‘Troppo stupido per vivere’ di Anne Tenino

Troppo stupido per vivere

Serie Romancelandia

di Anne Tenino

I'm sorry but I can't see the difference

 

Troppo-stupido-per-vivereTitolo: Troppo stupido per vivere
Autore: Anne Tenino
Serie: Romancelandia #1
Edito da: Triskell Edizioni
Prezzo: 4.99 €
Genere: Romance M/M
Pagine: 200

anobii-icon Good-Reads-icon amazon-icon

Trama: Sam è un uomo nuovo. È sempre troppo alto, troppo magro, troppo goffo e troppo gay e ha quella sfortunata dipendenza dai romanzi d’amore, ma è diventato più saggio. Il suo Unico Vero Amore è di sicuro là fuori ad attenderlo, ma adesso Sam sa che la vita vera è molto diversa dalla finzione letteraria. Per questo motivo è determinato a dire “no” all’ennesimo ragazzo sbagliato, a prescindere da quanto sia sexy, eccitante e simile all’eroe di uno dei suoi libri. Finché non incontra Ian. Ian è un uomo nuovo. Si è ristabilito dopo un grave incidente, si è lasciato alle spalle un lavoro che odiava e una famiglia che lo opprimeva ed è pronto – o almeno così crede – a immergersi nell’insidioso mare delle relazioni sentimentali. Ha tutta l’intenzione di andarci piano, però, e di cominciare con qualcuno che conosca la posta in gioco e che non voglia niente di troppo complicato. Qualcuno che abbia fatto esperienza e i cui bisogni ruotino per lo più intorno alla camera da letto. Finché non incontra Sam. Sam è convinto che Ian non sia il “ragazzo giusto” per nessuno. Ian è sicuro che Sam non sia il suo tipo. Non possono sbagliarsi entrambi, giusto?

Serie Romancelandia:
1. Troppo stupido per vivere, Giugno 2015 (Too Stupid to Live)
2. Billionaire with Benefits (inedito)
3. Untitled

Immagine5

Recensioneùdi CriCra

Nuovo romanzo di genere M/M in casa Triskell. Troppo stupido per vivere scritto da Anne Tenino è il 1° romanzo della saga Romancelandia, una nuova serie che già dal nome si preannuncia ricca di appassionato romanticismo.

too stupid to loveTSPV. Sam, il protagonista della storia è un TSPV, ovvero Troppo Stupido Per Vivere. Perché? Perché lui è un romantico, un sognatore, un ragazzo che si immedesima corpo e anima nelle storie d’amore che adora leggere. Dove l’eroe di turno, alto, bello e impavido non manca mai di mostrare il suo coraggio nel salvare la bella dama fino a coronare il loro sogno d’amore insieme, felici e contenti. Un tenerone, non vi sembra? Sam apparirà proprio così com’è. Un giovane alto, magro, allampanato. Una tipica matricola nerd al suo primo anno di ateneo. Timido, impacciato e con poca fiducia in se stesso.

E le cose inizieranno ad andare peggio dopo il primo incontro, alquanto rocambolesco, con il fac-simile dell’Highlander dei suoi sogni: alto, bello, due occhi brillanti al pari delle foglie bagnate dalla rugiada di primo mattino, un fisico possente e villoso nei punti giusti, tipico di chi gioca ad uno sport duro come il rugby. In poche parole Ian Cully, ovvero il sogno proibito (e pervertito) di Sam.

Delle ginocchia atterrarono sull’erba vicino alla sua testa, facendolo sussultare. Sam alzò gli occhi e vide il massiccio Highlander a torso nudo che era alla guida del branco ansimare e guardarlo di traverso. I suoi muscoli sexy da falso Highlander erano in tensione e il suo petto si alzava e abbassava rapidamente. Su tutta la sua superficie si estendeva un’autentica foresta di peli color caramello. Era come guardare la versione dal vivo e dotata di respiro (affannoso) della copertina di un romanzo rosa. Forte, virile e severo e… oh, accidenti. Sam sospirò. I tipi come quello non erano mai gay. I tipi come quello, in genere, davano il tormento ai finocchi.”

Ma non lasciatevi ingannare dall’aspetto imponente, dalla sua aria da duro o dalla sfrontatezza di alcuni comportamenti di Ian. Dietro c’è molto di più. Un uomo ferito nel corpo e nell’anima, alla ricerca di qualcuno che lo capisca e lo ami per ciò che è. In cerca di quel qualcuno speciale a cui chiedere e donare conforto reciproco, ma pronto a combattere contro tutto e tutti pur di difenderlo da ogni male possibile. Ecco, questo è Ian. E sarà proprio grazie a questa – strana – relazione con Sam che ogni loro piccola caratteristica verrà fuori.

Solo guardarlo lo faceva fremere, era come se tutto il suo corpo urlasse devo averlo adesso. Sì, gli piaceva com’era fatto Sam dentro ma, a un certo punto, persino la sua imbarazzante magrezza aveva cominciato a sembrargli attraente. Sensuale. Ian sapeva che il ragazzo era spaventato. Poteva non aver capito con esattezza cosa fosse a spaventarlo ma, a giudicare dal suo incontro con Marley, Sam non era mai stato con qualcuno di cui potesse fidarsi. E lui avrebbe preferito morire che aggiungersi alla lista di ragazzi che lo avevano ferito.”

A sostenerli in questa nuova strampalata avventura, amici e parenti alquanto bizzarri come l’effervescente Nik, cugino di Sam e il suo compagno Jurgen, a sua volta cugino di Ian. Buffe le coincidenze della vita a volte, vero?

Un inizio di serie davvero intrigante e divertente in uno stile eloquente dove serve e leggero nella forma. Entrambi i personaggi principali hanno molto da offrire al lettore. Ho trovato simpatiche tutte le paturnie di Sam, comprese le sue segrete manie feticiste verso determinati “oggetti sferici”. Lo stesso posso dire per Ian. Ho adorato il suo lato fragilmente umano di un uomo che seppur adulto, riuscirà ad aprire il suo cuore, chiederà aiuto e amore a chi sarà certo non glielo negherà mai. Amanti del genere romance M/M, fatevi sotto!

Voto

 

1Astelle

 

anneteninoAnne Tenino: Nei tre anni passati a riprendersi dalla Malattia di Lyme, che l’ha costretta ad abbandonare il suo ‘vero’ lavoro, Anne Tenino ha ricominciato a scrivere; improvvisamente, aveva il tempo libero per farlo. Aveva iniziato a scrivere per divertimento in terza elementare, ma a causa delle vicende della vita, non aveva mai inviato nessuna storia a un editore fino alla settimana del suo quarantesimo compleanno. Il marito di Anne è teneramente confuso dal fatto che sua moglie ami leggere e scrivere sul tema dell’amore fra uomini, ma le ha sempre dato sostegno. Solo, non chiedetegli di leggerne. Le sue figlie, in età scolare, pensano che sia figo che la mamma sia una scrittrice, ma non sono ben sicure del perché non possano dirlo alla nonna. Quando non scrive, Anne ama leggere, viaggiare, cucinare ed evitare i lavori di casa.

Facebook-iconBlogger-iconTwitter-iconGoogle PlusGoodreads

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi