Spada di Vetro di Victoria Aveyard [Red Queen Trilogy #2]

Spada di Vetro

Red Queen Trilogy #2

di Victoria Aveyard

Titolo: Spada di Vetro
Autore: Victoria Aveyard
Serie: Red Queen #2
Edito da: Mondadori ||
Genere: Fantasy, Young Adult, Distopico
Pagine: 423 p. || Prezzo: 19,90 cartaceo 7,99€ ebook || Formato: ebook, cartaceo

Trama dell’editore: Il suo sangue è rosso – come quello della gente comune – ma lo straordinario potere di controllare i fulmini, che nessun Argenteo possiede, rende Mare Barrow un’arma sulla quale il Palazzo vorrebbe riuscire a mettere le mani. Tutta la corte la considera un’eccezione, ma non appena Mare riesce a sfuggire a Maven, il principe – e prima ancora l’amico – che l’ha tradita, scopre una verità sconvolgente: lei non è affatto un’eccezione. Perché di giovani Rossi e Argentei ne esistono molti altri. Inseguita da Maven, diventato un sovrano crudele e vendicativo, Mare fa di tutto per trovare e reclutare altri guerrieri Novisangue che si uniscano alla lotta dei ribelli contro il re oppressore. Nel farlo, però, entra in un territorio molto pericoloso, dove rischia di diventare proprio come i mostri che sta cercando di sconfiggere. Riuscirà a sopportare il peso delle vite che dovranno essere spezzate durante la ribellione? O la slealtà e il tradimento subiti l’avranno indurita per sempre?

Trilogia Red Queen:

1. Regina Rossa
2. Spada di Vetro
3. Gabbia del Re

Clicca sui titoli per leggere le altre recensioni dei libri della serie.

Recensioneù

                  di Nirvana

Attenzione Spoiler

Sfuggiti all’esecuzione per mano di Maven e degli altri Argentei, Mare e il principe Cal vengono salvati dalla Guardia Rossa e con essa fuggono, abbandonando l’orrore dei cadaveri e del tradimento che si sono lasciati dietro. 

«Ma io sono solo una, una ragazzina ormai incapace di sorridere. Sebbene lo nasconda agli altri dietro la mia maschera di fulmini, quella ragazzina è ancora lì, sconvolta e con gli occhi sbarrati dalla paura. La respingo in ogni attimo di lucidità, ma continua a perseguitarmi. Non se ne va mai.»

Dopo gli eventi dell’ultimo libro, Mare è sconvolta e soprattutto cambiata. Gli avvenimenti si susseguono in fretta, Mare e Cal vengono portati da Shade, Farley e Kilorn in una delle basi nascoste dei Rossi. Nonostante la sua famiglia sia lì, ad accoglierla a braccia aperte, la ragazza percepisce subito qualcosa di diverso… qualcosa di sbagliato.

Si rende conto di essere, ancora una volta, un pesce fuor d’acqua, temuta e tenuta a distanza. Non riuscendosi a integrare nemmeno con i Rossi, Mare si sente persa. Non si fida più di nessuno, Rossi o Argentei che siano, nemmeno del fratello ritrovato, sebbene anche lui speciale, e creduto morto fino ad allora.

A darle la forza di andare avanti è solo la missione affidatale da Julian: ritrovare tutti i Novisangue come lei sparsi per il paese, salvarli dalle grinfie di Maven e aiutarli a usare i loro poteri. Decide così di fuggire e liberare Cal, tenuto fino ad allora in isolamento e privato dei suoi poteri dalla Guardia Rossa. Non deve più proteggere la sua famiglia, anzi non è nemmeno sicura di poter fare affidamento su di loro. Mare è cambiata, la sua mente è più fredda e calcolatrice, e fa della missione la sua unica ragione di vita. I suoi fulmini, ormai vitali per la sua esistenza, sono la sua unica arma e protezione.
Così, dopo diverse peripezie, il gruppo composto da Mare, Cal, Farley, Shade e Kilorn decide di lasciare la Guardia Rossa, effettivamente tradendola, in favore della nuova missione. Mare, che non è mai riuscita a integrarsi in nessun luogo, riuscirà a ritrovare la sua identità nella ricerca dei Novisangue?

Maven, il nuovo re tiranno, più furioso che mai, non solo vuole disperatamente vendetta sul fratello maggiore Cal, il vero erede al trono, ma è pronto a dare la caccia e uccidere tutti i Novisangue della lista, compresa Mare, per cui prova un’ossessione a dir poco morbosa.

La ragazza è lacerata dai dubbi, sta percorrendo la strada giusta? La missione è l’unica cosa che la fa andare avanti eppure sente di camminare alla cieca, non è pronta per essere una leader e non sa come guadagnarsi la fiducia dei Novisangue quando lei per prima non riesce ad aprire il suo cuore. Inoltre, se da una parte cova una rabbia indicibile nei confronti di Maven, di cui in principio si era fidata ciecamente al punto da considerarlo un alleato ed amico, dall’altra, nonostante i suoi sforzi, non riesce ad odiarlo del tutto.

Cal, l’ex principe, strappato di ogni certezza e tradito dalla sua stessa famiglia, si ritrova a combattere contro il suo stesso regno per delle cause che non riconosce proprie. Più

enigmatico che mai, il ragazzo non si sbilancia molto spesso, a malapena si esprime, non sembra sapere davvero da che parte voler andare fino alla fine. Il rapporto tra Cal e Mare è a dir poco complicato, se entrambi provano dei sentimenti l’uno per l’altra, raramente lo danno a vedere, troppo presi dalle loro guerre personali e dal tradimento, che pesa su di loro come un macigno. Eppure, nonostante tutto, sono gli unici in grado di potersi capire a vicenda e per questo darsi conforto. Quel piccolo libricino di nomi e date, condurrà il gruppo avanti e indietro per il paese portandoli a confrontarsi con gli Argentei e introducendo nuovi personaggi nella storia (anche troppi).

La Aveyard dà spazio alla psicologia dei protagonisti, dando loro quell’attenzione che mancava nel primo libro, ma viene bloccata nel suo tentativo dai troppi personaggi secondari che saturano la scena senza regalare niente di nuovo al lettore. In definitiva, questo romanzo, a mio avviso più scorrevole del precedente, è esattamente quello che sembra: una fase di passaggio. L’autrice mette in stallo il lettore, con la promessa silenziosa di una svolta importante nel prossimo capitolo della saga, riuscendo tuttavia a regalare emozioni e sorprese (con il solito cliffhanger finale).

Riuscirà Mare a radunare il suo esercito di Novisangue e a sconfiggere Maven? E Cal, troverà un nuovo scopo per cui combattere? La strada si preannuncia ardua e particolarmente dark, ma senza dubbio non sarà priva di colpi di scena.

VICTORIA AVEYARD, è nata e cresciuta a East Longmeadow, una cittadina del Massachusetts famosa solo per ospitare la peggiore rotatoria di tutti gli Stati Uniti. Si è trasferita a Los Angeles dove si è diplomata in sceneggiatura. Ora fa la scrittrice e la sceneggiatrice, entrambi i mestieri sono una scusa perfetta per vedere troppi film e leggere troppi libri.

 

 

∼ Posted by Nirvana
Edited by CriCra

Lascia un commento

Una replica a “Spada di Vetro di Victoria Aveyard [Red Queen Trilogy #2]”

  1. *_Nasreen_* ha detto:

    Letto, e pure il terzo. Onestamente l’amo. Adoro questa autrice ed è una delle poche che ormai seguo ad ogni chiusi, sulla fiducia. Adoro questa saga <3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi