Steampunk Chronicles di Kady Cross [Red Love. Rosso come il sangue, freddo come l’acciaio]

Kady Cross

è lo pseudonimo di Kathryn Smith, autrice americana di bestseller. Vive nel Connecticut con il marito e moltissimi gatti. Ama il cibo vietnamita, i trucchi e cantare.

Steampunk Chronicles:

0.5. The Strange Case of Finley Jayne, 2011 (racconto prequel in ebook)
1. Red Love. Rosso come il sangue, freddo come l’acciaio, 2012 (The Girl in the Steel Corset, 2011)
2. The Girl in the Clockwork Collar, previsto per giugno 2012

+ altri a seguire

 

Tra Tim Burton e i romanzi di Jules Verne.
Cosa nascondeva la nebbia di Londra nel 1800?

Titolo: Red Love. Rosso come il sangue, freddo come l’acciaio
Autore: Kady Cross (Traduttore:  Leonzio E.)
Serie: Steampunk Chronicles, vol.1
Edito da: Newton Compton (Collana: Vertigo)
Prezzo: 14.90€
Genere: Young Fantasy, Steampunk, Fantasy
Pagine: 320 p.
Voto: 
   

Trama: Londra, 1897. Un uomo, conosciuto come il Macchinista, è il regista occulto di una serie di strani crimini commessi da macchine. Griffin King, il Duca di Greythorne, è determinato a scoprire la sua identità e a sventare i suoi piani con l’aiuto degli amici Sam, Emily e Jasper. Ma il Duca decide di rivolgersi anche a Finley Jayne, una ragazza con un lato oscuro e in possesso di una forza fisica soprannaturale, che stravolgerà la sua esistenza. Finley è bella, intrigante e sensuale, e non tutti, all’interno del gruppo al quale si è unita, sono pronti ad accettarla. Intanto, i piani orchestrati dal Macchinista diventano sempre più pericolosi: il Duca e Finley riusciranno a fermarlo prima che sia troppo tardi?
Red Love. Rosso come il sangue, freddo come l’acciaio è un elegante thriller ambientato nella Londra vittoriana, con una protagonista esuberante, invenzioni tecnologiche da brivido e turbolenti triangoli amorosi.

Recensione
Cerridwen

Pur trattandosi di uno Young Adult, genere che riesco a digerire soltanto se assunto in piccole e ben calibrate dosi, appena venuta a conoscenza della decisione da parte della Newton Compton di pubblicare The Girl in the Steel Corset – romanzo letteralmente osannato oltreoceano – non ho potuto fare a meno di spalancare gli occhi e saltare per la gioia.

Già da tempo la mia attenzione era stata attirata dal primo volume di quella che si prospettava essere una serie ricca di colpi di scena e di personaggi memorabili e, fino all’ultimo, ho rimandato l’acquisto del romanzo in lingua originale sperando, in tempi brevi, in una sua traduzione italiana.

Red Love. Rosso come il sangue, freddo come l’acciaio appartiene al genere Steampunk, filone di narrativa fantastico-fantascientifica che negli ultimi tempi sta raccogliendo un grande successo, soprattutto all’interno del panorama romance.

La trama di Red Love trae ispirazione da differenti miti e modelli letterari della tradizione narrativa del XIX secolo e della cultura cinematografica dei nostri giorni.

Quel che rende Red Love un romanzo davvero fuori dal comune, però, è sintetizzabile in appena due parole: Finley Jayne.

Protagonista principale, figura femminile indipendente e dalla risposta pronta, affascinante mix di dolcezza e determinazione, teoricamente indistruttibile e praticamente imbattibile, Finley Jayne convince e affascina, donando nuova consistenza alle figure femminili della narrativa Young Adult.

Forte, sicura di sé ed emancipata: un’eroina degna di questo nome, impossibile da non amare.  Guerriera dall’indole decisamente instabile che combatte ogni giorno con il proprio lato oscuro, Finley Jayne rappresenta, a parere di chi scrive, uno dei più riusciti personaggi apparsi sulla scena fantastica degli ultimi tempi.

Attorno a Finley gravita tutta una serie di personaggi di importanza fondamentale, a cominciare dal contegnoso e affascinante Griffith King, Duca di Greythorne, prima punta del triangolo amoroso che vede al suo vertice proprio la nostra impavida eroina. Il rapporto che si verrà a creare con Finley, pur mantenendosi entro confini ben precisi (almeno per quanto riguarda questo primo volume) è denso di significato e sentimento, vigoroso, sebbene ancora informe e senza nome. È un legame, fin dal primo momento, forte e inspiegabile. Un’attrazione magnetica, reciproca, che spinge i due giovani a gravitare uno attorno all’altra, sconvolgendo le vite di entrambi con difficili interrogativi.

Jack Dandy, noto criminale abituato a muoversi e agire nei peggiori quartieri di Londra, rappresenta il secondo interesse amoroso di Finley ma anche un rivale estremamente pericoloso per il freddo e fin troppo educato Griffith King. Bad Boy irriverente e sensuale, il personaggio di Jack, sebbene appena approfondito, costituisce una delle figure più accattivanti dell’intera storia. Non si conosce molto di lui, ma quel tanto che si viene a sapere è abbastanza per attribuirgli un’aurea di malizia e pericolosità irresistibile. Anche il rapporto fra Jack e Finley è immediatamente forte, ma ancor più impetuoso ed energico. Forse più maturo e consapevole, un’emozione corposa e viva rispetto al vago sentimento, che non ha avuto modo di svilupparsi, tra Finley e il Duca.

Jack è il riflesso del lato più oscuro di Finley così come Griffith lo è di quello più luminoso.

Impossibile, infine, non citare l’incantevole e geniale Emily, o il tormentato Sam e l’evolversi del rapporto fra i due; l’irruento Jasper, cowboy dalla mira infallibile; l’infaticabile zia Del e, naturalmente, il Macchinista, nemesi di quella che è stata definita dall’autrice un mix fra the League of Extraordinary Gentleman e X-Men, ovvero il nostro sparuto gruppetto di eroi.

Diversi elementi contribuiscono a rendere questo un romanzo ironico e divertente, caratterizzato in primo luogo da un vivace stile narrativo oltre che dalla capacità di catturare l’attenzione del lettore grazie a una serie di citazioni memorabili, contenute in un numero infinito di dialoghi spassosi, teneri e brillanti, disseminati lungo tutto il corso della storia.

La trama, a onor del vero, non è delle più originali, ma il solido e assolutamente ben descritto world-building – unitamente a un variegato insieme di personaggi godibilissimi – e l’atmosfera di mistero e pericolo ricreata magistralmente dall’autrice, contribuiscono a rendere la storia avvincente e ricca di momenti indimenticabili.

Una lettura consigliata, che provoca più di un sorriso e garantisce un paio d’ore di piacevole intrattenimento.

Lascia un commento

0 risposte a “Steampunk Chronicles di Kady Cross [Red Love. Rosso come il sangue, freddo come l’acciaio]”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi