Book in Game | The Witcher

bookingame

Book in Game

quando i nostri libri prendono vita nel gaming
The Witcherthe witcher 1

 

Nome: The Witcher
Piattaforme: PC
Genere: Action RPG
Sviluppatore: CD Projeck RED
Data uscita: 26 ottobre 2007
Tema: Fantasy

Il protagonista è un certo Geralt di Rivia, famoso witcher (i witcher sono delle persone geneticamente modificate grazie ai mutageni che hanno come unico scopo quello di uccidere mostri in cambio di denaro, essi sono di natura imparziali ed inflessibili e forse anche per questo non sono ben visti agli occhi della gente che li teme e li definisce ” mostri “), che mentre viene inseguito ad un certo punto perde i sensi, viene ritrovato nei pressi di Kaer Morhen (base dei witcher) da dei suoi compagni witcher che però non ricorda in quanto ha perso la memoria. Oltre ai compagni conosceremo anche Vesemir (maestro witcher) e Triss Merigold, una potente maga, che da subito possiamo capire provi qualcosa per Geralt; non facciamo in tempo a chiarire con lei che Kaer Morhen viene assaltata da un assassino che è conosciuto con il nome “il professore” e da un potente mago, di cui non sappiamo nulla, che vogliono rubare i segreti secolari degli pitcher. Inizia così la corsa contro il tempo nel tentativo di impedirglielo, ma sfortunatamente non ci riusciremo ed alcuni segreti saranno rubati. Parte così una ricerca di questi uomini nel tentativo di recuperare i segreti perduti che ci porterà fino a Vizima.


Recensioneùdi Awanagana


~ è l’inizio di una delle saghe più belle ed appassionanti di sempre, se non lo avete ancora giocato, vi consiglio vivamente di recuperarlo, mi ringrazierete.

Il gioco è un action RPG, molto probabilmente il primo capitolo della saga più RPG (con questa parola si indicano giochi in cui il giocatore può personalizzare il proprio personaggio, sia nel vestiario che negli attributi, plasmandolo a proprio piacimento) in cui si ha la possibilità di scegliere la risposta che darà Geralt (questa è una caratteristica portante della saga), ovviamente ogni scelta ha le proprie conseguenze e, se esse siano positive o negative, lo scopriremo solo andando avanti.

Il gioco è ambientato nel medioevo fantasy quindi draghi e mostri di altro tipo sono all’ordine del giorno. I vari regni si scontrano tra di loro per la conquista dei territori e per condire il tutto c’è la chiesa che sfrutta la paura dei poveri abitanti per accrescere la propria importanza a livello politico e sociale.

Grafica e Audio: Il gioco presenta una grafica ottima considerando che è comunque un gioco del lontano 2007, con mappe open world completamente esplorabili in cui sarà possibile incontrare i vari personaggi e parlare con loro.

L’audio è godibile, ma onestamente niente di eccezionale, però ciò non toglie che le musiche siano molto appropriate ai vari momenti di gioco e che non si sovrappongono ai suoni del combattimento.

witcher 1.2

Gameplay: l’unica pecca del gameplay sono i movimenti base di Geralt (camminare, spostarsi ecc.) che risultano essere un po’ macchinosi ma che non influiscono troppo sulla godibilità del gioco; uno dei punti forti invece è il sistema di combattimento che risulta essere molto vario, grazie ai segni che potremo usare per difenderci o per attaccare, ai decotti (pozioni speciali che funzionano su un determinato mostro dandoci la possibilità di fare più danno) ed ai tre stili con la spada che Geralt può usare: forte, veloce, gruppo.

Il “Crafting” (il raccogliere oggetti) sarà fondamentale per non avere troppe difficoltà nel gioco, quindi occhio ai vari bauli o scrigni che troverete in giro.

the witcher combattimento

Di questo gioco vi ricordo che esistono due versioni: la versione normale all’uscita del gioco e la “Enhanced Edition” che presenta una grafica migliorata ed alcune piccole aggiunte nella trama.

enhanced edition

VOTO:4Astelle.png

PRO CONTRO
  • La Storia
  • Sistema di combattimento
  • Longevità
  • Piccoli errori tecnici

 

– by Awanagana
editing by CriCra

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi