The Soft Nightmare: In nome di Goya e… di Livin Derevel e Daniela Barisone

Livin Derevel

Livin Derevel nasce incazzata (chiedere all’ostetrica per credere) una fredda notte di dicembre a Reggio Emilia nel 1989. Fin da piccola ama scrivere le sue prime ingenue porcherie, e pian piano inizia a sviluppare una vera e propria passione, che ancora non è andata via. Frequenta le elementari e le medie, sviluppando anche un odio viscerale per la matematica. Neanche quello le è ancora andato via. Si iscrive ad un liceo agrario, dove incontra insegnanti fantastici che finalmente la spingono verso la scrittura professionale, e da lì, inizia a partecipare a concorsi letterari, viene pubblicata e si aggiudica anche qualche primo premio. Ha pubblicato un romanzo steampunk assieme alla sua complice preferita di malefatte, i suoi racconti appaiono anche in una collana di albi di fantascienza. Scrive di tutto, dal fantasy allo steampunk (di cui ha appena pubblicato un romanzo), dal romantico al thriller, dalle poesie ai racconti; l’erotico è solo una delle sue forme di espressione. Fa parte dello staff dei siti letterari SognandoLeggendo e Scrittevolmente. Livin sogna di diventare l’Oscar Wilde del ventunesimo secolo. E conta di farcela.

Blog dell’autrice: L’Angolo del Drago


Daniela Barisone:

 

Scrittrice di steampunk (e fantascienza, horror, erotica, fantasy, LGBT, chi più ne ha più ne metta) ed editor, 26 anni ed emicrania perenne. Vive facendo la spola tra Milano e Torino. Gestisce il sito letterario Scrittevolmente.com e dal 2012 ne gestisce il marchio editoriale ST-Books (www.st-books.org) nato in collaborazione con GDS Edizioni. Autrice di Automatismo Meccanico (edito da Ilovebooks e in fase di nuova lavorazione) con Livin Derevel. Con Lite Editions ha pubblicato Cronaca di un tradimento, 30 scatti di lancette, Di tentacoli e braccia di ferro, Mutant Domination. I racconti “Il senso della vita” e “Loro” sono in Scritture Aliene edito da Edizioni Diversa Sintonia. “Prigioniero” e “Sufficit animus” sono rispettivamente in ‘365 racconti erotici per un anno’ e ‘365 racconti sulla fine del mondo’ edite da Delos Book. Con ST-Books ha pubblicato gratuitamente i racconti “Il vampiro”, “Absinthe” e “Neo Victoria Station”. Con Sogno Edizioni ha pubblicato lo steampunkIl ginepro“.
Blog dell’autrice: http://queenseptienna.livejournal.com/


Titolo: In nome di Goya
Autore: Livin Derevel e Daniela Barisone (Traduttore:  //)
Serie: Serie Soft Nightmare
Edito da: ST-Books (Collana: LGBT)
Prezzo: // €
Genere: comico, erotico, LGBT
Formato: Epub
Voto: 
  

Trama: In nome di Goya: Madrid – 1828. Il vampiro Septienne abbandona l’italica Milano per trovare svago nella penisola iberica. Per passare il tempo, decide di visitare la mostra di quadri dell’artista Goya, durante la quale, si imbatterà in un sacerdote che di sacro, ha ben poco. Il Vampiro: Septienne incontra Charles, una sua vecchia conoscenza. Creatore del suo stesso creatore. E’ piuttosto difficile da evitare, ma il vampiro “più giovane” non vuole sentire ragioni: quel tizio è un francese, e a lui i francesi proprio non vanno giù, anche se sono belli e bravi a letto, come quello che si trova di fronte. Absinthe: Cosa c’è di più proibito dell’incesto? Nell’anno 2020, Septienne si ritrova a fare i conti con qualcosa che ha sempre tentato di ignorare: i propri sentimenti verso Davide, suo fratello. Quest’ultimo, innamorato di lui da molto tempo, si è invece deciso a rifarsi una vita e smettere di soffrire inutilmente per qualcosa che non potrà mai avere. Ma si può considerare fratello qualcuno per il solo fatto di condividere gli stessi natali, ma non i secoli di vita? Neo Station Victoria: Anno 3480, Septienne è rimasto completamente solo, obbligato a vedere i suoi amici cadere uno dopo l’altro. In una Londra completamente nuova e futuristica, la sua unica compagnia è Daveo, un robot che lavora per un bordello locale e che rimarrà per sempre ad aspettarlo.

Recensione
by CriCra

La recensione che oggi mi appresto a farvi leggere in questa versione un po’ insolita rispetto alla normale formula che usiamo su questo Blog, è quella su la raccolta di quattro brevi brani del genere omo/paranormal. Il primo è stato scritto da Livin Derevel, mentre gli altri tre sono stati scritti da Daniela Barisone. Entrambe le scrittrici sono amiche e collaboratrici qui nel nostro gruppo. Questi racconti sono delle piccole chicche, quattro pezzi unici di queste due autrici che possiamo considerare parte della serie The Soft Nightmare, dove altre scrittrici insieme a Daniela Barisone, hanno raccontato diverse avventure della vita del protagonista principale di questa serie: il vampiro Septienne.

Lui ci farà conoscere i suoi gusti e le sue perversioni fameliche attraverso città e stati diversi come l’Italia, la Francia, la Spagna… il mondo intero! L’onda del tempo lo accompagnerà dal 1828 al 2010, e in un futuro, ancora più lontano, a cavallo tra il 2050 e il 3480.

Septienne nel primo brano – In nome di Goya – sarà come Eva nel giardino dell’Eden. Ecco che davanti agli occhi di questo vampiro, una creatura demoniaca creata dal diavolo stesso, si presenterà il frutto proibito. Un giovane prete, alto, bello, affascinante e tentatore come il frutto del peccato… e con tanto di denti aguzzi. Una scena lussuriosa da leccarsi i baffi “nei secoli dei secoli e anche con l’amen!

Septienne se lo divorò con gli occhi, col languore
che gli si allargava innaturale nel ventre. Era strano, perché
quel maledetto colletto bianco avrebbe dovuto essere
un ostacolo per lui, anche solo visivo. Invece niente, anzi.
Rendeva “occhiblu” sempre più appetibile, un frutto proibito
in cui moriva dalla voglia di affondare un morso.

Nel secondo episodio – Il Vampiro – Septienne avrà a che fare con quel bel pezzo di Master del suo Master, il Conte Charles Dubois, un possente templare francese, che lo sottoporrà ai più spietati piacere del BDSM, facendo diventare Septienne, una sorta di concubina del piacere. il vampiro

Ho letto di tanti e svariati vampiri letterali fino ad oggi, ma mai e ripeto mai, mi è capitato di leggere di un vampiro che si definisce il “vampiro ciccino pucci pucci” di un altro succhia sangue.

Assolutamente esilarante! Erotismo contornato da battute divertenti e autoironia spassosa, che lascia con un sorrisino istupidito sul volto, dopo aver letto determinati passaggi.

In queste scene, i due protagonisti mi hanno riportato alla mente le immagini di un vecchio anime, Ai No Kusabi (Il cuneo dell’amore, 1986) tratto da un romanzo di Rieko Yoshihara. Molto futuristica e davvero molto calda!

«Septienne, guardami.» la voce calda e roca di Charles
lo riportò al presente, le sue sinapsi appesero il cartello
“chiuso per ferie” e chiusero i battenti.
Davanti a lui Charles Dubois era nudo. I lunghi capelli biondi
ricadevano sulle spalle ampie, il torace sembrava scolpito
nel marmo e le gambe erano il frutto di una vita passata a cavallo.
Poi la sua bocca si spalancò alla vista dello “spadone”.
«Vieni qui e molestami, dannato idiota!» gridò.

absintheIn Absinthe, terzo brano di questo serie, Septienne è in Italia. Tanti anni sono passati, e nuovi amori sono nati, e poi passati sempre nel profondo del suo cuore demoniaco. Stavolta Septienne affronterà suo fratello Davide, nell’avventura più immorale e peccaminosa di tutte. Oltre il tempo e oltre ogni legame di sangue.neovictoriastation

Nell’ultimo episodio – Neo Victoria Station – Septienne è a Londra dove incontrerà Daveo, un automa creato con lo scopo di servire e dare piacere a pagamento, alle dipendenza di una padrona, proprio come si faceva in un lontanissimo passato. Un mondo nuovo, molto futuristico, dove esseri umani vivono mischiati ad ogni altro tipo di creatura. Mutanti, androidi, robot, creati o provenienti da pianeti diversi e lontani. Un ipotetico scenario dove una creatura oramai millenaria come Septienne, miscelerà paranormal e un ambiente futuro ricco di creazioni tecnologiche.

Daveo volse il capo, ringraziando di non poter arrossire,
anche se lo avrebbe voluto. Era incredibile come quel tipo
potesse avvertire i suoi pensieri nonostante non fosse
una forma di vita senziente. «Farò tutto quello che volete, signore.
Madame Y,xa non sarebbe felice se io vi scontentassi.»
«Esattamente.» rispose sibilando il suo cliente…

Ecco! Questi sono a grandi linee, i contenuti che troverete in questi brevi quattro racconti. Dire qualcosa in più sarebbe ovviamente un peccato, dato che si rischierebbe di cadere in anticipazioni preziose. Pagine concise, dettagliate in giusta misura e un protagonista intenso e contorto allo stesso tempo. Lasciatevi affascinare da questo impudente e affascinante vampiro. Buona lettura a tutti!

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi