini in cui Sherlock si ritrova coinvolto sono molteplici, molto diversi (c’è addirittura un sospetto lupo mannaro!) e anche le ambientazioni cambiano: Sherlock si ritroverà in Scozia e finirà anche durante una gara di atletica! Per non parlare di quando viene lui stesso ritenuto responsabile di un omicidio e si troverà a dover nascondersi e scappare. Insomma, ce n’è per tutti i gusti. E ovviamente non può mancare il fidato amico Watson, sempre al suo fianco, spesso narratore delle vicende geniali di questo investigatore ormai celeberrimo.

Nominare tutti i racconti sarebbe decisamente troppo lungo, quindi mi limiterò a citare il mio preferito, L’avventura del maratoneta italiano. L’ho trovato geniale e scritto meravigliosamente e in più prende spunto da un fatto realmente accaduto, cosa che me lo ha reso ancora più interessante. E mi è piaciuta tantissimo la rappresentazione di Sherlock in questo racconto.

Tutte le storie sarebbero degne di menzione, perché devo proprio ammettere che il livello qualitativo è alto e che la maggior parte dei racconti sono molto appassionanti, in pieno stile ‘doyliano’. Perciò sono stata felice di aver superato il mio iniziale pregiudizio e di aver continuato la lettura.

Una nota a parte per la prefazione molto accurata e interessante, che ripercorre un po’ la storia di questa figura così affascinante: l’ho letta alla fine (faccio sempre così!) e mi è piaciuta tantissimo, l’ho trovata molto ben fatta!

Consigliatissimo per gli estimatori del grande investigatore e per chi lo conosce bene, ma anche per chi si diverte a leggere racconti nel più puro stile giallo.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi