Sogni di vetro di Mariangela Camocardi

Dopo L’anello di ferro e Un cuore nelle tenebre, la Leggereditore pubblica il 21 luglio un’altra autrice italiana, sempre proveniente dalle pubblicazioni romance da edicola della Mondadori. Questa volta però la casa editrice punta su un prodotto decisamente più…”sicuro”! Sogni di vetro di Mariangela Camorcardi, romanzo rosa-storico ambientato nell’Italia del 1885, è infatti una ristampa dell’omonimo volume già uscito nel 1998 per la collana i Romanzi Oro della Mondadori e  i cui giudizi, su anobii, sono davvero molto buoni.

Christine FeehanMariangela Camocardi:

ha alle sue spalle una carriera di venticinque anni, ed è una delle penne storiche de I Romanzi Mondadori.  Molto amata dal pubblico, l’autrice riesce come poche a descrivere emozioni forti che prendono dall’inizio alla fine, e a tratteggiare delle atmosfere palpabili e impossibili da dimenticare. Come lei stessa ama dire, anche se le sue protagoniste portano la crinolina, questo non impedisce loro di dimostrare tutta la propria indipendenza e caparbietà, di essere sempre attuali; un affascinante modello per le donne di oggi.

Sito: http://www.mariangelacamocardi.net/

Libri:

1. Nina del tricolore (1985)
2. I pirati del lago (1985)
3. Tempesta d’amore (1993)
4. Un’adorabile bugiarda (1994)
5. Appuntamento al buio (1995)
6. L’angelo della notte (1997)
7. Sogni di vetro (1998)
8. Il prezzo del peccato (1998)
9. I fuochi di maggio (1999)
10. Luna di primavera (1999)
11. Il colore dei sogni (2000)
12. Il sapore dell’inganno (2000)
13. Matrimonio per procura (2001)
14. Sposami ancora (2001)
15. Ostaggi del destino (2002)
16. Una ragazza intraprendente (2003)
17. Il destino di un amore (2004)
18. Lo scorpione d’oro (2004)
19. Il cuore e la maschera (2005)
20. Oltre la soglia dei sogni (2005)
21. La signora del lago (2006)
22.
Dimmi di sì (2007)

Titolo: Sogni di Vetro
Autore: Mariangela Camocardi
Edito da: Leggereditore
Prezzo: 10,00 €
Genere: Narrativa
Pagine: 304 p.
Voto:3Astelle.png

 

Trama: Quando una ragazza si presenta alla sua porta, sostenendo di aspettare un figlio da lui, il barone Vito Giordani rimane esterrefatto. E fermamente convinto di non aver mai incontrato la ragazza, tantomeno di essersi intrattenuto con lei. Chi è mai questa affascinante sconosciuta che dice di chiamarsi Virginia? Vito sospetta che si tratti di una ricattatrice. Purtroppo l’orgoglio e la presunzione lo portano lontano dalla verità: la ragazza non è in cerca di soldi, ma è mossa da un sentimento sincero, quello che ogni donna vorrebbe poter seguire senza esitazioni. E per questo Virginia scompare senza lasciare traccia, spinta da un coraggio che solo le grandi eroine sanno tirare fuori. Determinato a ritrovarla, Vito si lancia in una ricerca che lo porterà a mettere in discussione tutte le sue convinzioni, fino a provare sulla propria pelle le emozioni più profonde. Soltanto così riuscirà a scalfire le sue difese e ad avvicinarsi a una donna che gli insegnerà cosa sia vivere e amare davvero fino in fondo.

Recensione:
by Nessie

“Sogni di vetro” racconta il travaglio interiore e lo sconvolgimento esteriore della vita di due persone diverse per età e ceto che rimangono legate in seguito ad una notte di passione incontrollata. Una gravidanza non riconosciuta e grandi quantità d’orgoglio riusciranno a far vivere i due in uno stato d’amore e odio.

Un rosa-storico che ambienta le sue vicende nell’Italia del 1885, infatti non è altro che una ristampa del romanzo che fu pubblicato nel 1998 dalla Mondadori. Non appena si comincia a leggerlo si riconoscono i sintomi di quello che io chiamo “virus-harmony” e per quest’ultimo intendo lo stile di scrittura molto semplice, pieno di passione, drammi e senza alcuna imprevedibilità, con il lieto fine che lo si intende già dalle prime pagine, assenza totale o quasi di colpi di scena che caratterizzano la maggior parte dei romanzi di questa casa editrice.

Ma (e stavolta c’è un piccolo ma) devo dire che nonostante tutti questi che si possono interpretare come segnali negativi, la trama mi ha intenerito e un po’ intrigato tanto da spingermi a leggerlo in una sola notte per vedere con i miei occhi se sarebbe finito come avevo già intuito e tifando fino alla fine per la protagonista Virginia, anche perché il tutto è corredato da sentimenti che sfociano, nonostante tutto, in quel genere di passione che ogni donna sogna di provare tra le braccia di un uomo.

Ulteriori punti di forza sono il coraggio e la disarmante giovinezza di Virginia, come anche l’eterno antagonismo fra la lei e la suocera, sì perché Virginia oltre a combattere per ottenere l’amore deve misurarsi con la madre di Vito, nobildonna forte e determinata che prova un sentimento “troppo” forte per il suo primogenito. In questo “scontro” ho apprezzato molto come Virginia riesce a non farsi prendere dallo sconforto e a tenere testa alla vecchia arpia che in tutti i modi cerca di distruggerla agli occhi del suo amato, e anche come l’autrice sia riuscita a delineare la nobildonna in ogni sua piccola sfumatura “acida”, rendendola insopportabile agli occhi del lettore.

Un altro protagonista di tutto rispetto è Curzio, il fratello di Vito: granitico, affidabile e simpatico, è l’unico che si schiera a fianco dell’indifesa cognata negli aspri conflitti familiari che si scatenano nella ricca dimora dei Giordani.

In conclusione se “amate il rischio” e siete alla ricerca di un romanzo leggero, leggibile e senza grosse pretese allora fate pure. Se, al contrario, tra le vostre letture volete annoverare solo grandi nomi e racconti indimenticabili… comprate il libro per regalarlo.

Lettura consigliata se si vuole passare un piacevole pomeriggio di relax non troppo impegnativo…

 

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi