TeleAddicted: oggi parliamo di Shameless

teleaddicted

Teleaddicted
per tutti gli amanti delle serie TV

Shameless

 

La famiglia Gallagher è una famiglia povera e senza controllo composta dal padre Frank, che passa la maggior parte del suo tempo a sbronzarsi all’Alibi, bar gestito da Kevin e Veronica, i loro vicini di casa. La colonna portante della famiglia è Fiona, che fin da piccola, porta avanti la baracca ed accudisce i suoi fratelli  Lip, Ian, Debbie, Carl e Liam.

Titolo Originale: Shameless
Ideatore: Paul Abbot
Genere: commedia drammatica
Stagioni: 7 stagioni
Puntate per stagione: 12
Durata singola puntata: 50-60 minuti
Telefilm: in corso
Paese: U.S.A.
Rete americana: Showtime
Rete Italiana: mediaset
Lingua Originale: Inglese




Recensioneù

   di Awanagana

Credo che Shameless sia una delle serie più belle ma allo stesso tempo meno conosciute (almeno in Italia) e personalmente l’ho trovata mentre ero in uno stato di angoscia dovuta alla fine di How I met your mother. Mi sono imbattuto per caso in questa serie tv che sembrava non essere male, ma sopratutto dava l’impressione di far ridere, e, dopo il finale di How I met your mother, ne avevo assolutamente bisogno.

La guardo, mi piace e senza rendermene conto ho già visto i primi cinque episodi di fila… mi prende talmente tanto che non posso fare a meno di incollarmi davanti al pc anche se i miei occhi iniziano a risentire del loro uso prolungato.

Il primo aspetto che salta all’occhio è la sua veridicità: la serie tv è incentrata su una famiglia povera che vive in una zona altrettanto povera e tutto quello che vediamo avviene realmente in certi quartieri americani; molte situazioni che si vengono a creare non sono poi così lontane dalla nostra realtà.

All’inizio è Fiona la protagonista ma successivamente, con il passare delle stagioni e quindi di conseguenza con la crescita dei suoi fratelli, anche gli altri troveranno il loro giusto spazio ed ognuno vivrà esperienze uniche basate sul proprio carattere e sulle proprie decisioni.

La prima parola che ci viene in mente è che Shameless sicuramente divertente, ma guai a pensare che tutta la storia sia così; certo di momenti divertenti ce ne sono a palate ma vengono trattati anche argomenti molto seri come la droga, l’alcolismo e molte altre tematiche fortemente presenti nella nostra società.

Parlando di Fiona c’è da dire che è un personaggio carismatico, senza la quale la famiglia sarebbe ormai in mille pezzi; se però da un lato c’è il suo lato forte da leader, dall’altro c’è una ragazza semplice, che ha dovuto fare tanti sacrifici per sostenere la propria famiglia senza mai ricevere nulla in cambio e questa sua insoddisfazione diventerà sempre più marcata nel corso delle stagioni.

L’aspetto principale  che è possibile constatare durante il corso di tutte le stagioni è che “il finale felice non esiste”; la vita dei vari personaggi è molto difficile e tutti cercano di fare il possibile per sopravvivere ma, quando sta andando tutto per il verso giusto e si prospetta qualcosa di positivo per il loro futuro, ecco che la dea bendata li abbandona rovinandogli ogni piccolo attimo di felicità. A volte il tutto avviene a causa loro mentre altre per colpa di terze persone che, mosse da vendetta e gelosia, fanno di tutto per rovinare la vita ai protagonisti.

I personaggi hanno tutti delle caratteristiche uniche che li porterà a vivere situazioni differenti, più e più volte sull’orlo del baratro ed addirittura quasi alla morte.

Il senso della famiglia è molto marcato e riscontrabile in varie occasioni: per quanto possano odiarsi, picchiarsi e minacciarsi sono tutti fratelli il cui unico scopo è aiutarsi a vicenda nonostante tutto perché, fin da piccoli, non hanno potuto contare su nessuno se non loro stessi.

L’unico difetto che ha questa serie è che più passa il tempo, più sembra che “la trama perda il filo della trama”, non facendo capire dove gli autori vogliano andare a parare con tutti gli avvenimenti che vengono mostrati; è questo il suo unico limite, altrimenti saremmo di fronte ad un autentico capolavoro.

Info e Curiosità

Shameless prende spunto dall’omonima serie tv inglese, che però ha avuto decisamente meno successo e l’attrice che recita nella parte di Mandy Milkovich è stata cambiata in quanto la prima attrice ha avuto un ruolo come protagonista in un’altra serie tv.

Ho votato questo telefilm:

editing by Simo

Lascia un commento

0 risposte a “TeleAddicted: oggi parliamo di Shameless”

  1. […] Inizia come una serie divertente, ma con il passare delle stagioni si può riscontrare un cambiamento: il divertimento è sempre presente, ma viene messo in secondo piano dalle tematiche forti trattate in questa serie come per esempio l’alcolismo e lo spaccio di droghe che in alcuni quartieri viene visto come unico modo per fare soldi. Trovate la recensione completa nel sito ⇒ QUI […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi