Teleaddicted: American Gods – Come to Jesus #8 (Finale Season)

teleaddicted

Teleaddicted
per tutti gli amanti delle serie TV

American Gods

La serie narra le vicende del misterioso Shadow, un uomo che viene rilasciato di prigione tre giorni in anticipo, dopo aver scontato una condanna a tre anni di prigione per una rapina in banca, a causa dell’improvvisa morte della sua amatissima moglie Laura, venuta a mancare in un incidente d’auto. Durante il viaggio in volo verso casa per il funerale, Shadow si ritrova seduto a fianco ad un uomo che si presenta come Mr. Wednesday, il quale si dimostra essere fin troppo informato sulle vicissitudini, passate e presenti, del protagonista. L’enigmatico Wednesday proporrà a Shadow di lavorare per lui come sua guardia del corpo in cambio di un lauto compenso, ma ciò che il protagonista non immagina minimamente è chi sia in realtà il suo nuovo datore di lavoro.

 

Titolo Originale: American Gods
Ideatore: Bryan Fuller, Michael Green, Neil Gaiman
Genere: Fantasy Mitologico per adulti
Stagioni: 1 stagione.
Puntate per stagione: 8
Durata singola puntata: 60 minuti
Telefilm: In corso
Paese: America
Rete americana: Starz
Rete Italiana: Amazon Prime Video
Lingua Originale: Inglese



Recensioneù

di MissMarilux

 

 

 

 

Ed eccoci cari Sognalettori all’ultima puntata di American gods, Come to Jesus. La carne al fuoco è tantissima e fortunatamente sono riuscita a ricredermi su questo finale di stagione, dopo una settima puntata non troppo entusiasmante. Ma non perdiamo tempo ed iniziamo subito ad analizzare la puntata!

Come tu jesus inizia (finalmente) con la presenza di Anansi, un FANTASTICO Orlando Jones, un perfetto Dio ragno tessitore intento a cucire per Odino e Shadow due splendidi abiti per la festa a cui dovranno partecipare. La puntata viene diretta da Floria Sigismondi, e l’estetica ne guadagna assolutamente. Anansi o Mr Nancy è un sarto, cuce immerso in diversi telai i quali visti da lontano sembrano esattamente fili di una immensa ragnatela, con decine e decine di ragnetti gialli gironzolare per la casa. Che siano i tessitori della sua splendida seta gialla esistente in natura? Non lo so, ma il solo rimando a questa ipotesi mostra quanta attenzione ci sia al progetto (come se poi ne avessimo bisogno). Ma il vero tema centrale però della puntata solo le donne, le regine. Tre nello specifico.

La prima è Bilquis, la Regina di Saba di cui Nancy ci racconta la storia tra una giacca e una impuntura. Le scene sono imponenti e meravigliose ma ciò che ci colpisce maggiormente sono le parole. La regina ha il potere dei poteri, il dono dei doni, gli uomini non riescono ad accettare che tutto questo sia nelle mani di un’unica donna, cercano di spodestarla, di farla cadere e alla fine, quando Bilquis fugge in America, ci riescono, relegandola a barbona, facendole dimenticare di essere stata una creature immortale. Sarà il ragazzo tecnologico a salvarla. Non sappiamo perché Fuller lascia questo nodo aperto per la seconda stagione ma azzardo un’ipotesi: che sia una spia fra i vecchi dei?

Durante il racconto di Nancy, come già detto, le parole ci distruggono, le immagini ci incantano ma una nello specifico ci fa scoppiare in lacrime. Bilquis ormai stanca e debole, guarda un tg dal vetro di un ristorante, siamo nel 2013, e la Regina vede il suo vecchio tempo distrutto dall’Isis. “L’uomo è capace di crudeltà senza limiti” recita Nancy, Bilquis vede cadere il proprio tempio, scoppia in lacrime e noi con loro. Il suo dolore diventa il nostro per quanto perso realmente nella realtà.

Data la tristezza e la potenza del momento, Fuller recupera subito facendo scambiare delle battute idiote fra Nancy, Shadow ed Odino. Non possiamo che scoppiare a ridere, Shadow è un tontolone, un povero idiota che non ci sta capendo più niente e noi con lui :mrgreen: Odino è un maestro della manipolazione e in questo scambio di frasi ad effetto, conferma la pericolosità del suo essere divino.

La seconda regina è Laura Moon: lei non ha poteri anzi il suo corpo sta marcendo. Deve cercare Shadow, e alla fine deve parlare con lui dopo aver scoperto qualcosa di importantissimo ovvero la causa della sua morte. Perché Laura non ha avuto un incidente, è stata uccisa. Da chi? Meglio non dirlo…
Mad Sweeney l’accompagna verso la casa della terza Regina, Ostara, antica dea Germanica, signora della Primavera e della abbondanza.

Ostara ruba la scena a tutti. Bellissima, capricciosa, solare e sciocca, è l’incarnazione perfetta della Primavera. Accetta di condividere il suo giorno con la pasqua cristiana ma fondamentalmente rosica. È il suo giorno, non il giorno degli altri, non di Gesù, non dei tanti troppi Gesù che invadono la sua casa e ai quali Odino da dei coglioni senza girarci troppo intorno, accusandoli di aver rubato la festa a questa antica Dea, vecchia di 12mila anni.

Odino manipola anche Ostara stessa, la lusinga ma fondamentalmente le fa notare come le cose stanno realmente: agli uomini non interessa più niente di lei, pretendono la primavera, la vogliono ma ringraziano Gesù che con i boccioli e le semine ha ben poco a che fare. Il piano si svela, l’antico dio norreno vuole la guerra e per spingere il piede su l’acceleratore, vuole affamare i credenti. Ostara deve riprendersi la primavere, inaridire i campi e costringere TUTTI alla preghiera verso gli antichi culti. La dea non ne è convinta nonostante il fastidio, ma cede di fronte alla saccenteria di Media e del Ragazzo tecnologico.

Cosa è l’uomo con la tecnologia, i media, la globalizzazione e tutto il resto, quando la sua terra diventa arida? Ecco il punto della serie. Ostara cede di fronte al darwinismo religioso sbattutole in faccia da Media, e come solo la primavera sa essere, diventa feroce, cattiva e distrugge tutto, alzando semplicemente le mani. I nuovi dei sono sconvolti, sanno bene che la fame viene prima di qualsiasi gingillo tecnologico. Mr World appare, il dado è tratto e la guerra scoppierà.

Pensate, vabbè puntata finita? Eh no!
Finalmente signori ci siamo. Odino si rivela,  Shadow gli chiede per la 1234567esima volta chi egli sia, stavolta l’uomo risponde. Ed ecco le sue parole (e io a piagne in quel momento):

Sono chiamato Felice della Guerra
Spietato, Furore e Terzo.
Sono Monocolo.
Sono l’Altissimo, e colui che vede il vero.
Sono Grimnir, L’incappucciato.
Sono il Padre universale, Gondlir, il portatore del bastone.
Ho tanti nomi quanti sono I venti.
Ho tanti titoli quanti sono I modi di morire.
I miei corvi sono Huginn e Muninn, Pensiero e Memoria.
I miei lupi sono Freki and Geri.
Il mio cavallo è la forca.
Io sono Odino.

Ma Shadow avrà capito? Beh si, alla fine cede e anche lui crede, nel dio, in tutto. Odino se la ride sotto i baffi, finalmente ha ciò che ha sempre voluto dal ragazzo ma la seconda regina appare e trasforma il volto del Dio in una smorfia di fastidio. Ian McShane è fenomenale, nel monologo, nella intonazione della voce, negli sguardi, nelle risate, io pretendo 1000000 Emmy per quest’uomo. In realtà penso che tutto il cast meriterebbe un premio, non vi è un elemento fuori posto, la stessa Emily Browning interprete della Dead Wife è perfetta, fastidiosa, noiosa e petulante, una meraviglia per quel ruolo.

Tirando quindi le somme, possiamo dire che 8 puntate sono state davvero poche, avevo molta pura sul finale, paura che molti nodi non fossero sciolti. Fuller ci è riuscito, ha ampliato la prima parte del romanzo senza snaturare l’essenza dell’opera originale, un lavoro impeccabile, per ora migliore del defunto Hannibal. Ora però, dobbiamo rosicare noi ed aspettare. C’è chi dice 2018, chi estate 2019, non sappiamo darvi certezze ma nel dubbio fate una cosa, pregate Ostara, pregatela o moriremo tutti di fame. Gulp!

Voto Puntata:

Vi lascio con il video della rivelazione di Odino, un momento straordinario 😉

 

Vi ricordiamo qui i link delle recensioni delle precedenti puntate:

0. Anteprima e curiosità
1. The Bone Orchard 30/04/2017
2. The secret of spoons 07/05/2017
3. Head Full of Snow 14/05/207
4. Git Gone 21/05/2017
5. Lemon Scented You 28/05/2017
6. A Murder of Gods 04/06/2017
7. A Prayer for Mad Sweeney 11/06/2017
8. Come to Jesus 18/06/2017

e Qui potete trovare la recensione del libro! Buona lettura!

 

⇒ Posted by Missmarilux
⇒ Edited by CriCra

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi