Testa Calda di Damon Suede

Damon Suede

Suede Damon è nato e cresciuto in America, in un ambiente di destra, e ne  è scappato non appena divenuto maggiorenne. Ha vissuto dappertutto: Houston, New York, Londra, Praga, con permanenze più lunghe a New Orleans e Vienna. È sopravvissuto facendo ogni tipo di lavoro passando tranquillamente dall’uno all’altro: è stato un  modello, un postino, un promotore, un programmatore, uno scultore, un cantante, uno spogliarellista, un contabile, un barista, un tecnico, un insegnante, un regista … ma la scrittura è sempre stata il suo amore principale ed il suo “pane” quotidiano.
Convive felicemente con un uomo che per lui è il più amorevole, bello, divertente, simpatico…


Titolo: Testa Calda
Autore: Damon Suede (Traduttore: Ernesto Pavan)
Serie: //
Edito da: Dreamspinner Press (Collana: M/M/M or More)
Prezzo: 4,83 €
Genere: Adult, V.M. 18, Romanzo M/M
Pagine: 372 pag. – eBook
Voto: 
   

Trama:Dove c’è fumo, c’è fuoco…

Dall’11 settembre, il pompiere di Brooklyn Griff Muir ha lottato contro i suoi sentimenti impossibili nei confronti del suo migliore amico e partner alla Scala 181, Dante Anastagio. Sfortunatamente, Dante è proprio un tipo da ragazze e il Dipartimento dei Vigili del Fuoco di New York non è tenero nei confronti dei gay. Per dieci anni, Griff ha celato il proprio cuore fra eroismo pubblico e angoscia privata.

La cautela di Griff e la sfacciataggine di Dante li rendono una squadra invincibile. Non c’è niente che Griff non farebbe per proteggere il suo compare… fino a quanto un Dante sull’orlo della bancarotta non propone la soluzione peggiore possibile: HotHead.com, un sito porno dove degli stalloni in uniforme fanno cose sconce. Dante vuole che loro appaiano su quel sito, insieme. Griff potrebbe dover tenere d’occhio il proprio cuore e vivere le sue fantasie più oscure davanti alla telecamera. Riuscirà a salvare l’uomo che ama senza distruggere le loro carriere, le loro famiglie o la loro amicizia?

Recensione
di Simog55

Premetto che questo libro riguarda un rapporto M/M.

Premetto che la mia limitata conoscenza si ferma alle pagine della Ward (tutto sommato soft) e su un altro libro, iniziato e non finito perché l’aspetto sessuale, molto molto crudo, alla fine mi aveva disturbata.

Mi sono accostata, perciò, a questo libro un pochino prevenuta ed invece la lettura di questo romance mi ha talmente presa che l’ho letto in un battibaleno.

I due protagonisti sono Griff e Dante, due amici di vecchissima data; entrambi svolgono lo stesso mestiere: il pompiere. pompiere

Riscontro subito una grandissima accuratezza nel farci conoscere la mente e le emozioni di questi due giovani uomini che, tra le altre cose, hanno anche affrontato l’incubo dell’11 settembre proprio a New York.

Le pagine dedicate ai ricordi ed a tutto quello che ne è seguito sono sicuramente tra le più toccanti e commoventi.

Dopo aver affrontato l’inferno, in quelle durissime giornate, nessuno è stato più lo stesso e Griff, alla fine abbandonato anche dalla moglie ormai divenuta un’estranea, scopre di provare una profondissima attrazione per il suo amico. Per anni nasconde questi sentimenti a tutti, anche a se stesso, ma alla fine succederà un imprevisto che lo costringerà a fare i conti con i suoi più profondi desideri.

Libro molto drammatico, soprattutto per la scelta dell’autore di non rendere stucchevole il racconto ma, anzi, renderlo il più possibile veritiero. E non sto parlando delle descrizioni dettagliate degli incontri sessuali tra i due (che ci sono ma, grazie al cielo, sono inseriti a ragion veduta), ma della condizione comunque di “diversi” che, anche nella modernissima America, ancora troviamo verso chi esce fuori dal cosiddetto “seminato”.

Anche una scrittrice come Megan Hurt, in certi suoi libri, ha saputo trattare argomenti scabrosi, ma debbo riconoscere che questo autore ha una “tacca” in più nello svelare il cuore e le emozioni di questo amore così diverso da ciò a cui siamo abituate ma, proprio perché parliamo d’amore, così uguale a quello che sentiamo noi tutte.

Il romanzo, secondo me, è consigliato ad un lettore adulto e molto consapevole dell’argomento trattato; sono presenti descrizioni minuziosissime dei vari rapporti omosessuali, anche con particolari che, qualche volta, mi hanno leggermente disgustata.
Una cosa è certa: questo è un romanzo dove si sente moltissimo la mano maschile dello scrittore! Il libro non è certamente per educande!

Lettrici avvisate…

Lascia un commento

3 risposte a “Testa Calda di Damon Suede”

  1. Emanuele Properzi ha detto:

    Effettivamente non è un libro per educande, come giustamente Simona scirve. Un pò misogino, forse. Ma gli uomini che scrivono queste opere vanno analizzati con cautela.

    Quando io ho pubblicato 'Apologia del Piano B' cono stato attaccato su tutti i fronti, ma a distanza di tempo, posso dire di aver avuto ragione, perché ho dato le risposte che le lettrici cercavano. Con la scrittura autentica.

    Buon 2013!

  2. Misakne ha detto:

    Amo i romance M/M, ma Suede è troppo crudo per i miei gusti. Ma indubbiamente scrive bene e non è superficiale.

    • Nasreen ha detto:

      Sono abbastanza fortunata, per me i libri M/M devono essere crudi. Inizierei a ridere se ci trovassi troppe romanticherie, a tutti gli effetti sono uomini, gay, ma pur sempre uomini… sarebbe strano il contrario. Soprattutto se l'autore è un uomo… più è crudo e più lo trovo "plausibile" ^^

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi