Un amore incosciente di Olivia Crosio

 

Un amore incosciente

di Olivia Crosio

Titolo: Un amore incosciente
Autore: Olivia Crosio
Edito da: Up feltrinelli
Genere: Narrativa generale
Pagine: 174 p. || Prezzo: 13,00€ book – 8,99€ ebook

Trama dell’editore:
Un camion a tutta velocità su una strada di montagna, uno schianto terribile, e l’auto su cui la quindicenne Ambra viaggia con la sua famiglia in vacanza finisce semidistrutta nel bosco. Angelo, il conducente del carro attrezzi che va in loro soccorso, consiglia ai quattro di fermarsi lì vicino, al bellissimo Hotel La Sosta, in attesa che la macchina venga riparata. L’accoglienza in albergo è ottima e il paesaggio intorno splendido. Si possono fare passeggiate e gite in bici, raggiungere laghi alpini e mangiare cibo squisito nei rifugi. Ma ad Ambra bastano pochi giorni per capire che in quell’angolo di paradiso non tutto è felice come sembra. Perché gli ospiti mangiano sempre da soli e lasciano l’albergo con la corriera senza avvertire, come accade alla madre e al fratellino Mauro? Come mai la linea telefonica è sempre disturbata e lei non riesce a comunicare con Adele, la sua amica del cuore? E soprattutto, chi è Odienne, quel ragazzo biondo dagli occhi grigi che trascorre le sue giornate a lanciarsi con il parapendio e non perde occasione per fare l’odioso con lei? Ambra scoprirà dei nuovi sentimenti ma anche una verità sconvolgente, che la porterà a compiere scelte che mai avrebbe immaginato prima.

Recensione

di Miss Marilux

 

Recensire questo libro per me è difficile, il motivo è semplice: non vi è stata una cosa che mi sia piaciuta. È strano scriverlo cosi brutalmente, ma le cose stanno esattamente così. Prima di iniziare a parlare del volume, voglio però ringraziare la Feltrinelli per averci donato questa copia, grazie mille ragazzi, e scusatemi per le parole di fuoco.

Il romanzo è breve, appena 170 pagine, divise in una manciata di giorni in cui la vita della nostra protagonista, Ambra, cambia radicalmente. Perché non ho apprezzato questo libro? Perché attorno alla pagina 10, quando Ambra e la sua famiglia sono vittime di un incidente spaventoso, ho capito esattamente dove la Crosio volesse andare a parare. L’hotel, il lago, il love affair della ragazza con Lucas (uno degli ospiti della pensione La sosta), i suoi tentennamenti, il finale speciale al concerto, anticipavo ogni “colpo di scena” nella mia testa, capitoli e capitoli avanti. E quando un libro si basa sui plot twist e tu lettore riesci ad intuirli subito, il volume perde tutto: mordente, pathos e fluidità.

Mi sono chiesta se la colpa fosse mia o dell’autrice. Ci ho ragionato sopra 24 ore buone per capirlo; non sono riuscita a trovare una risposta concreta. Forse io sono semplicemente troppo vecchia per questo libro (il target in effetti è per giovanissimi), forse sono troppo scafata con il paranormale sia su carta che su pellicola o forse semplicemente non era un libro adatto a me. Non lo so. Comunque mi sento di consigliarlo, solamente, ai lettori teen, quelli che magari al cinema si spaventano con Paranormal Activity e saltano sulla sedia.

Cosa altro aggiungere quindi? Se sulla trama non ci siamo proprio, sui personaggi ho grosse perplessità. Ambra e suo padre Elio, non hanno suscitato molte simpatie in me, li ho trovati abbozzati e non troppo approfonditi. Lucas è un grande punto interrogativo, poteva e doveva dare di più al libro. L’unica che ho apprezzato è stata Tiffany/Carla, una degli ospiti dell’Hotel La Sosta. Simpatica e divertente, porta un poco di brio nella storia, peccato per la sua fine e per il modo in cui questa scelta sia stata gestita. Il problema è che tutto scorre troppo repentinamente, non permettendo introspezioni  o analisi profonde sui vari ospiti del posto. Peccato.

Quanto all’autrice, anche qui mi trovo in difficoltà. Il romanzo si legge velocemente, ma non posso dire che il modo di scrivere della Crosio mi abbia colpito. Lineare e a volte frettoloso, non lo so, ma per me questo è totalmente un romanzo no. Forse se non avessi intuito ogni passo di Ambra prima, le cose sarebbero state diverse. Ma cosi non è stato. Segnalo anche un piccolo spin off uscito solamente su ebook, Non ho mai visto il mare, molto carino, un piccolo approfondimento su Beniamino, fattorino de La sosta. Spiacente, stavolta non ci siamo proprio 🙁

 

 

Voto:

Olivia Crosio vive a Milano, dove lavora come traduttrice. Ha pubblicato Solo in città e Giulio e il colore dei baciper la collana “Teens” di Fanucci; L’amore africano con Emmabooks,  La felicità non fa rumore con Giunti e Un amore inconsciente con Feltrinelli.

Editing by Fede
Ri-editing by CriCra

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi