Ti darò il sole di Jandy Nelson

Ti darò il sole

di Jandy Nelson

Titolo: Ti darò il sole
Autore: Jandy Nelson || Traduttore: L. Celi
Edito da: Rizzoli
Genere: Young Adult
Pagine: 485 p. || Prezzo: 14,88€ book – 8,99€ ebook

Trama dell’editore:

Solo un paio d’ore dividono Noah da Jude, ma a guardarli non si direbbe nemmeno che sono fratelli: se Noah è la luna, solitaria e piena di incanto, Jude è il sole, sfrontata e a proprio agio con tutti. Eppure i due gemelli sono legatissimi, quasi avessero un’anima sola. A tredici anni, su insistenza dell’adorata madre stanno per iscriversi a una prestigiosa accademia d’arte. Tecnicamente è Noah ad avere il posto in tasca – è lui quello pieno di talento, il rivoluzionario, l’unico che nella testa ha un intero museo invisibile – e invece in un salto temporale di tre anni scopriamo che è Jude ad avercela fatta, ma anche che i due fratelli non si parlano più, che Noah ha smesso di dipingere, che si è normalizzato, e che Jude si è ritirata dal mondo che tanto le calzava a pennello. Cos’ha potuto scuotere il loro legame così nel profondo? In un racconto a due voci e a due tempi, Noah e Jude ci precipitano tra i segreti e le crepe che inevitabilmente si aprono affacciandosi all’età adulta, ma anche nelle coincidenze che li risospingono vicini, laddove, forse, il mondo può ancora essere ricucito.

Recensione

di Persefone

Noi eravamo insieme fin dalla nostra prima cellula, e siamo arrivati qui insieme. Ecco perché praticamente nessuno nota che Jude parla per tutti e due, perché sappiamo suanare il pianoforte solo a quattro mani, perché non possiamo giocare a morra cinese, visto che in tredici anni mai una volta abbiamo scelto cose diverse.”

Ti darò il sole è stata una lettura intensa e struggente, che consiglio a chiunque nonostante i protagonisti siano adolescenti.

Attraverso una scrittura lineare e scorrevole, l’autrice è stata in grado di creare dei personaggi potenti, affascinanti e tremendamente complessi. Lo scopo è quello di trasmettere la difficoltà di trovare se stessi, di comprendersi e di accettare la sconfitta.

Il fulcro del romanzo sono le bugie e le incomprensioni che i due protagonisti affronteranno pur di tentare di proteggersi l’un l’altro. Tuttavia questo non farà altro che allargare il divario che divide Jude e Noah, trasformandoli in estranei. Il rimorso e la delusione per le loro scelte sbagliate corroderanno l’animo dei due ragazzi, che rinunceranno ai loro sogni e a loro stessi pur di tentare di espiare le loro colpe e auto punirsi.

Ho amato il modo in cui l’autrice descrive il profondo e intenso legame tra i  due gemelli: in quei piccoli gesti è racchiuso l’amore e il sostegno incondizionato che li lega. Il fatto che Jude parli per entrambi o che alla richiesta dell’insegnante di disegnare il loro autoritratto, i due disegnassero l’altro, mi ha commossa. I legami familiari sono qualcosa di così fondamentale e complicato e la Nelson ha creato una storia mettendo in evidenza tutto questo.

“Mi ricordo il momento in cui papà mi disse dell’incidente e io misi le mani sulle orecchie di Noah per proteggerlo da quel che stavo sentendo. La mia prima reazione. Non le mie orecchie ma quelle di Noah”

Ho apprezzato che la storia mostrasse anche i lati negativi, le zone d’ombre che avvolgono ogni famiglia. Infatti, abbiamo delle figure genitoriali molto forti che a tratti oscurano i figli. Noah si sente distante da quel padre così diverso da lui e Jude si sente esclusa dalla madre, completamente concentrata sull’arte di Noah.

L’aspetto che ho adorato è stato la costante presenza dell’arte in tutto il romanzo e in particolar modo il fatto che Noah mostrasse al lettore, ogni evento come un dipinto, quadri che prendevano vita solo nella sua mente ma che erano in grado di spiegare il suo tormento meglio di qualsiasi parola.

Come ho sottolineato prima, l’autrice ha costruito dei personaggi a tutto tondo, sfaccettati e fallibili. Nella prima parte, tra i due gemelli c’è equilibrio e la loro intesa è talmente forte da non dover usare parole per comunicare. Jude è una ragazza solare e popolare, mentre Noah è più riflessivo e chiuso nella sua arte. Tuttavia un susseguirsi di eventi tragici e scelte sbagliate faranno crollare ogni loro certezza. Jude si trasforma nel fantasma di quello che era una volta, annullando se stessa per tentare di rimediare all’errore che l’ha allontanata irrimediabilmente dal gemello. Nella seconda parte, la giovane vede dei fantasmi, che rappresentano il rimorso e il rimpianto per quelle scelte sbagliate. Anche Noah metterà da parte il vero sé, arrivando anche a rinunciare alla sua arte.

Entrambi hanno un segreto che li corrode, ma che continuano a mantenere nel tentativo estremo di proteggere l’altro. Ho trovato struggente il fatto che entrambi, pur non parlandosi più, continuassero a fare di tutto pur di evitare ulteriori sofferenze all’altro.

Anche i personaggi secondari sono ben costruiti e le loro storie sono interessanti e fondamentali per mettere insieme i pezzi di quella principale. Uno dei punti forti del romanzo è la narrazione a due voci: mentre il passato viene filtrato attraverso gli occhi del timido e intriverso Noah, il presente viene raccontato da una Jude che annaspa nel cercare una soluzione.

Quando il legame tra Jude e Noah sembra perso per sempre, i due riusciranno a perdonare prima di tutto se stessi e in seguito l’altro. Capiranno che una rinascita e una seconda possibilità sono possibili, ma solo se si libereranno di tutte le bugie e del travestimento che hanno indossato fino a quel momento.

Ti darò il sole è un piccolo gioiello, emozionante ed intenso. Assolutamente da leggere.

«Alberi, stelle, oceani. Va bene» «E il sole, Jude» «Oh giusto» dice, lasciandomi di stucco. «Ti darò il sole»

Voto:

Jandy Nelson: si è laureata alla Cornell, ha un master in poesia e uno in scrittura per bambini e giovani adulti. Agente letteraria per molti anni, dopo un esordio come poetessa ora si è dedicata completamente alla fiction. The Sky is everywhere è il suo primo romanzo. Vive e lavora a San Francisco.

 

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi