Vivi di Susan Moretto

Vivi

di  Susan Moretto

 

Titolo: Vivi
Autore: Leta Blake, Keira Andrews
Edito da: Selfpublishing
Genere: M/M, Contemporaneo
Pagine: 206 pg || Formato: pdf, epub, modi || Prezzo: 3,29 €
Uscita: 27 Marzo 2017
Trama dell’editore
:
La vita di Cam si è fermata quattro anni prima, quando gli è stata comunicata la morte di suo marito Jack durante una missione in Iraq. Rimasto solo con la loro figlia Cassie e ridotto a un guscio vuoto, Cam si limita a esistere. La vita di Jamie, invece, è in pausa da quando suo fratello maggiore Jack si è innamorato di Cam, con cui ha costruito una famiglia. Deciso a metterci una pietra sopra, per dieci anni è stato il cognato e il fratellino perfetti. Ma quando si rende conto che Cam si limita a sopravvivere, fa letteralmente di tutto per riportarlo alla vita. Anche se questo significa fare a pezzi il proprio cuore e ciò che resta della sua famiglia…

 

Recensione

di Sil.lav

Ho letto questo libro con profonda irritazione. Riuscire a trasmettere emozioni persistenti non è facile, ci sono libri dolci, paurosi, oppure libri che ti fanno arrabbiare. Questo è uno di quei libri. Creare personaggi che buchino le pagine scritte non è facile. Molto brava la scrittrice che è riuscita a suscitare una così forte emozione. Ho provato da subito un profondo astio nei confronti di Crudelia come viene chiamata la suocera strega del racconto. Perfino in un momento dove normalmente si dovrebbe provare pena e cordoglio, è riuscita a irritarmi profondamente. Penso sia il personaggio che mi rimarrà più impresso in tutto il libro.

Sarebbe tutto più semplice se ci fosse Jack. Facile per lui, sempre lontano…
Cam soffocò sul nascere quel pensiero: inutile recriminare. Quando avevano deciso di mettere su famiglia, conosceva il lavoro di suo marito. Sapeva che, in quanto militare, Jack poteva essere spedito in qualche angolo sperduto del mondo. E sapeva anche che sarebbe toccata a Cam l’incombenza di crescere la loro figlia. Ma a Jack non è stato ordinato di partire. Si è offerto lui e tu lo sai.

Questo racconto è diviso da due punti di vista. Il primo è quello di Cameron Hyde, il giovane vedovo, che si trova da solo alla prematura morte del marito Jack Graham.
Cam narra il presente: il marito è morto in una missione militare, lasciandolo da solo con una figlia da crescere, un eroe penserete. Forse un grande militare, ma sul piano umano è tutto da vedere. Infatti, non è uno dei miei personaggi preferiti. Dalle parole di Cam, si intuisce che Jack pur avendo deciso di formare una famiglia, questa gli sta stretta. Lui anela all’azione, vuole una famiglia da cui tornare, ma non vuole subire la noia di una vita ordinaria. Questo suo comportamento non me lo fa apprezzare molto. In tutto il libro si capisce, che non è una cattiva persona, ma da qui ad essere un uomo da ammirare ce ne passa.

La seconda voce narrante è il fratello di Jack, Jamie. Il suo racconto inizia quando vede per la prima volta Cam e ha un colpo di fulmine. Peccato che venga prevaricato dal fratello, che non gli lascia nessuna possibilità.
Nel corso del libro, mi è spiaciuto spesso per Jamie, anche se devo ammettere di non capirlo. Sua madre è un mostro e suo fratello non è poi sta gran persona, ma lui non riesce a staccarsi dal nido. Dopo anni di porte sbattute in faccia, di un rapporto a senso unico, lui è ancora a casa, senza una vera e propria indipendenza. Mi sono chiesta, perché non prenda in mano la sua vita e cerchi la sua strada lontano da quella arpia che lo ha messo al mondo. La sua vita è come in sospeso e sarà proprio il confronto con Cam a permettergli di riconsiderare le proprie priorità.

«Jamie, cosa cerchi di dirmi?» 
 Sapeva di aver usato un tono tagliente. Sapeva che le sue parole erano suonate dure. E sapeva che Jamie l’aveva capito, quando questi si tirò su di scatto, facendo indietreggiare con un saltello il volpino. Lo guardò con gli occhi sgranati, come colto sul fatto, le guance che si arrossavano. 
Cam non era certo di voler davvero sapere cosa intendesse Jamie. Non era neppure sicuro di essere in grado di accettare la sua risposta, quale essa fosse, e sembrava che Jamie non avesse tutta questa voglia di spiegarsi. Diventò ancora rosso, le guance che sembravano scottare, eppure disse a bassa voce: «Jack non ha mai capito che gioiello aveva fra le mani.» 

Non è un libro semplice e non sapete quante volte avrei voluto entrare tra le pagine e scrollare entrambi i protagonisti per inculcargli un po’ di sale in zucca. Per fortuna ci pensa la scrittrice a dargli una virtuale scossa.

 

Abbiamo votato questo libro:

susan moretto

Susan Moretto è nata e cresciuta in Friuli, dove vive assieme al compagno, al figlio e a un numero variabile di animali che la fanno impazzire. Dopo aver studiato al liceo linguistico è entrata a far parte delle schiere di giovani italiani in cerca d’occupazione. Tra lo scarrozzare il figlio agli allenamenti di calcio e lo sfornare torte per la scuola materna, trova il tempo di leggere tutto ciò che le capita sottomano e persino di mettere nero su bianco le fantasie che le ronzano in testa. Nel 2013 ha pubblicato Betty’s Place, edito da Alcheringa Edizioni, mentre nel 2014 è uscito Sopravvissuti, Edizioni Diversa Sintonia. Nel 2015 ha pubblicato con Triskell Edizioni il suo primo romanzo M/M, “Occhi di ghiaccio”, e il racconto “Buon Natale, sfigato!”, contenuto nell’antologia di Natale. Il racconto “Piratesse” è contenuto nell’antologia “Oltre l’arcobaleno”, edita Associazione Amarganta, pubblicato nel 2016, e sempre nello stesso anno pubblica “Principessina” con Triskell Edizioni.

Goodreads_iconFacebook-icon

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi