Teleaddicted: analisi del trailer ‘Una serie di sfortunati eventi’

teleaddicted

separatore

Teleaddicted

per tutti gli amanti delle serie TV

Una serie di Sfortunati eventi

 

Diamo il via a questo nuovo format dove analizzeremo i trailer dei film e delle serie televisive di cui tutti parlano. 

La serie televisiva di cui ho scelto di parlare, andrà in onda dal 13 gennaio 2017 e avrà tra i protagonisti Neil Patrick Harris.

Per l’analisi del trailer cercherò di avvicinarmi il più possibile allo stile dei libri e di come sarà narrata, probabilmente, la serie televisiva. Fatemi sapere se delle analisi più immedesimate, qualora possibile, sono di vostro gradimento. Ci conto.

DatiTelefilm

una-serie-di-sfortunati-eventiTitolo Originale: A series of Unfortunate Events 
Ideatore: Lemony Snikets (ciclo di libri), Mark Hudis (serie)
Genere: Drammatico
Stagioni: 1 stagione
Puntate per stagione: 8
Durata singola puntata: 52 minuti
Telefilm: dal 13 gennaio 2017 
Paese: U.S.A
Rete americana: Netflix
Rete Italiana: Netflix
Lingua Originale: Inglese

La mia analisi

“””Mi duole con tutto il cuore annunciarvi che – qualora ancora non l’aveste notato, ma voi lettori siete dotati di buon occhio e particolare attenzione, e mi rendo conto che ho praticamente scritto il titolo ovunque – andremo ad analizzare (termine che qui significa tagliuzzare e osservare) il doloroso trailer ufficiale della serie televisiva: “Una Serie di Sfortunati Eventi” ideata da Mark Hudis e tratta dai tredici libri di Lemony Snikets.””” L’uso abbondante delle virgolette stanno ad indicare il mio tono allusivo e ironico al termine ‘doloroso’ usato dallo stesso narratore della serie. 😉

A giudicare dal trailer possiamo notare, fin dai primi dettagli, che la serie ripercorrerà fedelmente almeno i primi tre libri della serie, cosa già fatta nel film del 2006 con Jim Carrey… film a mio modo molto incasinato e quasi del tutto privo dello spirito della serie.

Dal trailer possiamo aver subito notato che il personaggio di Lemony Snikets sarà presente come narratore (interpretato da Patrick Warburton) che ci presenta i tre orfani Baudelaire: Violet, Klaus e Sunny, presentandoli con l’incipit dei suoi libri, cosa grandiosa, il cui termine qui significa “è un’idea bellissima“. Dopo aver conosciuto il banchiere Poe e il giudice Strauss ci viene presentato l’uomo più malvagio ed egoista: il conte Olaf (Neil Patrick Harris). Dopo la veloce ma interessante presentazione, il trailer ci presenta delle veloci scene di ciò che accadrà lungo il corso della serie e, per gli amanti dei libri, verrà mostrato l’arco narrativo che ricoprirà la serie: i primi tre libri. Inoltre il video ci mostra il talento di Harris nell’interpretare il malvagio conte riuscendo anche a farlo affezionare al pubblico, che qui intendiamo per “il talento di Harris riesce a far amare anche il cattivo“.a-series-of-unfortunate-events-header-01

Cosa dire dunque: il trailer convince, il cast anche, perciò a primo impatto la serie riuscirà a sorprenderci tutti. Quindi il 13 gennaio aprite netflix e gustatevi, che qui si intende per “divorate tutto d’un fiato” quest’opera.

Io per oggi ho finito, vi lascio, tra rammarico e sollievo,  il trailer ufficiale, godetevelo.

trailer

Fatemi sapere se delle analisi più immedesimate, qualora possibile, possono essere di vostro gradimento. Ci conto. 😉

by Giupio
Editing by CriCra

Lascia un commento

2 risposte a “Teleaddicted: analisi del trailer ‘Una serie di sfortunati eventi’”

  1. .::Nasreen::. ha detto:

    Mi ero persa questo articolo, scusa Giulio XD Come sempre sei molto attivo!

    Concordo sulla tua opinione: il film che fecero sui primi volumi fu un “ammasso” poco logico delle info contenute effettivamente nella serie. Quindi non mi fece impazzire, per quando Carrey mi piaccia come attore.

  2. >Giupio< ha detto:

    Il fatto è che fare un film su tre libri, seppur corti, porta a molto casino e mi dispiace perché hanno saltato molti punti interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi