Wonder di R. J. Palacio

Wonder

di R. J. Palacio

 

_cover-1370028830
Titolo
: Wonder
Autore: R. J. Palacio (Traduttrice: Alessandra Orcense )
Edito da: Giunti Editore
Prezzo: 12,00 € cartaceo – eBook: 8,99 €
Genere: Narrativa
Pagine: 278 pag.

anobii-icon Good-Reads-icon amazon-icon

Trama: Auggie è un ragazzo normale, ma con una faccia… straordinaria! Nato con il volto deforme, protetto dalla sua meravigliosa famiglia per i primi dieci anni della sua vita, adesso, per la prima volta, deve affrontare la scuola. Chi gli sederà vicino? Chi lo guarderà dritto negli occhi? Auggie è sfortunato, ma tenace e sa vedere il lato buffo delle cose. Riuscirà a convincere i suoi compagni che lui è proprio come loro nonostante le apparenze?

Immagine5

Recensioneùdi Alice

Qualche tempo fa mi trovavo in un negozio di elettronica con al suo interno una piccola sezione dedicata ai libri. Non avevo con me tanti soldi perché sapevo di non dover comprare molto quella sera ma, alla fine, ne ho spesi più della metà per acquistare questo libro e vi assicuro che non me ne sono pentita, assolutamente!

‘Wonder’ non è una parola che si può facilmente tradurre in italiano, è più che altro semplice stupore: è meraviglia, curiosità di fronte a qualcosa di diverso e questa emozione Auggie la conosce bene, perché la vede stampata negli sguardi di chi lo guarda per la prima volta.
August non è un bambino come gli altri, soffre della sindrome di Treacher Collis, che lascia intatto il corpo ma non il viso; ha però la fortuna di avere alle sue spalle una famiglia pronta a sostenerlo e a guidarlo, perché, nonostante la forza e la maturità che dimostra di fronte alle varie situazioni, è sempre e “solo” un bambino.
bimbo

“Era pronta ad incontrarmi. Ma racconta anche che quando ha abbassato lo sguardo per la prima volta sulla mia minuscola faccia spappolata tipo poltiglia ,tutto quello che è riuscita a vedere è quanto fossero belli i miei occhi. La mamma è stupenda, per inciso. E papà è un bell’uomo. Via è una ragazza carina. Casomai ve lo stiate domandando.” 

August è costretto, dopo vari anni di insegnamento privato, ad andare in una scuola pubblica con altri ragazzini della sua età, pronti a prenderlo in giro e a farsi beffe di lui. Non tutti sono, però, dell’idea che questo strano bambino sia da allontanare, tanto che a mensa riesce a farsi una nuova amica, Summer, che con la sua positività ed il suo ottimismo riesce ad influenzare anche il lettore.

August pretende di essere accettato per quello che è, non per quello che appare, nonostante molti compagni siano inizialmente reticenti nel farlo.

Con l’avanzare della vicenda al nostro protagonista si affiancheranno altri personaggi, tra cui Summer, che lo aiuteranno a superare i soliti drammi di prima media. Auggie riesce a farsi dei veri amici e partecipe alla sua felicità è anche il lettore, il quale è irrimediabilmente immerso in questa lettura coinvolgente.

mani_unite_amore_amicizia

“Così mi sono avvicinata e mi sono seduta con lui. Niente di che. Vorrei che la gente la smettesse di trasformare questa cosa in qualcosa di più grande. E’ solo un ragazzo. Il ragazzo dell’aspetto più strano che io abbia mai visto, questo sì. Ma solo un ragazzo”

Il romanzo è diviso in più parti, ognuna con un punto di vista diverso, di modo da farci conoscere le varie opinioni dei personaggi e non solo quelle di Auggie. Questa impostazione, però, non rende il libro confuso o difficile da seguire, anzi, tutto il contrario, perchè ci vengono spiegate situazioni e vengono messe a fuoco parti della storia che, con una sola focalizzazione, non si sarebbero capite a pieno.

Questo è un libro sulla gentilezza, sull’importanza del compito formativo della scuola e dell’educazione in famiglia: i bulli sono tali in quanto figli di persone che insegnano loro la sopraffazione.

È anche una storia commovente, a tratti comica, ma mirata a far riflettere ogni lettore che ha l’onore di posare lo sguardo su questa copertina azzurra.

Questo libro mi ha colpito particolarmente poiché mia sorella, avendo una disabilità visiva,  è sempre stata giudicata per il suo handicap ma ora, grazie a questa storia, sperando che chi la legga capisca e metta in pratica tutti i suoi insegnamenti, non mi sento più una delle poche a lottare contro i pregiudizi.

facciaCome per i libri si dice di “non giudicare un libro dalla copertina”, si dovrebbe anche cominciare a ripetere: “non giudicare una persona dalla faccia”, come del resto è scritto nella quarta di copertina. Spesso non sappiamo come ci si debba comportare di fronte ad una disabilità che ci mette di fronte al nostro rapporto con la bellezza, con l’estetica, e l’incredibile fortuna di avere naso e occhi al posto giusto.

“Coraggio. Gentilezza. Amicizia. Carattere. Sono queste le qualità che ci definiscono come esseri umani e che ci sospingono, di tanto in tanto, verso la nostra grandezza.

Lettura adatta a tutte le fasce di età, perché non si è mai né troppo grandi né troppo piccoli per imparare queste cose. Tra montagne di libri che non parlano di nulla, c’è ancora la possibilità di una lettura intelligente, quindi perché perdere questa occasione? Cogliamola al volo  😉

VOTO:

5Astelle.png

Immagine5

rj-palacio-292x220-VAICEETQR. J. PALACIO: Nata nel 1964, R. J. Palacio ha lavorato per vent’anni in editoria come grafica e art director. Palacio è il suo pseudonimo, ispirato al nome della madre di origini colombiane. Il libro è il suo primo lavoro letterario. Vive a New York con il marito, due figli e due cani.

Facebook-iconTwitter-icon

 

∼ by Alice

editing by CriCra

 

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi