Utenti Recensori: Rot & Ruin di Jonathan Maberry

Come promesso eccoci con il primo appuntamento di questa nuova rubrica di SognandoLeggendo: “Utenti Recensori”.
Ebbene sì, abbiamo intenzione di dare “voce” a tutti voi, nostri fedelissimi lettori!
Avete letto un libro che avete amato particolarmente e non potete non gridare al mondo “perché” l’avete amato così tanto?
Volete parlarci del vostro libro/saga preferito/a?
Avete odiato un romanzo al punto da non riuscire a finirlo e volete mettere in guardia i vostri colleghi lettori?
Ecco il posto giusto per voi!

Leggete le regole e inviateci la vostra recensione!

Jonathan Maberry;

Jonathan Maberry è romanziere, drammaturgo, sceneggiatore di fumetti alla Marvel Comics (The Black Panther, Wolverine, Spider-Man) e multi-premiato autore al prestigioso Bram Stoker Award (“Ghoast Road Blues, 2006; “The Cryptopedia, 2007). Inoltre, è l’acclamato autore di “Patien Zero (opzionato dalla ABC Televsion per una serie tv),  “Dead Man’s Song, Bad Moon rising”  e “Zombi CSU: The forensic of the Living dead, quest’ultimo vincitore del Black Quill Award del 2008.

“Rot&Ruin” si è aggiudicato un Gold Star Award nel 2010, ed è la prima zombie novel dedicata dall’autore a un pubblico Young adult.
Primo libro di una serie, al quale seguiranno “Dust & Decay (2011), “Flash&Bone” (2012) e “Fire&Ashes” (2013).
Maberry è membro di diverse associazioni di scrittori, tra le quali la Science Fiction Writer Associations (SFWA) e la Horror Writers Associations (HWA).

Sito Ufficialehttp://www.jonathanmaberry.com/

 

Titolo: Rot & Ruin 
Autore: Jonathan Maberry
Serie: Benny Imura Series 1
Edito da: Delos Books
Prezzo: 15,90 €
Genere: Young Adult, Zombie, Horror
Pagine: 367 p.
Voto:

Trama: Nell’America post-apocalittica infestata dagli zombie dove vive Benny Imura, ogni adolescente deve trovarsi un lavoro al compimento del quindicesimo anno di età o dimezzare per sempre la propria razione quotidiana di cibo. Benny non è interessato a portare avanti il business di famiglia, ma non ha scelta visti i precedenti fallimenti lavorativi; così accetta di diventare un cacciatore di zombie come quel vigliacco di Tom, il suo fratellastro. Il ragazzo si addentra nella desolata Rot & Ruin, il territorio in cui sono confinati gli zombie, con riluttanza, convinto di svolgere un lavoro noioso e pressoché inutile. Prima di imbattersi in Ujja terra senza dio, che gli aprirà gli occhi su un mondo totalmente diverso dalla vita a cui era abituato. Conoscerà il suo passato, i lati nascosti della personalità di Tom e il motivo per cui viene considerato da tutti come un eroe: perché là fuori, lontano dalle recinzioni del fortilizio, le distese aride di Rot & Ruin pullulano di rinnegati assassini a caccia di adolescenti, di segreti mortali, di zombie e di bellezze cresciute nelle oscurità del tempo.
Rot & Ruin è molto più che un deserto senza vita.

Recensione
di Daniela

Mi aspettavo molto da “Rot & Ruin” e in qualche maniera mi sono ritrovata delusa.

La storia che Maberry ci mette davanti ha tutti i presupposti per essere buona, ma non convince fino alla fine.
Il protagonista non è il solito eroe votato alla distruzione del main villain di turno, bensì Benny Imura, un ragazzino di quasi quindici anni che vive a Rot & Ruin.
Che cos’è questo luogo? Dopo la Prima Notte (solito evento senza spiegazione che chiunque adotta per giustificare un’invasione zombie, The Walking Dead su tutti. Il giorno che qualcuno mi scriverà il motivo per cui la gente si trasforma in zombie urlerò al miracolo), in cui molta gente ha iniziato a morire e resuscitare piuttosto affamata di carne umana, i sopravvissuti a questo evento si riuniscono in un unico luogo, fondando per l’appunto la cittadina di Rot.
Ruin non è altro che quello che sta al di fuori da Rot, ovvero miglia e miglia di America completamente infestata.

Regola principale del posto è la seguente: entro il compimento dei quindici anni bisogna trovarsi un lavoro, altrimenti le proprie razioni di cibo sono dimezzate.
Benny non è mai uscito dalle mura della città, sa cosa sono gli zombie e per lui è tutto normale, non avendo mai visto cosa c’era prima. E’ un ragazzino irritante, senza alcuna voglia di lavorare e, fatemelo dire, un ingrato. Vive con il fratello Tom, che di mestiere fa il cacciatore di zombie fuori dalla cittadina, ma Benny lo considera un vigliacco e un debole, perché durante la Prima Notte è fuggito con il piccolo Benny in braccio lasciando che il padre zombie si mangiasse loro madre.
Benny ammira invece altri due cacciatori, Charlie occhio-di-vetro e un altro mercenario, che si pavoneggiano raccontando le loro macabre avventure al bar, ma che invece si riveleranno essere i fondatori di Gameland, un parco giochi dove i ragazzini vengono fatti combattere per pochi soldi contro gli zombie, per divertimento.
In tutto questo ci sono le Zombie Card, delle carte tipo Magic da collezione su cui sono raffigurati i cacciatori e i morti più famosi. E’ una di queste carte, raffiguranti la Lost Girl, la causa scatenante dell’avventura di Tom e Benny, il quale si è ritrovato costretto a lavorare con il fratello per non trovarsi senza cibo.

Nel complesso è un libro piacevole, nonostante Benny sia veramente noioso e i personaggi con poco spessore.
Il difetto principale di questo libro però sono i refusi della versione italiana, il testo è infarcito di parole sbagliate e piccoli errori di formattazione. Non tanti da causarmi l’ulcera, ma abbastanza da levargli una stellina.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi