The Edge of Never by J.A. Redmerski

Outlandish Reviews

Romanzi inediti che vorremmo sugli scaffali delle librerie

J. A. Redmerski

J. A. Redmerski, vive in Arkansas con tre bambini e un cane maltese. Ama la televisione e i libri che spingono ai confini ed è una grande fan di The Walking Dead. Jessica scrive sia Contemporary Romancy che Fantasy.

Sito dell’autricehttp://jessicaredmerski.com/

The Edge of Never series:

– The Edge of Never
– The Edge of Always (previsto, in lingua originale, per Novembre 2013)

A volte la vita ti porta fuori rotta

La ventenne Camryn Bennett pensava di sapere esattamente dove la sua vita stava andare. Ma dopo una notte folle in un club esclusivo di Raleigh, North Carolina, lascia tutti sbalorditi – inclusa se stessa – quando decide di lasciare la sua vita “normale” che conosce e partire.

Afferrando la sua borsa e il cellulare, Camryn sale a bordo di un autobus per scoprire se stessa. Invece trova Andrew Parrish.

Sexy e eccitante, Andrew vive la sua vita come se non ci fosse un domani. Persuade Camryn a fare cose che lei non avrebbe mai pensato di fare né di desiderare. Presto lei diventa il centro della sua nuova vita, donandole amore, lussuria ed emozioni che lei non avrebbe mai immaginato possibili. Ma c’è di più in Andrew di ciò che Camryn sa. Il segreto di Andrew li renderà inseparabili o li distruggerà per sempre?

 

The truth is, we all have problems; we all go through hardships and pain, and my pain is paradise compared to a lot of people’s and I really have no right to whine at all.

The Edge of Never parla di una ragazza, Camryn Bennett, che nonostante abbia un passato doloroso alle spalle decide di abbandonare tutto e intraprendere un viaggio all’esplorazione di città mai viste.È difficile parlare di un libro che ti è piaciuto talmente tanto da non trovare le parole per descriverlo, ma ci proverò.

Cosa ci sarà di male in tutto ciò? Assolutamente nulla, solo che non è normale, secondo la gente stereotipata, che una giovane ventenne si lasci indietro la propria vita per un viaggio verso l’ignoto.

Un viaggio senza meta che le cambierà la vita.

I primi capitoli del libro ci fanno conoscere la protagonista e i problemi che ha dovuto affrontare nel giro dell’ultimo anno della sua vita, la morte di una persona cara, l’arresto del fratello e l’impossibilità della gente di capire ciò che più lei desidera.

La migliore amica di Camryn, Natalie, cercherà di riportare alla vita Camryn portandola in un club esclusivo di Raleigh. Camryn, Natalie e il suo fidanzato storico, Damon, andranno a “The Underground” per divertirsi un po’. Lì Camryn incontrerà Blake, barista carino nonché fratello del proprietario del negozio, ma non fermatevi qui, la storia non è così prevedibile come sembra.

Blake porterà Camryn a prendere un po’ d’aria sul tetto, dopo l’ennesimo drink bevuto dalla nostra protagonista che ha un po’ alzato il gomito, ritrovandosi a parlare con un perfetto sconosciuto di argomenti non così semplici per una prima conversazione, ma i due verranno interrotti da Damon, che fraintendendo la situazione inizia ad aggredire Blake pensando che volesse approfittarsi della sua amica.

Dopo vari pugni ben assestati da entrambe le parti maschili, Damon proclamerà il suo amore per Camryn opportunamente nascosto per anni. La protagonista non ha mai corrisposto questo sentimento per il ragazzo della sua migliore amica, anche perché lui è un drogato e uno spacciatore.

Ora inizia il dilemma di Camryn, che ogni donna si pone dopo un episodio del genere: sarà il caso di parlarne con Natalie oppure è meglio tenere tutto nascosto? Cam farà la scelta giusta, affrontando l’amica il giorno dopo e rivelandole ciò che è successo, ma Natalie, come sempre quando si tratta di Damon, non vuole vedere in faccia i fatti, preferendo quindi attaccare l’amica anziché dubitare del suo ragazzo.

Ormai sola Camryn, dopo qualche settimana, decide di partire per fare un viaggio senza meta che desiderava ormai da tanto. La decisione del luogo da visitare, infatti, è dettata dal caso.

Camryn attraverserà l’America in autobus per giungere in Idaho. Durante il suo lungo viaggio incontrerà varie persone, ma quella che sicuramente ha più rilevanza è un giovanotto che prenderà l’abitudine di sedersi nel sedile dietro il suo, per tenere un occhio su di lei e, perché no, anche per divertirsi un po’.

“Hey.” My eyes pop open, but I don’t move my head.

“Are you asleep yet?” I raise my head from the window and look up to see the guy hovering over me.

“I literally just closed my eyes,” I say.

 “How can I already be asleep?”

“Well, I don’t know,” he whispers.

“My granddad could fall asleep in two seconds flat after closing his eyes.”

“Was your granddad narcoleptic?” There’s a pause.

“Not that I know of.” Wow, this is awkward.

“What do you want?” I ask as quietly as he had.

“Nothing,” he says grinning down at me. “Just wanted to know if you were asleep yet.”

“Why?”

“So I can turn the music back up.” I think about it for a second, uncross my arms and lift the rest of the way from the seat, turning at the waist so that I can see him.

“You want to wait until I’m asleep to turn the music back up so that you can wake me up again?” I’m having a hard time getting this. He smiles a crooked smile.

“You slept for three hours without it waking you up,” he says. “So, I’m guessing it wasn’t my music that did it, must’ve been something else.”

Quante volte ci ritroviamo a voler sapere con tanto ardore i pensieri degli uomini che compaiono nei libri? Grazie a J. A. Redmerski ne avremo l’opportunità, infatti avremo dei punti di vista alternati tra Camryn e Andrew.

La conoscenza tra la protagonista e Andrew, il ragazzo sull’autobus, partirà a rilento, ma pian pianino si conosceranno fin nel profondo e alla fine è più semplice confidarsi con qualcuno che sai non rivedrai mai più. Il loro viaggio, che sarà in comune fino al Wyoming, darà ottimi spunti di riflessione per entrambi e se agli occhi della protagonista lui inizierà a sembrarle un amico con cui condividere questo lungo viaggio che durerà per giorni, dal punto di vista di lui oltre che da amico le farà da protettore poiché gli autobus non sono i luoghi più sicuri per le giovani ragazze.

Andrew, venticinquenne e con una passione per il rock classico, ha un problema sul capire cosa farà dopo il viaggio che ha intrapreso per andare a salutare per l’ultima volta il padre, malato terminale di cancro. Dopo aver mollato il college, aver fatto il modello e il meccanico si ritrova con un po’ di tempo davanti per decidere quale sarà il prossimo passo da fare.

I due si aiuteranno a vicenda durante quest’esperienza e quando arriverà il Wyoming, ultima fermata di Andrew, sarà difficile andare avanti per entrambi, ma purtroppo è così che deve andare, in fondo era solo un viaggio su un autobus. Entrambi cercheranno di non dare a vedere quanto questa separazione pesi su di loro, ma a chi non è mai capitato di incontrare una persona con cui ci si trova così bene che sapere che non la si rivedrà mai più fa male?

I smile back up at him and place my hand into his. And all the way down the aisle as he walks in front of me, he keeps my fingers clasped carefully within his hand from behind. And I find a sense of warmth in his touch, clinging onto it mentally for as long as I can so that maybe I can be more confident when I’m alone again.

“Well, Camryn…” he looks at me as if fishing for my last name.

“Bennett.” I smile and cave to my own rule.

“Well, Camryn Bennett, it was a pleasure to meet you on the road to nowhere.” He adjusts his bag strap on his shoulder and then slides his hands down inside the pockets of his jeans. The muscles in his arms harden. “I hope you find what you’re looking for.” I try to smile and I do, but I know it looks like something in-between a smile and a frown. I adjust the strap from my purse on one shoulder and my sling bag on the other and then just let my arms hang limply at my sides.

“It was nice meeting you, too, Andrew Parrish”

Dopo essersi separati, Camryn resterà alla stazione degli autobus, in attesa del prossimo che le farà proseguire il suo viaggio verso l’Idaho. A causa di ritardi, oltre sei ore di attesa, decide di cambiare la sua meta all’ultimo minuto e prendere un biglietto per il prossimo pullman che parte per il Texas. Come mai il Texas? Perchè è lì che vive Andrew! 

Prima che possa prendere l’ennesimo pullman però succederà qualcosa che metterà in pericolo la sua incolumità, ma grazie al suo “protettore” ne uscirà sana e salva.

Andrew cercherà invano di far ripartire Camryn verso casa a Railegh, ma visto che lei sembra così testarda da voler continuare il suo viaggio verso il nulla decide di accompagnarla.

Da qui partiranno per un nuovo viaggio che li porterà ad affrontare i loro problemi e il loro futuro in un’ottica diversa.

“So this road trip is a date then?”

“What?” I laugh. “No! It was just an analogy.”I know he’s aware of that, but I need to say something to help distract him from my reddening cheeks.

“You know what I mean.” He smiles. “Yeah, I know, but you do owe me a ‘friendly’ dinner in the company of a steak.” He quotes with his fingers when he says ‘friendly’. The smile never leaves his face.

“I do, I admit it.”

“Then it’s settled.”

Ci saranno delle “regole” per il viaggio da “seguirai tutto ciò che dirò io” a “la musica la scelgo io” e per non dimenticare mai “tra noi due non succederà mai nulla”. Di certo non mancheranno gli episodi divertenti.

Ci sarebbe tanto altro da raccontare, ma il resto lo lascio scoprire direttamente a voi, io vi ho svelato soltanto una minima parte di ciò che racconta il libro.

The Edge of Never è un libro che parla di perdite, di vita, di lotta e di amore.

Il romanzo è uno di quelli che ti rapisce il cuore e non ha intenzione di restituirtelo intatto: la scrittrice è infatti bravissima nel descrivere le emozioni e le situazioni al di fuori dell’ordinario. Ti sorprende sempre con una trama ricca di colpi di scena, fuori da ogni schema che il lettore potrebbe aspettarsi. Camryn è la protagonista quasi perfetta, non fugge davanti ai problemi, è leale e sincera quando può.

Il libro, a volte, contiene un linguaggio non adatto ai giovanissimi. Infatti a causa dei contenuti e del linguaggio è consigliato ai maggiori di 17 anni.

Se leggerete il libro in lingua originale andate a dare un’occhiata sul sito dell’autrice, potrete trovare la playlist di The Edge of Never, Della quale la maggior parte delle canzoni sono narrate all’interno del romanzo.

A novembre uscirà il seguito con il titolo The Edge of Always, in cui potremo scoprire come proseguirà la storia. Credetemi, dopo aver finito di leggere questo libro ne vorrete sicuramente di più.

The Edge of Never è già stato acquistato in numerosi paesi, ma non ancora dall’Italia.

Può essere un libro che leggeremo in italiano? Spero ardentemente di si, ma è difficile, visto che per i temi trattati è consigliato per un pubblico adulto.

Non è una semplice storia tra un ragazzo e una ragazza, ma un racconto su un viaggio e su tutte le conseguenze che può portare. Da leggere!

 Voto:

 


 

Scheda Tecnica Libro

TitoloThe Edge of Never
Autore: J. A. Redmerski
Serie: The Edge of Never
Edito da: Createspace
Prezzo: 7.97 euro
Genere: New Adult, Contemporary Romance, Road Trip
Pagine: 427 pag.
Data uscita: 23 febbraio 2013

    


 

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi